sempliciSSime teneriSSime – di Iannozzi Giuseppe

sempliciSSime teneriSSime

di Iannozzi Giuseppe

Dettagli del prodotto

D’AMORE 3
RomanticaVany e King Lear (Iannozzi Giuseppe)
ISBN 978-1-4709-8451-9
Edizione: prima edizione
Editore: King Lear
Pubblicato il 29 novembre 2011
Lingua: Italiano
Pagine 118
Prezzo: € 9,80


NOTA BENE: Queste sono poesieole bonus non presenti nel volume pubblicato D’Amore 3 di RomanticaVany e King Lear. [ g.i. ]

I.

Da te arrivo e spengo il fuoco
Ci bastano le stelle brillarelle
lassù in cielo per farci sognare
E un cuscino d’erba fresca,
d’altro non abbiam davvero bisogno
per amarci in tenerezza; il battito
dei nostri cuori riscalderà pascoli
e valli, e fin giù in paese si spingerà
per ricordare a chi l’avesse dimenticato
che due cuori amanti son di semplicità,
miracolo che respinge i venti

II.

Piccola bimba, apri gli occhietti,
e vieni presto ad accoccolarti
come gattina in cerca di calore
fra le mie braccia

III.

E’ un bambino
il cuore in petto
che per te batte
incessantemente

Non ti far pregar,
graffiami di dispetti
prima che sia
la prossima luna

IV.

La bambolina mia
vuol con me fuggire
in Giappone
perché sia la passione
e solo la passione
a farci sentire vivi,
in estasi
fra Terra e Cielo

Il mio cuore vuol
diventare la geisha
che per sempre amerò

V.

Sulla cozza pelata
ho preso ‘na secchia d’acqua gelata

Non ti far pregare,
non mi far piovere dagli occhi
lacrime salate

Vieni,
vieni a darmi una leccatina
sulla cozza pelata

VI.

Non mi vuoi più
Dovevo immaginare
che sarebbe finito
presto il sogno

Hai ragione, hai ragione tu
Con le pezze al sedere
e i tanti pensieri pesanti
che m’imbottiscono la testa
sol può essere la fine
della nostra relazione

Vagabondo senza meta
con la tua foto in fronte,
e prego Iddio
di non dimenticare mai
il tuo sorriso
Non mi resta che questo

VIII.

Avrei bisogno di coccole,
d’un vizio al femminile,
della dolcezza del tuo viso

Con la temperatura che va su
avrei proprio bisogno
d’una infermiera bella e gentile
che mi menta spudoratamente
su quanto son maschio e bello

Non arrivo agli anta
e già pecco di rincoglionimento
Una bella bimba
Una bella bimba tutta per me
che m’insegni a strisciar
ai suoi piedi per un bacio
e una carezza

Una bimba così
e crederò a fate e folletti
e a Dio pure

IX.

Alla pioggia le tue lacrime mischiavi
In silenzio mi feci intruso al tuo fianco
Non dicesti nulla, eccetto il tuo nome

Ricordo bene i tuoi occhi
e i serpenti di fumo legati alle lapidi
Eri giusto una bambina spaventata,
tenevi in braccio una foto ingiallita,
e impiccato al collo un Gesù d’oro
Mi chiedevo cosa ci facessi da sola
nel tristo paesaggio del cimitero

Pregavi, una cosa che non ho mai saputo fare
Dal volto bagnato provai ad allontanarti i capelli,
e si stampò rosso sulla mia faccia uno schiaffo
Pregavi per Janis, Jimi e Jim persi chissà dove

La seconda volta fu al mio funerale
In nero sei sempre stata molto chic
Una donna oramai – l’invidia del Paradiso
Due minuti soltanto di pianto e ti portasti via,
lontano
Era alto e bello il sole, non era proprio il caso
di piangere a lungo

X.

Dicono che
son meglio di Vasco
anche se non valgo un fiasco
E anche qui non vengono
gli angeli… sarà perché
son pesante,
noioso proprio come dici te

Ma io ho visto certe cose
Io ho visto quello spazio
che tu puoi solo immaginare
Sono stato oltre i confini
di Orione e del muro di Berlino,
non ho lasciato in piedi
un sol mattone

Dicono di buttar giù l’aspirina
anche se non fa le bollicine
Dicono che mi farà bene
da morire
Dicono così tante cose
che non gli sto più dietro
Queste voci che sento dentro
io voglio crederci,
incontri ravvicinati del terzo tipo
Dicono che sul pianeta delle Scimmie
crescerò anch’io finalmente,
che la smetterò di lamentarmi,
che non chiederò più risposte al vento
Io so soltanto che…
che continuerò a toccarmi a piacimento

Io so soltanto che…
che continuerò a toccarmi a piacimento
anche se vuoto è il fiasco dell’ebbrezza
Io so soltanto che…
che ancora cercherò la tua mano,
la tua mano che mi accarezza

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in amore, arte e cultura, consigli letterari, cultura, editoria, fantasy, i miei romanzi su Lulu, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, libri, poesia, promo culturale, segnalazioni, Viola Corallo e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a sempliciSSime teneriSSime – di Iannozzi Giuseppe

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    decisamente 🙂 Per chi desidera catapultarsi in un mondo d’amore questo libro è il regalo migliore.
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Per chi lo desidera sì. Ma quanti ancora credono nell’amore, in un sentimento pulito? 😉 Davvero dir non so, non con precisione comunque.

    bacione

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.