tra Musica e Poesia – traduzioni di Iannozzi Giuseppe

tra Musica e Poesia

traduzioni di Iannozzi Giuseppe

H0 deciso
(da “Morte di un cicisbeo”, Leonard Cohen)

Ho deciso di anticipare di anni la letteratura. Poiché sei arrabbiata, ho deciso di farti infuriare. Vengo contagiato dal veleno delirante del disprezzo quando penso alle vostre vite e ai vostri lavori. Ho imparato il disprezzo da te. Filisteo implica un vigore che tu non hai. Questo paragrafo non può essere misurato da un pugno di ferro. Lo si capisce immediatamente. Rifugge dal tuo amore. Ho avuto il piacere della tua compagnia. Il mio lavoro è in atto.


Prima prendiamo Manhattan
(Leonard Cohen, traduzione e adattamento di Iannozzi Giuseppe)

Mi hanno condannato a vent’anni di noia
per aver tentato di cambiare il sistema dall’interno.
Adesso vengo, vengo a ricompensarli.
Prima prendiamo Manhattan, poi prendiamo Berlino.

Sono guidato da un segno nel cielo.
Sono guidato dalla voglia sulla mia pelle.
Sono guidato dalla bellezza delle nostre armi.
Prima prendiamo Manhattan, poi prendiamo Berlino.

Mi piacerebbe davvero vivere accanto a te, piccola.
Amo il tuo corpo e il tuo spirito e i tuoi vestiti.
Ma vedi quella fila che attraversa la stazione?
Te l’ho detto, te l’ho detto, te l’ho detto ch’ero uno di quelli.

Mi hai amato quand’ero un perdente,
[ma ora ti preoccupa che possa vincere per un pelo.

Sai come fermarmi, ma ti manca la disciplina.
Quante notti ho pregato per questo, perché il mio lavoro cominciasse.
Prima prendiamo Manhattan, poi prendiamo Berlino.

Hey Mister, non mi piacciono i tuoi intrallazzi con la moda.
Non mi piacciono queste droghe che la mantengono magro.
Non mi piace quello che è successo a mia sorella.
Prima prendiamo Manhattan, poi prendiamo Berlino.

Mi piacerebbe davvero vivere accanto a te, piccola.
Amo il tuo corpo e il tuo spirito e i tuoi vestiti.
Ma vedi quella fila che attraversa la stazione?
Te l’ho detto, te l’ho detto, te l’ho detto ch’ero uno di quelli.

E ti ringrazio per le cose che mi hai mandato:
la scimmia e il violino di compensato.
Mi sono esercitato tutte le notti ed ora sono pronto.
Prima prendiamo Manhattan, poi prendiamo Berlino.

Ti ricordi di me? Un tempo vivevo per la musica.
Ti ricordi di me? Ti portavo dentro la spesa.
E’ la Festa del Papà, e sono tutti addolorati.
Prima prendiamo Manhattan, poi prendiamo Berlino.

Un giorno splenderà su te
(Gary Moore, traduzione e adattamento di Iannozzi Giuseppe)

Quello sguardo l’ho già visto da qualche parte prima
Il tuo dolore è come una porta aperta
Sei stata in questo stato per troppo tempo
Qualcuno deve averti fatto del male, si
Ma un giorno il sole risplenderà su te
E volgerà le tue tante lacrime in riso
Un giorno i tuoi sogni saranno realtà
Un giorno il sole risplenderà su te

Ho visto quello sguardo così tante volte
Conosco la tristezza che è nei tuoi occhi
La tua vita è come un pozzo dei desideri
Dove va, solo il tempo lo dirà
Ma un giorno il sole risplenderà su te
E volgerà le tue tante lacrime in riso
Un giorno tutti i tuoi sogni saranno realtà
Un giorno il sole risplenderà su te

Dì addio alle notti solitarie
Dite addio alla Stella Polare
Dì addio ai freddi venti del nord
Dì addio alle foglie dell’autunno
Perché un giorno il sole splenderà su te
E volgerà le tue tante lacrime in riso

Un giorno tutti i tuoi sogni saranno realtà
Un giorno il sole splenderà su di te
Un giorno il sole splenderà su di te
Un giorno il sole splenderà su di te

Spareremo al cane
(George Michael, traduzione e adattamento di Iannozzi Giuseppe)

GTI, che bolide!
La parcheggia lì solo per farmi invidia
Testa di cazzo, ti faccio vedere io chi è il duro
Sparerò al cane, sparerò al cane
Ogni giorno è un giorno di festa
Ho passato il sabato notte fatto di Novocaina
Ho chiamato i porci ma nessuno è arrivato
Sparerò al cane, sparerò al cane… (forza ragazze)

999 – c’è un fottuto casino
Gente, avete visto quel fuoco in città?
Sembra che abbiamo freddato i democratici
Dovreste accattarvi un gingillo semi-automatico, yeah
Per questo io sono sempre fatto, yeah
Per questo esco a divertirmi
Bravo cagnolino, bravo cagnolino
Continua a fare le feste…

