Stalin il molestatore di bambine – di Iannozzi Giuseppe

Stalin il molestatore di bambine

di Iannozzi Giuseppe

Stalin

Stalin è morto
Lo dice anche l’Unità
E’ morto troppo tardi però

Stalin finì pazzo
con la testa nel pozzo,
cercando
il riflesso della Luna
e la rotondità dell’ultimo rublo
in circolazione

Non risparmiò nessuno
Al muro gay e avversari,
contadini alla fame e liberi pensatori,
donnine allegre e fanciulle in fiore;
tutti fece fucilare
senza mai una eccezione

 

«Arrivavano,
cercavano dappertutto,
si portavano via anche
il cibo cotto nelle pentole»
Ma era un ometto basso,
non più alto d’un metro e sessantaquattro;
il braccio sinistro semiparalizzato
più corto del destro di buoni cinque centimetri,
e il piede sinistro uno zoccolo caprino
di dita fuse insieme

«Stalin morto… gloria eterna…
più di tutti ha fatto per la liberazione,
per il progresso dell’umanità»,
così racconta il giornale
Molestatore di bambine,
accompagnatore di minorenni,
violentatore maniaco sessuale…
Grand’uomo davvero
con quella faccia butterata
da eterno invalido incivile

E’ morto, è osannato
da una manica di brigatisti
che non hanno mai accusato
sulla loro propria pelle
il Terrore Rosso;
bellamente seppelliscono gli orrori
per riesumarne presto la putredine
e dal Patio poi straparlare
di Marx, di morti bianche
e d’una rivoluzione popolare

Con quale faccia, per Dio!

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, controinformazione, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, poesia, politica, storia - history e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Stalin il molestatore di bambine – di Iannozzi Giuseppe

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    più che una satira mi pare una lucida analisi..di chi morto si crede ma morto non è e con lui quelli come lui di qualunque parte.
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    In effetti sì, è più una analisi e una prosa poetica: tutto quello che qui è stato evidenziato è realtà storica, non c’è niente di inventato purtroppo. :-(((

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.