Libri da non portare in vacanza. Consigli a cura di Iannozzi Giuseppe

Libri da non portare in vacanza

di Iannozzi Giuseppe


Gaja Cenciarelli – Sangue del suo sangue
Lorenza Ghinelli – Il divoratore
Antonio Moresco
Emanuele Trevi – Il libro della gioia perpetua
Antonio D’Orrico – Come vendere un milione di copie…
Michela Murgia – Ave Mary
Wu Ming – Anatra all’arancia meccanica
Alan D. Altieri – Underworlds. Echi dal lato oscuro
Stefania Nardini – Jean-Claude Izzo
Giancarlo De Cataldo – I traditori
Edoardo Nesi – Storia della mia gente
Giorgio Vasta – Spaesamento
Chiara Valerio – Spiaggia liberi tutti

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in consigli letterari, critica, critica letteraria, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, Iannozzi Giuseppe sconsiglia, rassegna stampa, recensioni, stroncature e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Libri da non portare in vacanza. Consigli a cura di Iannozzi Giuseppe

  1. LilaRia ha detto:

    già i titoli… promettono “bene”! (ahhahahahhahahahahahahahah)
    Il the best è “anatra all’arancia meccanica”
    non ne ho nemmeno uno. al mare spero di RILeggermi “Il profumo”. oppure mi porterò “acciao” (perchè mi hanno detto – scrive un po’ come me – e sono curiosa…)

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Be’, non giudico i libri dal titolo e neanche dalla copertina. Per quasi tutti i libri qui indicati, e che sconsiglio vivamente, c’è una recensione critica. La Silvia Avallone non l’ho segnalata perché il suo libro è oramai troppo vecchio: ma la mia non poteva che essere una stroncatura più che totale. La stroncatura è qui:

    https://iannozzigiuseppe.wordpress.com/2010/07/15/la-letteratura-che-non-c%E2%80%99e-e-la-poca-che-c%E2%80%99e-spazzatura-editoriale-a-non-finire-da-antonio-moresco-a-silvia-avallone/

    Con Patrick Süskind vai sempre sul sicuro.

    "Mi piace"

  3. LilaRia ha detto:

    “Il Profumo” lo avevo letto prima di mettermi “seriamente” sul mio romanzo. (per questo, vorrei RIleggerlo)

    Ora che ho letto quello che hai scritto sulla Avallone, sono ancora più curiosa di leggerla.

    Credo anche che sia “abbastanza facile” (per i miei amici/ o i miei lettori) dirmi “assomigli alla Santacroce (5 anni fa!). Assomigli a Viola Di Grado, assomigli alla Avallone.
    boh. Io non scopiazzo nessuno. Anzi. Mi dispiace se dicono che il modo in cui scrivo “assomiglia a qualcuno”, perchè allora, la “fatica” che faccio per cercare di avere un mio stile è vana.
    Ciò, mi fa sentire una capra! “CAPRA CAPRA CAPRA!” (come mi direbbe Sgarbi)

    ma io NON DEMORDO. oggi sono arrivata a riscrivere fino al 9 cap.
    E’ se davvero quello che scrivo è merda, o non è niente di così originale, pazienza. Piangerò. Ci rimarrò male. Non ci dormirò qualche notte.
    E imparerò a scrivere meglio.

    Se non provi, non impari, no? 🙂

    (p.s. non ho capito cosa devo aggiornare…)

    kissEs,
    Ila

    "Mi piace"

  4. cinzia stregaccia ha detto:

    tu sei unico..di solito leggo post dove si consigliano i libri :)))
    ciao
    cinzia

    "Mi piace"

  5. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Infatti. Adesso tutti, riviste e giornali, cominciano a consigliare libri da portare in vacanza, che di solito sono libri tremendi e supermegapubblicizzati. Dunque io consiglio quei libri che sarebbe bene non portare in vacanza per non rovinarsi sole mare o montagna.

    Questa è una parte del peggio che c’è.
    Ovvio che non consiglio di portare libri dell’ultima ora su presunti vampiri e zombi: hai notato quanti librettini su vampiri e altri mostri del genere? Ecco, lasciali perdere, non valgono una lira. Limitati al Vampiro di Capuana. Il resto è cacca.

    bacione

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.