Mustapha
Mazeltov
I ragazzi di Gaza
Tutta quella porcheria santa

Quando mi riprendo ho la sensazione
che faranno fuori il cane, spareranno al cane

Quindi, mia cara Puttanella
potresti darmela almeno stanotte?
Digli
“Tony, Tony, Tony, lo so che sei arrapato
ma in Bush c’è qualcosa che non mi va giù”

999 – c’è un fottuto casino
Per questo sono sempre fatto
Per questo esco a divertirmi
Bravo cagnolino, bravo cagnolino
Continua a fare le feste…

L’Ayatollah viene bombardato, yeah
Guardate come si diverte il sergente Bilko
Bravo cagnolino, bravo cagnolino
Continua a fare le feste per l’Uomo

Credo, credo in quello che disse il saggio
anche se so che lassù non c’è nessun Signore
Credo in me, credo in voi
e sapete che credo nell’amore
Credo nella verità anche se sparo menzogne a volontà
Soffro durante le età della vita
Non me ne frega niente della fatica che mi costa
Continuerò a credere nell’amore
E dico

Puttanella, tesoro, rolla una canna
Ho voglia di spassarmela
e guardare la Coppa del Mondo con te
Sì, cosi va bene
Ci stiamo lasciando andare stanotte
Resta con me stanotte
Divertiamoci un po’ mentre Tony è impegnato

Andrà tutto bene
Andrà tutto bene
Vedi Tony che balla con Dubya,
non immagini perché?

Istantanea di famiglia
(Peter Gabriel, traduzione e adattamento di Iannozzi Giuseppe)

Le strade costeggiate da troupe televisive
Dovunque lui vada fa notizia
Oggi è diverso
Oggi non è come sempre
Oggi entro io in azione
Scatto istantanee nella luce, sparo in mezzo alla luce

Quattro miglia più giù la colonna di auto si muove
Va dritta verso il sole
Se ho fatto bene i miei calcoli
Non mi vedranno né vedranno la pistola

Ancora due miglia, stanno sgomberando la strada
Il tifo del pubblico cresce in maniera palpabile
Ho la mia radio, sento ogni cosa che accade

Ho aspettato questo momento
Ho aspettato questo momento
Tutta quella gente davanti allo schermo tv
Darò la sveglia alle vostre orecchie vuote
Nell’ora di punta la scena madre nel flash
brucerà in un lampo non appena farò irruzione
nelle vostre celle di memoria
Perché io sono

Stanno arrivando da dietro l’angolo
I motociclisti in testa al corteo
Asciugo il sudore via dagli occhi
E’ questione di tempo, è questione di volontà
La macchina del Presidente non è lontana
Ma non è lui che io ho in mente
Perché eccolo, l’uomo del momento in piedi sulla limousine
– In realtà non ti odio, non m’interessa quello che fai
Eravamo fatti l’uno per l’altro io e te
– Voglio essere qualcuno
Anche tu prima eri come me
– Quello che non ti viene dato impari a prendertelo
E io prenderò te

Trattenendo il respiro
Tolgo la sicura
E lascio volare libero il proiettile

Tutto è tranquillo adesso, sono già stato qui
Un ragazzo solitario nascosto dietro la porta d’ingresso
Gli amici sono tornati tutti a casa
C’è la mia pistola giocattolo sul pavimento
Tornate, mamma e papà
Vi allontanate sempre più da me e lo sapete
Divento grande nella tristezza
Ho bisogno d’un po’ di attenzione
Sparo nella luce

Aiutami a camminare senza paura
(Michael Stipe, traduzione e adattamento di Iannozzi Giuseppe)

come sorge il sole, come la luna
cala
queste pesanti nozioni si insinuano
e mi fanno riflettere
tempo fa fui scaraventato
in questa vita, un agnellino,
un agnellino
coraggioso, barcollante
senza paura era il mio secondo nome
ma laggiù, da qualche parte, io
ho perso la mia strada
tutti camminano allo stesso modo
si aspettano
che io percorra lo stretto sentiero
che loro hanno tracciato
affermano
di camminare senza paura
io invece sarò goffo
sostieni il mio amore o lasciami
in alto

dicono “resta nei confini se vuoi giocare”
dicono “solo la contraddizione lo fa più duro”
come posso essere
ciò che voglio?
quando tutto quello che voglio è fare a pezzi
queste piatte costrizioni
e rompere questa sciarada
fare a brandelli questa triste mascherata
non ho bisogno di alcuna persuasione
inciamperò, cadrò, mi rialzerò e
camminerò senza paura
io invece sarò goffo
sostieni il mio amore o lasciami
in alto

anche se ho un sacco di pietre
da trasportare lungo il mio cammino
voglio tenere la testa alta
non importa cosa dovrò superare
sono pronto a guardarti negli occhi
guardami negli occhi
se vedi affinità
allora celebra la contraddizione
aiutami, quando cado,
a camminare senza paura
io invece sarò goffo
sostieni il mio amore o lasciami
in alto

