Alba di metallo

Alba di metallo

di Iannozzi Giuseppe

Alfred lo sapeva già da tempo che proprio quel giorno sarebbe morto. Si era da poco rasato e il suo nudo volto era sulla superficie dello specchio. Due monete d’oro erano già gli occhi. Erano così belli. Come, come separarsene?

Alla porta. Era giunto dunque.
Lasciò cadere il rasoio nel lavandino.

Di fronte a lui sovrapposto al suo riflesso nello specchio.
“E’ l’alba? è il tramonto?”
“E’ il tempo. Alba e tramonto congiunti.”
“Per questo mi ucciderai?”
L’assassino, un cenno d’assenso con la testa.
“Non vale più la nostra amicizia…? Preferirei morire a cielo aperto per vedere…”

“Il fungo è grande. E’ cresciuto.”
“Capisco. Non indugiare ancora. Spara!”

Non bastarono né le lacrime salate né il sapore dolciastro del sangue a cancellare il rosso sul corpo esanime di Alfred.

…comunque sia, le stanze della memoria sono gonfie di vento e ogni uomo ha un motivo buono per star con le spalle al muro, aspettando la prossima esecuzione a cielo aperto. Qualcuno ha preferito morire prima che l’alba gli baciasse la fronte un’ultima volta.

Al di là delle pareti della casa di Alfred, l’abbaiare dei cani: la loro animalità s’accompagna a quella degli uomini. Gridano assassino.

La strada in salita, forte come l’affanno nel petto; ma aveva ammazzato per una ragione precisa. La pioggia, la sua sferza sulla faccia. I campi se li era lasciati alle spalle. Cadde in ginocchio sprofondando dentro a una pozzanghera che ci si poteva annegare. In bocca ancora il sapore del sangue e quello delle lacrime. Rivide sé stesso davanti ad Alfred: la canna della pistola aveva fatto in fretta a vomitare via la pallottola. Sul petto dell’amico d’un tempo una rosa di sangue perfetta. Non bastarono le lacrime a cancellare il rosso sul corpo esanime di Alfred.

E la fuga a rotta di collo.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, horror, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, letteratura, narrativa, racconti, racconti brevi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Alba di metallo

  1. vanessa ha detto:

    Sei peggio di barbablù, non fanno ridere i tuoi racconti per me non sei una persona seria! 😛

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E vabbe’. Barbablu è un bel personaggio, ma appunto solo un personaggio. 😉

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.