ladri puttane assassini – di Iannozzi Giuseppe

ladri puttane assassini

di Iannozzi Giuseppe

Preghiera

Sia Dio
– se grande è
come dicono –
a punire
quanti oggi
con passo altero
e menzognero
ruggiscono,
pestando
il morente
pria che sia fantasma
senza più
l’ombra d’un respiro

Sia Dio,
nomato
Alto e Onnipotente,
a stringere
le dita
attorno al collo
di malandrini,
ladri, puttane
e assassini

Nei turbini di cenere
che novembre monta,
fratelli, preghiamo
per una veloce fine

Col teschio in mano

Perché caduto
dalle grazie
di quel Dio
da tutti o quasi
in varie fogge
osannato,
adesso qui
assiso
non ricevo
che l’attenzione
di stranieri,
di morti
senza arte
né parte
Col teschio
in mano
ripeto il motto
che fu
di Shakespeare,
moro cattolico
quanto me perverso,
e geniale, certo che sì

Perché caduto,
muovo guerra
non al Cielo,
ma a coloro
che han fatto
del mio nome
Spavento
– chiodi su mani
e piedi
ai condannati
smaniosi solo
d’una più cruciale
verità al di là
del Bene del Male

La tua calibro 9

Sai sorridere bene,
ma quella calibro 9
non la nascondi
a dovere

So che sei bella
Me lo ripeti
ogni giorno
Hai capito
il significato
estremo
d’esser donna
Ti metti
in mostra,
sei bella
sei una stella,
lo sai bene
Hai capito
che più del pensiero
conta la forma

Sai sorridere bene,
ma le pistole
non sono adatte
alle bambole
or come ora
Domani chissà!
Ma oggi
ti conviene
farmi fuori
con i tacchi
ancheggiando
mostrandomi
la perfezione
del tuo culetto
a mandolino
che non avrò mai
per mio cuscino

Hai imparato
presto i nomi
di Dio, tutti
Quella calibro 9
non ti si addice
Per farmi secco
non hai bisogno
di premere il dito
sul grilletto

Sei bella
sei una stella,
me lo ricordi
ogni santo giorno
E mi maledico io
Sei bella, sì

Lascia a me
la calibro 9
La mia mano sa
tutto della canna
del grilletto
del mirino,
ma non la userò
Basta un attimo
Un tuo comando
Il tuo sculettare
per mandarmi
al Creatore

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, poesia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a ladri puttane assassini – di Iannozzi Giuseppe

  1. vanessa ha detto:

    Ha riscossi consensi tra gli anni settanta ed ottanta, con il suo gruppo, chiamato semplicemente Santana. Già allora mescolava vari generi, quali salsa, rock classico, blues e fusion. Allora come oggi Santana usava in modo estensivo i suoi assoli di chitarra, e si avvaleva anche di strumenti più tradizionali del suo paese. In seguito ha continuato a sperimentare questa formula, tra alterne fortune.
    Io come sai non lo conosco ho letto su Wikipedia.
    E per la poesia.
    Bho sono stanca, ladri , puttane e assassini tienili lontano, ora è buio.
    Vado a letto.

    ♥ ‘notte ♥ vany

    "Mi piace"

  2. cinzia stregaccia ha detto:

    Poesie scritte in stile che raramente usi. “Penetranti” direi specialmente, almeno per me, Preghiera.
    Buongiorno
    Cinzia

    "Mi piace"

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Che Agnellina, che Agnellina, che Agnellina. Però lo hai detto che hai letto su Wikipedia. 😉 In pratica non conosci Carlos Santana. ^_^

    Le poesie non ti piacciono, lo so. 😉 E però biosgna anche parlare di cose spiacevoli. Bisogna esser grandi davvero.

    Avanti, Agnellina, apri gli occhietti belli e vieni a darmi una leKKatina amorosa ♥ ♥ ♥

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Vero. Stile diretto e parole fin troppo chirurgiche per evidenziare il malaffare che purtroppo impera.

    Buondì, Stregaccia ♥ ♥ ♥

    beppaccio

    "Mi piace"

  5. vanessa ha detto:

    E però bisogna anche parlare di cose spiacevoli. Bisogna esser grandi davvero..
    Si, lo siamo grandi le vediamo e le sentiamo tutti i giorni le tue storie , ma io ieri sera volevo darti la buonanotte non mi piaceva commentare commentare poi che cosa?.
    Non ricordo quando, ma ho letto una cosa interessante: ci si dovrebbe porre, ogni tanto nella vita, le proprie certezze sotto forma di domanda e cercare, quindi, di darsi una risposta. Io, di mio, cerco di essere, sempre coerente perché la credibilità e il rispetto per se stessi, e per quello che si dice, sono le cose fondamentali per riuscire a guardarmi allo specchio. Quindi, in un futuro prossimo , mi propongo di affrontare quello che ritengo vero per me, mettendolo in dubbio e vedendo se, effettivamente, qualcosa è cambiato perché da che mondo è mondo le storie e le poesie che tu scrivi sono sempre esistite.
    Un dolce saluto a te e a Cinzia ♥ vany

    "Mi piace"

  6. cinzia stregaccia ha detto:

    dai miei quasi 60anni ti dico che hai ragione quando dici che da che mondo e mondo queste cose vengon dette ma è compito di ogni generazione a suo modo combatterle e denunciarle. si qualcosa è cambiato ..c’è una escaletion (spero si scriva così) di violenza, mancanza di valori,indifferenza per gli altri…… come pietre che precipitano da una montagna distruggendo tutto ciò che incontrano..
    un bacio grande Vany
    cinzia

    "Mi piace"

  7. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Da parte mia osservo la decadenza della mia generazione e ne evidenzio i difetti denunciandoli. Tuttavia non so dire fino a che punto questo possa essere utile. Un granello nel mare, ma d’altro canto ogni generazione si è trovata a dofer affrontare i problemi del proprio tempo storico come ha potuto, a volte in maniera migliore altre con risultati molto discutibili.

    Bacioni a te e alla pestifera VaNY ♥ ♥ ♥

    beppe orsetto

    "Mi piace"

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Tu, Vany, hai ragione. Io affronto la decadenza della mia generazione sottoponendola al mio punto di vista, che non è assolutamente né perfetto né onnisciente. Opero un atto di denuncia. Ogni generazione, a suo modo, l’ha fatto e finché ci sarà un briciolo di libertà continuerà a farlo.

    ♥ ♥ ♥ Ora pensa a qualcosa di bello e di dolce per la nostra 4mani. O vuoi saltare l’appuntamento? 😉

    LeKKatine peccaminoSe 😉

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.