Strenne bastardiSSime n. 1

Strenne bastardiSSime n. 1

di Iannozzi Giuseppe

Babbo Morto

Babbo morto
Se n’è andato
senza un saluto
Di cenere coperto
ha aperto il gas
e si è spento
in tutta serietà
Non uno di noi
ha pianto
Non gl’abbiamo
creduto mai,
neanche quando
diceva d’esser
assassino assai fine

Se ripenso
ai tempi andati
non un sentimento
un minimo buono
mi muove
a compatimento

La Befana,
sua vecchia amante
da una vita praticamente,
appresa la notizia
ha montato la scopa
con vecchia baldanza
Poi più niente, manco
un pezzo di carbone
o uno spinello
ai bambini danzanti
sulla tomba di Nietzsche

Angeli e Scimmie

Agl’angeli lassù
gl’han comandato
di non peccare,
di non cacciar
la testa
in un profilattico;
e di non d’andare
colle scimmiette
crocifisse laggiù

Papale papale
gl’han fatto osservare
di non abusare
della bontà
dei neri pastori
colle mani in mano
da un’eternità
Gl’han spiegato
che son servi di Dio
duri con sé stessi
e di più coi chierichetti
che schifati reggon loro
la grassa grossa candela
Ma chissà perché
tanti e tanti gl’angeli riottosi
che si son stretti nelle ali
schiantandosi presto
nell’aldiquà

Befana nera

Vien la Befana
brutta e nera,
punta alla Luna
gialla e serena

Vien di notte
con ossa rotte,
artrite devastante
dal neo sul naso
alla gobba
e ancor più giù
Brutto spettacolo
niente divertente
Mani e piedi
tiene uguali,
unghie lunghe
di sangue,
e in bocca
un sol dente
giallo traballane

In groppa
a una scopa
di bruna saggina,
quando lei passa
il cucciolo d’uomo
dà in pianto

Brutta assai,
bimbo mio
meglio è
che non sai;
forte di malie
l’occhio guercio
non risparmia
nessuno mai

Oh buon Gesù,
sei proprio qui
adesso tu


D’AMORE 3 – RomanticaVany e Iannozzi Giuseppe

D’AMORE 3
RomanticaVany e King Lear (Iannozzi Giuseppe)
ISBN 978-1-4709-8451-9
Edizione: prima edizione
Editore: King Lear
Pubblicato il 29 novembre 2011
Lingua: Italiano
Pagine 118
Prezzo: € 9,80

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, i miei romanzi su Lulu, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, libri, promo culturale, satira, segnalazioni, Viola Corallo e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Strenne bastardiSSime n. 1

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    decisamente bastardissime ahahahaha 😉 ma anche decisamente godibili.
    cinzia

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non m’andava d’esser sdolcinato. 😉 O meglio, ho preferito adottare una formula un po’ diversa, che fosse anche divertente e un po’ bastarda, affinché uno si interroghi anche sul valore dei miti, delle leggende, delle fiabe che in tempo di Natale si producono.

    Spero piacciano, perché ne avrei in mente delle altre. Ma, come sai, le piazzo poco per volta, non a caso questa è solo la prima tornata come ben indicato dal post.

    bacione

    Mi piace

  3. vanessa ha detto:

    Ciao Cinzia!!!!!!!! ♥♥♥

    Come non essere d’accordo con te caro King? Per fortuna una buona poesia aiuta spesso a comprendere meglio le immagini di un periodo come questo. In Italia, poi, dove la verità è relativa, dove esistono regole personali e fantasiose anche per le addizioni e le moltiplicazioni, dove tutto ciò che è oggettivo, misurabile viene visto come un paravento dietro cui si nascondono interessi poco chiari e collusioni varie. In fondo in un paese di paranoici e di indignati, a pochi interessa il vero e il falso per cui queste tue strenne mettono di buonumore..
    In questa celeberrima giornata di fede sono felice di ritrovarti, sei nel mio cuore e nella mia mente come il mio bastardiSSimo tenero orsetto.
    AbbracciSSimo. ♥ vany

    Mi piace

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Frittellina Vany, che bello, che bello, che bello sentirti. Io mi ti mangerei in un sol boccone, come una dolce frittellina al miele. ♥ ♥ ♥

    Credo che tu abbia detto proprio bene. In questa babele di politicanti un po’ così e così, e di indignati a volte non poco strani, perché chiaro che se l’indignato è un poverno nonno con una pensione minima è un paio di maniche mentre tutt’altro paio di maniche se a protestare è quello che guadagna palate di milioni: ed ecco dunque uno come Paolo Ghinolfi, amministratore delegato di Arval, che per evitare l’imposta provinciale di trascrizione) si trasferisce a Trento, che è regione autonoma quindi senza la suddetta imposta.

    Meglio lasciar perdere, frittellina Vany. ♥ ♥ ♥

    Ti leKKo tantiSSimo con una superleKKatina

    orsetto di VaNY

    P.S.: Non credere di non avere anche tu la mia strenna di natale. ^__^ Per te sto scrivendo una favoletta dolciSSima, credo la metterò online nel weekend per addolcirci noi tutti i kuori. ♥ ♥ ♥

    Mi piace

  5. cybermax67 ha detto:

    Woooow

    Mi piace

I commenti sono chiusi.