Autori e libri nati morti

Autori e libri nati morti

di Iannozzi Giuseppe

Un libro: a una prima occhiata, il critico esperto, o anche solo un forte lettore, sin dalla prima pagina capisce se si trova davanti a della letteratura o all’ennesimo panino mcdonald’s. Parafrasando il caro e non poco saggio Oscar Wilde, il problema è da sempre lo stesso, ovvero che esistono libri scritti bene e libri scritti male. Oggi come oggi, la più parte dei libri immessi sul mercato dal circuito editoriale sono scritti male, quindi “nati morti”, e ripetitivi, di abusati cliché. Occorre però ricordarsi, indipendentemente dal fatto d’avere a che fare con un libro “nato vivo” – fatto rarissimo, da urlare al miracolo! – o “nato morto”, che le pagine stampate, in ogni caso, sono migliori degli autori che le hanno messe nero su bianco.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, critica, critica letteraria, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.