L’onnipotente di Michele Vaccari – Laurana editore – collana Rimmel (narrativa italiana)

I cristiani io li conosco bene. Loro sì,
che sono i peggiori. Voi rubate, uccidete, spacciate, violentate. Ma lo fate alla luce
del sole. Loro sono uguali a voi, ma nascondono tutto. Proteggono la loro vera natura mandando avanti a rappresentarli
il loro sosia: la morale. Fare la morale,
ecco la loro maschera.

Il sito: http://www.onnipotente.it/


L’onnipotente
Michele Vaccari

Laurana editore – collana Rimmel (narrativa italiana)
pp. 224 – Isbn: 978-88-96999-03-5 – Prezzo € 15,50

leggi un estratto

Perverso, cocainomane, spietato.
E vuole diventare papa.

Figlio di un pezzo grosso della politica italiana, Santo Bustarelli ha il destino segnato: sarà ancora più potente del padre. Non mira però a diventare ministro o presidente del consiglio, vuole di più, vuole il potere dei poteri. Vuole ascendere al soglio di Pietro, essere papa, disporre dei beni della Chiesa e delle anime dei fedeli.
Una volta ordinato sacerdote, Santo dispiega metodi di propaganda inauditi. Apre le prime discoteche cristiane al mondo e le sue prediche in diretta televisiva hanno un seguito oceanico. Allo stesso tempo stringe sotterranei accordi con la mafia e con i produttori di armi, controlla i traffici di droga e addestra un esercito di diseredati pronti a scatenare per lui l’Apocalisse. All’apparenza è un moralizzatore, in realtà è un individuo abbietto che brucia le tappe della carriera ecclesiastica partendo da Chiavari, in Liguria, per arrivare in Vaticano. Dove il vecchio papa comincia a tremare. L’onnipotente è un romanzo intenso e scandaloso scritto senza mezze misure.
Un assalto scagliato contro chi ha dimenticato che al centro della Chiesa deve stare la fede e non le cose del mondo. Ma anche, e soprattutto, una rappresentazione di cosa accade quando il potere mira solo al suo accrescimento.  Si tratta di una fame pericolosa, che è il marchio dei nostri anni.

Michele Vaccari si occupa di scrittura e comunicazione dal 1996.
Si è laureato nel 2004 al Dams di Imperia con una tesi sul confronto tra Grand Guignol e SplatterPunk. Nello stesso anno, ha conseguito il Master in Teoria e Tecniche della Narrazione della Scuola Holden di Torino. Dopo pochi mesi ha incominciato a occuparsi di editoria e didattica a livello professionale.
Ha creato e coordinato due progetti editoriali (Wanted per Bevivino Editore, Verdenero per Edizioni Ambiente), facendo scrivere, pubblicando e promuovendo, tra il 2005 e il 2009, una trentina di volumi; ha insegnato scrittura per lo spettacolo presso l’università di Genova, ha lavorato come copywriter per la Wind e per alcuni emittenti private liguri, è stato redattore per le riviste musicali Groove e Rocksound. Ha fondato e collabora attivamente al progetto Enter-tain come screenwriter e regista di videoclips, documentari e prodotti per advertising, filmaking e viral marketing.
Ha scritto e pubblicato due romanzi (Italian Fiction, ISBN Edizioni 2007; Giovani, nazisti e disoccupati, Castelvecchi Editore 2010). Attualmente, è curatore editoriale della collana Inaudita BIG per Transeuropa Edizioni, coordina la rassegna letteraria “Dietro le Storie” per il comune di Santa Margherita Ligure, è soggettista e script consultant per il regista Marco Bechis.
Ama il genere, lavorare di notte, partire, gli esclusi, la cucina della memoria, la fantasia, il musical.
“L’onnipotente” è il suo ultimo romanzo.

Informazioni su Giuseppe Iannozzi

Iannozzi Giuseppe, detto Beppe Iannozzi o anche King Lear. Chi è Giuseppe Iannozzi? Un giornalista, uno scrittore e un critico letterario Ma nessuno sconto a nessuno: la critica ha bisogno di severità e non di mafiosa elasticità.
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, comunicati stampa, consigli letterari, cultura, editoria, fiction, Iannozzi Giuseppe consiglia, letteratura, libri, narrativa, promo culturale, romanzi, segnalazioni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.