Bambina bambina – poesie d’amore di Iannozzi Giuseppe e RomanticaVany

Bambina bambina

di Iannozzi Giuseppe e RomanticaVany

Bambina bambina

Con te c’è niente
da fare,
sei bambina piccina
che il sole abbraccia,
che gli occhi chiude
di fronte alle cose
buie e inquiete
che intorno al mondo
girano e rigirano

Sei bambina
con il mattino d’oro e di luce
nelle pupille nocciola,
bisognosa d’acqua e sapone,
bisognosa d’un Dio in cui credere
sempre ciecamente

Sei bambina bambina,
ed io posso sol arrendermi
all’infantile tua tenerezza:
contro di te impotente,
senz’armi, capace di perdere
il senno in un momento

In volo con me

Vorresti prendere il volo, bambina?
Gli angeli ti hanno rubate le ali
Non preoccuparti, stringiti a me
e voleremo insieme in alto e in basso
fra nuvole di fuoco e torri babiloniche

Non temere di peccare,
pecca solamente chi non ha mai amato
fino alle estreme conseguenze

Non badare alla mia coda luciferina,
serve al mio equilibrio, non a far del male
Non badare al mio brutto muso,
serve a tener lontani cattolici e pentecostali
Non focalizzare l’occhio sul mio aspetto,
guardami invece dentro
e vieni nell’anima mia,
insieme scopriremo che Milton mentiva

Vorresti volare più in alto di Dio?
Hai solo bisogno di cavalcarmi a dovere
Fidati di me, ho già visto
come andrà a rotoli questo mondo
Fidati di me, portati in salvo
con chi come me non ha padroni

E vola in alto, vola in alto, in alto

Al di là del mare

di RomanticaVany e Iannozzi Giuseppe

Nei grani della sabbia
frammenti d’amore
vanno alla deriva.
Immersa nella brezza mattutina
d’una spiaggia in pieno luglio
caldo il sole balbetta
sulla mia giovane faccia,
ma su di me i tuoi occhi
purtroppo non li sento.

Nei granuli della rena
si confondono
castelli di vorrei;
dal mare la musica
alle mie orecchie,
e il chiasso buffo
di risate di vergini coppie
sotto un cielo specchio
per onde sbruffone.

Come persa,
le orme dei cammini altrui
calpesto
tra grani di quarzo e speranze.

Si scolora pian pianino l’estate
mentre forte si fa nel mio cuore
il battito d’una vela lontana
nel mare.

Parole inascoltate
a bella posta vergate
su insignificanti caratteri
d’un tuo libro mal aggiustato.
Sull’Acropoli di Atene
muto Socrate resta assiso;
par quasi che nessuno più
aneli a uno slancio del cuore
per vedere al di là del mare
la gente che ci sta.

Sfidando l’ira degli dèi

di RomanticaVany e Iannozzi Giuseppe

Quando il sole
a picco cade giù
nascosto
dai monti
argentei raggi di luna
nel blu notte
prendono posto
riflettendosi
su uno specchio d’acqua,
e in quell’esatto momento
io penso a te,

e nonostante
ti creda lontano
mi sei vicino.

Più segreti
si son fatti
i trascorsi
miei dì
e così penso io
al bellissimo amor mio
forse dagli Dèi rapito.

A breve le stelle
brilleranno;
devi però stare attento,
attento
ai loro grandi occhi
come conchiglie,
attento
al loro udito più forte
di quello di Nettuno.
Amore, non ti lasciare
ingannare
dal murmure del mare…
Vorrebbero rubarti
il futuro,
la lingua madre.

Si lacera
il mio cuore
sapendo
che l’amato amante
lacerato è
da un repentino lampo.
Ma se destino è
che debba venirti incontro
sfidando degli Dèi l’ira
non esiterò un istante,

e ti salverò… sì, ti salverò
dalla cattiveria
che t’imprigiona
e da te stesso anche
con un ardente bacio.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in amore, arte e cultura, cultura, eros, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, poesia, Viola Corallo e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Bambina bambina – poesie d’amore di Iannozzi Giuseppe e RomanticaVany

  1. vanessa ha detto:

    Diciamo che tu luciferino lo sei dentro e fuori, sempre pronto a fare il burbero appena qualcosa vien detta a parer tuo diverso…e così maldestra a replicare ogni cosa che per me non vale, che per me è troppo forte tu fai il permalosetto e mi butti giù di getto..
    No, non vale discutere con te è facile ma è più bello conversare..per cui evinco che come dice il proverbio: chi t’accarezza o t’ha ingannato o ingannar ti vuole 😉
    Con queste bellissime tue poesie sei più dolce del panino di burro… . Grazie

    Buonananna e dolci sogni

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ma no che non sono luciferino. E’ solo un modo di dire, di far scena, ma in realtà solo un orsetto bastardiSSImo e tu ben lo sai. 😉 Burbero ma buono. In fondo gli orsi non possono non essere un po’ burberi, altrimenti che razza di orsi sarebbero mai! 😀

    Stasera l’hai proprio voluta dire la tua, ma hai fatto bene, molto bene a dirla pubblicamente così tutti lo sanno adesso che sono un po’ permalosetto oltre che orsetto.

    Però con me ci puoi conversare. Su alcune cose non sono d’accordo, perché ho la mia idea e non la cambio: per una questione di coerenza e perché ritengo d’essere nel giusto. Perché… okay, non faccio il professore orso. 😀 Ho capito.

    Io non ti voglio ingannare. Ti voglio solo punzecchiare amorevolmente. Mai pensato d’ingannarti. Ho detto cose a te che non ho detto a nessun altro. Ma su questo punto puoi solo fidarti che è così o pensare diversamente. E’ una questione di fiducia, di amicizia, di amore. Se mi vuoi credere bene, altrimenti va bene lo stesso.

    Grazie a te, Cucciolina.

    ♥ ♥ ♥

    BaciSSimi

    orsetto di VaNY

    P.S.: Ma adesso per dispetto piango. Ecco, adesso voglio vederti. Devi calmarmi e leKKarmi, altrimenti piango piango piango per tutta la notte… e anche di più.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.