nuovi aggiornamenti su Jujol Cultura e Spettacolo e Critica letteraria di Iannozzi Giuseppe – comunicato 27 nov 2011

  nuovi aggiornamenti su Jujol Cultura e Spettacolo:

http://jujoliannozzigiuseppe.wordpress.com/

JuJol di Iannozzi Giuseppe Cultura e Spettacolie su iannozzi giuseppe – critica letteraria

iannozzi giuseppe – critica letteraria
http://iannozzigiuseppe.blogspot.com/

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in blog, comunicati stampa, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, jujoliannozzigiuseppe, segnalazioni e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a nuovi aggiornamenti su Jujol Cultura e Spettacolo e Critica letteraria di Iannozzi Giuseppe – comunicato 27 nov 2011

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    ma son cerotti?@@
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Quali cerotti?

    beppe

    "Mi piace"

  3. cinzia stregaccia ha detto:

    ehm ehm scusa ero senza occhiali son anelli
    cinzia

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ecco, mi sembrava. Chissà dove li avevi visti ‘sti cerotti. 😉

    beppaccio

    "Mi piace"

  5. Felice Muolo ha detto:

    Per ora è un enigma.

    "Mi piace"

  6. Felice Muolo ha detto:

    Mi riferivo a Monti. Ma è finito qua.

    "Mi piace"

  7. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    No, non un enigma. Ha l’appoggio persino di Berlusconi che dice papale papale “Compito difficile fatelo lavorare”. Lo dice anche perché sa bene che se l’Italia va giù allora anche lui e il suo impero. Ma non c’è dio o demone che possa più fare qualcosa per l’Italia. E Monti non è né un dio né un demone, giusto un uomo che sta facendo il lavoro sporco, quello che Berlusconi stesso avrebbe fatto se fosse ancora lui il premier.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.