Sono arrivato in alto
(Michael Stipe, traduzione e adattamento di Iannozzi Giuseppe)

hai visto?
non l’ho fatto, viaggerò
ho perso la grande rivelazione?

i miei occhi
i miei occhi sembrano vuoti?
ho dimenticato come ci si sente

sono arrivato in alto
ho scalato così in alto
ma la vita a volte
si lava al di sopra di me

siete stati?
lo avete fatto, viaggerò
sono caduto sulle mie ginocchia

ho sbagliato?
non lo so, nessuna risposta
ho solo bisogno di credere

sono arrivato in alto
ho scalato così in alto
ma la vita a volte
si lava al di sopra di me

così
mi sono tuffato in uno stagno
tanto freddo e profondo
che se affondo affondo
e quando nuoto volo così in alto

quello che voglio
quello che realmente voglio
è solo vivere la mia vita in alto

e so
so che voi volete lo stesso
posso vederlo nei vostri occhi

sono stato in alto
ho scalato così in alto
ma la vita a volte
si lava al di sopra di me

si lava al di sopra di me
chiudo gli occhi cosi posso vedere
fare il mio credere-fatto, credere
in me

Nato per amarti
(Freddie Mercury – traduzione e adattamento di Iannozzi Giuseppe)

Un’incredibile emozione mi attraversa
Sono nato per amarti
Con ogni singolo battito del mio cuore
Si, sono nato per prendermi cura di te
ogni singolo giorno della mia vita

Sei la sola per me
e io sono l’uomo giusto per te
Sei stata creata per me,
sei la mia estasi
Se dovesse essere necessario
ucciderei per il tuo amore
E allora dammi un’occasione,
lasciami essere un po’ romantico con te
Sono precipitato in un sogno
e i miei sogni diventano realtà
E’ così difficile da credere
che stia capitando proprio a me
Una sorprendente emozione mi attraversa

Sono nato per amarti
con ogni singolo battito del mio cuore
Si, sono nato per prendermi cura di te
ogni singolo giorno della mia vita

Voglio amarti
Amo ogni più piccola cosa di te
Voglio amarti, amarti, amarti
Nato per amarti, nato per amarti…
Sì, sono nato per amarti
Nato per amarti, nato per amarti…
ogni singolo giorno della mia vita
Sono nato per prendermi cura di te
ogni singolo giorno della mia vita

Sono nato per amarti
con ogni singolo battito del mio cuore
Si, sono nato per prendermi cura di te, Dolcezza
Ogni singolo giorno della mia vita

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, musica, poesia e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a tra Musica e Poesia – traduzioni di Iannozzi Giuseppe

  1. vanessa ha detto:

    Buono il binomio tra musica e poesia
    Bene, bene,bravo bravo.
    E’ sicuramente qualcosa di naturale… per te con un pizzico di emotività
    Complimenti!!

    Buona serata e buona nanna!!
    LeKKatina ♥ vany

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Nocciolina Vany, ♥ ♥ ♥

    ho scelto alcune canzoni che a me piacciono in particolar modo e le ho tradotte, spero bene, con sensibilità d'artista, perché tradurre non è facile: bisogna entrare in sintonia con l'artista e comprenderlo e amarlo rispettandolo. I testi tradotti sono anche delle poesie: le canzoni sono poi anche questo, parole e musica. E le parole, in molti casi, sono poesia.

    Per te I was born to love you, ovviamente dall'incredibile voce di Freddie Mercury. Una canzone adattissima per il tuo cuoricino romantico. ♥ ♥ ♥

    Che bello, che bello, che bello, la leKKatina, la TUA leKKatina, che bello, che bello, questa cosa della leKKatina è poesia. ♥ ♥ ♥

    Ma che fai? Il calendario vanYtoso? ^__* Sù, avanti Nocciolina, raccontami di come fai le uova con il prezzemolo. Spiegaci la ricetta, con l'amore che tu sai. Avanti, l'orsetto ha fame e ha bisogno d'una ricetta d'amore in questo Ottobre che promette foglie biscottate. 😉

    LeKKatina orsina

    orsetto di VaNY

    Mi piace

  3. cinzia stregaccia ha detto:

    penso che oltre la bravura e il testo della canzone ci voglia cuore per far traduzioni così.
    ciao Beppe
    cinzia

    Mi piace

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Indubbiamente sì, non lo nego: tradurre un testo poetico è forse la prova più alta per un poeta o per chi viene indicato come tale, perché tradurre testi altrui nella propria lingua implica riuscire a comprendere in primis la sensibilità degli artisti. Chi non ne è capace potrà restituire all’eventuale lettore solamente delle traduzioni sterili.

    beppe

    Mi piace

I commenti sono chiusi.