D’Annunzio superdotato

D’Annunzio superdotato

di Iannozzi Giuseppe

Io sono stufo, arcistufo: cioè sono stufo proprio, veramente. Gli Harmony costano poco, ma a prenderci il vizio è terribile, peggio d’esser un tabagista al limite con due piedi nella fossa – quella che gl’hanno scavata di fresco, alla nascita, ma non all’ombra d’un salice piangente. Comunque è vero: non si può fare a meno di leggere libelli così, perché con quello che l’editoria spaccia in giro, uno se proprio vuol leggere si deve dar da fare di mano, con un Harmony o con l’ultimo numero di PlayBoy. Io cerco di alternare, per non prendere il callo né per l’uno né per l’altro. Poi ci sono i romanzetti rosa che però sono dei noir, dei thriller, dei gialli – e solo dio sa cos’altro – e che costano l’ira di dio (difatti neanche dio li prende se non a calci in culo – però ci stanno quattro angeli custodi riottosi che comprano e comprano purché si senta l’odor del sangue in stile hollywood o holy-wood-bible); in questo genere rosa (con qualche colpo di pistola, un po’ di sangue, due o tre drag queens, il solito che ha fatto la IIa guerra mondiale – solitamente trattasi d’un fascista o d’un partigiano -, il detective supermacho che c’ha problemi con la tipa che non se lo caga più mentre il capo c’ha invece un’attenzione morbosa per chi con la pistola… personaggi così… ma senza dimenticare tratte di uomini, di donne e anche di animali in alcuni casi…) immancabilmente c’è la povera sfigata – sì, perché è una povera sfigata, inutile girarci attorno – che deve far la parte della donna del detective portandosi sul gobbo pure quella di brava madre di famiglia solo leggermente puttana, ma più spesso si tratta d’una Pretty Woman in Carriera.

Ecco, capite da Voi che siamo nel rosa più puro, rosa confetto che poi si tinge di sangue. E che palle! La povera sfigata legge, ovviamente, “Il Diario di Bridget Jones” soprattutto durante le ore crepuscolari, quand’è già sotto alle lenzuola aspettando indarno che un uomo, uno qualsiasi, faccia irruzione in casa sua e la violenti come si deve: lei prega, la poverella prega, ma invano sempre, e per sempre, perché a violentarla viene solo la noia che lascia di sé solo un bossolo – altro non ha da offrire la noia alla povera sfigata. “I love shopping in New York?” La poverella  è già tanto quando le riesce d’andare al mercato ortofrutticolo sotto casa senza incontrare le facce sorridenti delle amiche-serpenti. New York è per lei una Mela col Verme dentro, per giunta un verme molto piccolo, altrimenti la poverella potrebbe prenderselo come amante al posto del marito – o del fidanzato – che nel talamo non c’è mai. La poverella sogna e legge Liala e sogna uno come Gabriele D’Annunzio, uno che la penna la sappia usare veramente. Certo non è che il D’Annunzio proprio il massimo: farebbe sì la sua bella figura, però solo con delle Vergini Rocciose. A ogni modo, chi si contenta gode. Il problema è che qui non c’è niente, ma proprio niente, di cui una poverella si possa accontentare. Ogni tanto la poverella fa pure un giro in rete, tra i blog, in cerca d’un po’ di sesso, ma niente, solo drag queen e trans che si spacciano per Marlon Brando o per Marilyn Monroe. Direi decisamente che siamo messi male, molto male: anche il verme dentro la Grande Mela è piccolo, molto piccolo, piccolissimo, in pratica lo schiacci facilmente col tacco della scarpa senza neanche aver bisogno d’un proiettile serio rubato dal fucile di Hemingway.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, critica letteraria, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, riflessioni e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a D’Annunzio superdotato

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    molto amaro….direi…ma non tutto è così e poi non tutti si può essere “giusti”
    bacio
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sì, un po’ di amarezza c’è, ma più che altro c’è “il fastidio” di dover stare a contatto con troppi stereotipi letterari, che purtroppo sono anche sociali e del mondo dell’informazione di oggi. Un mondo finto di mezze verità.

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.