Confessioni di un cuoco eretico. Torna in libreria un libro cult di David Madsen – Meridiano Zero editore

Confessioni di un cuoco eretico

David Madsen

traduzione di Francesco Francis

http://www.meridianozero.it/

Pag. 224 – Euro 14,00
ISBN 88-8237-160-9
collana: primo parallelo – Meridiano Zero

TRA CUCINA, EROTISMO E FILOSOFIA
UN IRRESISTIBILE PAMPHLET ANTIVEGETARIANO!

David Madsen - Confessioni di un cuoco eretico

Torna in libreria un libro cult di David Madsen, Confessioni di un cuoco eretico – Orlando Crispe è un cuoco d’eccezione, un vero Maestro dell’arte culinaria. Le ricette da lui inventate sono da capogiro e le cene che prepara nel suo ristorante romano, Il giardino dei piaceri, sono degli eventi a dir poco unici, non solo per la cucina sublime ma anche per le reazioni che il cibo provoca nei commensali. Il suo laboratorio grastronomico, dov’è coadiuvato da una bislacca coppia di gemelli, è tutto un vorticare di salse, pani, sughi, intingoli e paste.
Ma è la carne la vera regina dell’arte di Crispe, il blocco di marmo in cui lui intaglia le sue creazioni, la prima materia della sua attività alchemica. Questa passione sfrenata e ossessiva per la carne travalica l’angusto spazio tra i fornelli, arrivando ad assumere le connotazioni di un atto che sta tra l’amore puro e l’erotismo. Così, quando trasmuta i corpi di animali morti in brasati, tartares e arrosti, Crispe sente che il suo genio creativo partecipa di un mistero divino e originario, e allo stesso tempo cresce in lui il desiderio di essere una cosa sola con le sue pietanze.
La vera strada del genio, però, richiede studio e dedizione. Così, mentre alla sua mensa si succedono una varietà di personaggi curiosi – alte cariche ecclesiastiche, giornalisti di fama, potenziali mecenati – Orlando elabora nuove e visionarie teorie gastronomiche, in grado di produrre effetti sempre più sorprendenti sugli avventori. E per spingere la sua arte verso vette ancor più celestiali, non esita a sperimentare alcuni di questi stessi avventori come ingredienti per i suoi piatti…
Trasgressivo, surreale, provocante, il romanzo di David Madsen diverte e stimola nello stile a cui l’autore ci ha abituati con il precedente Memorie di un nano gnostico.
La storia di una grande passione, che trascina il lettore a riscoprire quell’esperienza unica racchiusa nel piacere della carne.

David Madsen è lo pseudonimo di un professore universitario inglese con un particolare interesse per il Rinascimento. Nato a Londra, ha studiato per diversi anni a Roma, città in cui ha subito il fascino dell’insegnamento dei grandi eretici gnostici e della loro influenza sulla tradizione esoterica in ambito cristiano. Attualmente vive e insegna a Copenaghen. Le sue opere sono state tradotte in dodici lingue. Di Madsen, Meridiano zero ha pubblicato nel 2005 Memorie di un nano gnostico, il grottesco romanzo storico su eretici e inquisitori nella Roma del Cinquecento, che lo ha fatto scoprire ai lettori italiani.
Titoli pubblicati da Meridiano Zero: Memorie di un nano gnostico, Confessioni di un cuoco eretico, Amnesie di un viaggiatore involontario.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, consigli letterari, cultura, editoria, fiction, Iannozzi Giuseppe consiglia, letteratura, libri, narrativa, promo culturale, romanzi, segnalazioni e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.