Mi monta il mio ragazzo, attaccati a ‘sto cazzo!

Mi monta il mio ragazzo, attaccati a ‘sto cazzo

di Iannozzi Giuseppe

Stamattina mi sveglio, cerchio alla testa: troppe birre o, forse, poco sesso. Ecco, ce l’ho il cerchio e non è sicuramente paragonabile ad aureola d’un angelo. Il fatto è che c’ho sempre in testa l’idea fissa che, per me, la necessità è quella d’aver la moglie ubriaca e la botte piena. Mio fratello ha deciso di farmi fare un giro in macchina, perché dice che a forza di camminare consumo le suole delle scarpe: l’ho guardato strano, ma lui non ha fatto una piega, e subito m’ha invitato a salire a bordo. La macchinina c’ha le ruote quadrate, ma prende ugualmente le curve che è una meraviglia. Saluto con la mano le belle ragazze, mentre scivolano via dalla mia portata e invito mio fratello a non premere troppo sull’acceleratore.

Una bionda mozzafiato sta attraversando sulle strisce pedonali, mentre noi aspettiamo che il semaforo ci dia il via per continuare la nostra folle corsa. E’ bella davvero, e non posso fare a meno di gridarle, con tutto il fiato che c’ho nei polmoni, almeno una genuina volgarità: “Ciao bella bionda, beato chi ti monta!” E lei, gettando leggermente indietro la testa orocrinita, tutta divertita mi grida: “Mi monta il mio ragazzo, attaccati a ‘sto cazzo!” Mio fratello scoppia a ridere e pure io; e nell’intanto il semaforo s’è fatto buono per noi, e così la macchinina via veloce a incontrare altre meraviglie.

Prende a piovere, all’improvviso, una pioggia sottile sottile: le ragazze allarmate fuggono a cercare riparo sotto la pergola d’un’edicola o sotto a una più modesta tegola d’una comune abitazione. Dio, quanto sono belle tutte quelle gambe seriche e leggere che sembra danzino nella pioggia. Potrei morire per una visione così. Potrei dirmi in paradiso per finire sotto i loro teneri piedini eccitati. Apro i finestrini, li apro tutti e invito ogni bella a salire in macchina, a farsi un giro con noi. Ma niente. Però ridono: sono ninfe, sono vergini, tornano bambine, perché la pioggia lava via il passato dai loro cuori, o forse è solo la manifesta illusione del cuore d’un poeta pensare che sia così. Il cerchio alla testa me lo son quasi dimenticato: però c’ho sempre l’idea fissa, la solita, moglie ubriaca e botte piena. Un raggio di sole squarcia le nubi: non è divino, è solare, e si riflette nelle pozzanghere. E intanto la macchina continua a correre veloce. Oh, tutto è così follemente bello e veloce. Tutto è così bello che non c’ho proprio voglia di mettere la testa a posto, di farmi saggio.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, eros, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, letteratura, narrativa, racconti, racconti brevi, sexy, VM 18 e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Mi monta il mio ragazzo, attaccati a ‘sto cazzo!

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    ma che bello questo racconto ! con tutte quelle “foto” che par di vedere si si bravissimo!!
    bacione
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sono tante fotografie un po’ così, goliardiche, di ragazzi che guardano la vita sbocciare nonostante le brutture del mondo e anche quando sputano una battuta un po’ volgare è solo per dire “sì, sono vivo e la vita è tutta d’attorno a me, devo solo coglierla”. E’ un racconto di piccole fotografie profondamente positivo.

    beppe

    "Mi piace"

  3. vanessa ha detto:

    Ogni cosa ha il suo tempo come dire che gli anni passano e pure gli entusiasmi dice il proverbio per cui è sempre meglio essere vivi e festosi e innocenti ed innoqui
    Bacino ♥ vany

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Quant’è vero, il tempo passa pure per gli orsetti. Pensa che mi pare sol ieri ch’ero bello e giovane, capace di farmi prendere a schiaffi da ogni donzella. 😀

    ♥ ♥ ♥

    BaciSSimi

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.