La nota perfetta – racconto di Iannozzi Giuseppe illustrato da Valeria Chatterly Rosenkreuz

La nota perfetta

di Iannozzi Giuseppe

– ad illustrare questo racconto, un’Opera di Valeria Chatterly Rosenkreuz

E così, alla fine, alla fine, sì, vedo, vedo. Prima non ci potevo credere, ma adesso tutto è chiaro. No, non è chiaro come ho detto, ma devo avere almeno l’illusione che sia così, altrimenti rischio che l’occhio del riflettore mi assorba in sé.

Com’è cominciato questo pasticcio?
Ne ho ricordo confuso: ogni tanto mi osservo spiare la mia statura che si proietta alta e s’immagina vicino a un’estasi, forse a quella di Dio. Non è bello come si potrebbe credere avere fra le mani le ali d’una farfalla ed essere costretti a suonarla, perché il pubblico vuole che tu, chitarrista, suoni punto e basta. No, vi assicuro che non è bello. Ma lo faccio lo stesso, perché una volta che abbraccio la farfalla, quella diventa mia, un prolungamento del mio braccio, della mano che regge il plettro scavando le note in profondità.

Credete sia facile far volare le note?
No, non lo è affatto. No, Bambina, non è come credi: io ci provo a dare il meglio di me, e non basta mai. Una nota insegue sempre un’altra nota, e per quanto non ne abbia voglia, alla fine cedo perché è usare violenza sulle ali della farfalla che reggo. E la violenza, quella, Bambina, non è un fiato che puoi rifiutare oggi e poi domani abortire, perché hai cominciato a pensare che forse è il caso che ti dia una calmata per il tuo bene. Quando sei sul palco, la vita non conta un cazzo: ci sei solo tu, tu e la farfalla, le sue ali, una cosa sola. E allora le braccia devono tenere la pesantezza imbracciata e sfiorarla con violenza, adoprarle uno stupro che possa suonare dolce quanto basta a far felice te stesso: se poi il pubblico capisce, quello è strazio che non sai. Ma finché sei sul palco, devi continuare a strapazzare, a violentare inseguendo la nota perfetta, anche se sai che mai ci riuscirai, perché ogni ululato di piacere, di dolore che ti riesce di strappare alla farfalla è subito coperto da uno più alto che copre quella statura che tu credevi d’avere.
Be’, m’ero immaginato proprio alto, e invece scopro d’esser appena un pollice al di sopra delle vostre teste. E per questo scarto ridicolo mi dovrei dar da fare, perché l’estasi vi faccia prigionieri, quando io stesso non so neanche perché sto ancora qui a tirare un altro riff?
Ecco, ecco, l’occhio del riflettore mi punta tutto, mi mette in luce, fa di sé il suo cono di vita. Ed io, io non conto niente, non più! Già, perché la luce ti prende in sé, e tu sei proprio lì in mezzo a lei, e vedi che tutto è un abbaglio feroce; se poi cerchi di scavare oltre la luce, scopri solo che c’è qualcosa che non puoi distinguere, ma che tu sai essere il buio. Già! Gli occhi fanno di questi scherzi bastardi. Tu – ma tu, chi? – gli spari addosso tutta la luce che hai, e il resto del mondo intorno si estingue, anche se è naturale pensare che esista ancora. Ma tu hai in braccio quella fottutissima farfalla che ti tiene, o forse sei tu che tieni lei – ma che differenza vuoi che faccia alla fine? – e sei costretto ad amare, perché amare è violentare e lasciarsi violentare senza opporre resistenza.
Ecco, Bambina, metti pure in conto che devo tirarla pur fuori qualche rima, e cantarla: il gioco non si fa affatto facile, perché non lo è mai. No, mai facile. Però lo sembra. Il pubblico non sa quanto sia difficile sparare così, fare all’amore così, subire violenza e donarla. Il pubblico pensa sia facile. Non è così. La reggo, sì, continuo a reggerla la farfalla. No, non ti preoccupare, non ora, che siamo qui insieme a farci vedere mentre lo facciamo insieme. No, Bambina, non ti devi preoccupare: ti reggo anche se sono stanco, reggo le ali, la farfalla, reggo te e la chitarra. E’ difficile, ma tu lasciami almeno provare, perché a questo punto non è più possibile tornare indietro. E anche se fosse possibile, dove scappare? Vedi! Vedi!, che ho ragione a dire che non si può fare diversamente. Vedi? E’ un sogno, è la realtà che sappiamo. Vedi? E’ un sogno, ma la notte è polvere di stelle. Vedi? Brilliamo così, suoniamo insieme come un pensiero che non si dice, pur sapendo che esiste.
Bene, non c’è altro da fare: lasciamo perdere sì, lasciamo perdere tutto quello che ho pensato, e diamoci sotto. Il plettro sfiora un’altra volta le tue ali: reggo la nota, l’allungo, la prolungo, poi la spezzo, ma non le faccio male lasciandola cadere spezzata: subito la raccolgo e la prolungo di nuovo e la emoziono in una nota diversa, armoniosa. E c’è di bello – l’unica certezza che ho e so – che non sei cambiata nonostante t’abbia violentata, fino all’ultimo, amandoti, così.
Sì, adesso è chiaro. E’ chiaro che non ci possiamo separare.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, fiction, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, letteratura, narrativa, racconti, racconti brevi e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a La nota perfetta – racconto di Iannozzi Giuseppe illustrato da Valeria Chatterly Rosenkreuz

  1. vanessa ha detto:

    La nota perfetta è come l’amore di un genitore per il proprio figlio, lo alleva dalla nascita per poi vederlo crescere sempre più, gli sta vicino con amore nelle sconfitte, nelle vittorie, nelle delusioni, e nelle gioie.
    L’amore…
    è l’emozione più potente al mondo.. può farti stare divinamente, ma può anche farti sentire di merda, cosa dire.. depressione e felicità sono solo due stati d’animo che subentrano si mischiano tra di loro così da farti diventare dipendente.
    Ed è così anche per il tuo artista ama il suo strumento sé stesso.
    Bravissimo…
    Bonne nuit mon cher a demain
    ♥ vany

    "Mi piace"

  2. vanessa ha detto:


    chocolatée doux baisers
    ♥ vany

    "Mi piace"

  3. cinzia stregaccia ha detto:

    emozionante questo tuo.quel qualcosa di unico che solo pochi provano portandoli quasi ad una folle esaltazione per poi ricadere nella trappola dei perchè..che in fondo non hanno alcuna importanza ma dai quali è impossibile sottrarsi se non quando le ali della farfalla lasciamo la loro polvere sulle mani.
    cinzia

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sappi che se non mi dai presto una leKKatina VANYtosa le tue belle mutandine turchesi non le rivedrai mai mai più. ;-)))

    orsetto bastardiSSimo ♥ ♥ ♥

    "Mi piace"

  5. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E’ il disegno emozionale di un artista. In questo caso, basandomi sull’Opera dell’amica Chatterly, ho descritto il tormento che ogni artista prova quando cerca di portare le sue emozioni al pubblico attraverso l’Arte. L’Arte è una cosa strana, dà all’artista la possibilità di esprimersi ma allo stesso tempo lo consuma. Quanti artisti sono crollati nel corso dei secoli? Tanti. Non è questione di debolezza caratteriale, è invece altra cosa: l’Arte, quando fatta ad un certo livello, dà al pubblico e consuma colui che crea. Il vero Artista quando crea si pone un po’ sullo stesso piano di Dio emulandolo, sfidandolo, perché l’Artista intende creare dal nulla al pari di un dio.

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.