Il ruolo del maschio è di finire in una banca del seme

Il ruolo del maschio di oggi è
di finire in una banca del seme

di Iannozzi Giuseppe

Victor Willis dei Village PeopleMi hanno detto che le donne di sinistra sono tutte brutte.
Quelle di destra invece no, sono sempre nella residenza di Arcore, nude. Mah!

Vi racconterò dunque un episodio personale che m’è capitato qualche anno or sono. Passeggiavo, con la testa fra le nuvole, come sempre del resto, e ad un certo punto finisco lungo disteso per terra. Ho dato una culata da far invidia a tutti i residenti al Greenwich Village. E’ bastato un momento di distrazione e sono finito kappaò. Una distrazione sù un gran pezzo di femmina, una bionda che lo avrebbe fatto venir duro pure al poliziotto dei Village. D’accordo, quando m’accadde di finire lungo disteso ero più giovane, coi brufoli in faccia ancora pieni di pusso. Avrò avuto sì e no tredici anni, ma avevo le idee già ben chiare intorno alle donne. Gli anni m’hanno dimostrato in maniera inequivocabile che a comandare sono loro e soltanto loro, belle o brutte che siano. E’ finito il tempo della sottomissione femminile e delle cinture di castità. Dopo il Sessantotto le donne hanno preso gli uomini e gl’hanno cacciato un bel manganello sù per il culo: avete mai fatto caso a quanti corpi femminili ci sono tra i poliziotti? Le donne comandano e comandano a bacchetta, e se solo provi a sfiorarle con un fiore subito gridano che c’è stata ‘violenza sessuale’, poco ma sicuro. E tu finisci in gattabuia a far la femmina per i pruriti di galeotti e secondini. Sì, amico, è così. Non le puoi corteggiare. Puoi solo inchinarti a novanta gradi, e pregare se credi in un Dio.

Elena di Troia in un ritratto di De Morgan

Il sesso debole non esiste ed io sospetto che non sia mai esistito: la guerra di Troia fu per via d’una donna, di Elena. Le grandi guerre gli uomini le hanno combattute per colpa d’una femmina o per qualche stupido motivo politico-religioso. Ma sto perdendo il filo del discorso… dicevo che sono finito kappaò per via d’una bionda mozzafiato. L’ho adocchiata e ho perso la testa. Una volta a terra ho scoperto d’esser andato a cozzare contro un palo della luce. In lontananza mi par d’aver udito una risata, quella della bionda. Nessuno si è preoccupato di raccogliermi da terra ed io ci sono restato per buoni due minuti: che avevo da perdere? Niente. La figura oramai me l’ero fatta e la mia Marilyn rideva di me. E per giunta l’impatto contro il lampione m’aveva spremuto sulla faccia non so quanti giovani brufoli.
Non illudetevi, la maturità sù di me non hai mai preso il sopravvento: ancor oggi di fronte a una bella femmina perdo la testa rischiando di finire sotto un camion o un treno anche.

Le donne di sinistra sono brutte mentre quelle di destra si spoglierebbero sempre e solo per chi c’ha il potere in mano? Non lo so, non lo so davvero. Mi pare che le donne di destra, non tutte, per carità, abbiano più silicone che anima. Non c’è niente di peggio che toccare un seno rifatto, è come metter le mani sul culo d’un vecchio culturista, non scherzo affatto. Tutto questo per dire che oggi il serio rischio che un maschio corre è quello di finire ammanettato da una donna poliziotto con le tette rifatte, o di finire schiacciato dalle ruote d’un camion d’una donna camionista. Più il tempo passa e più il ruolo del maschio va riducendosi a quello di ‘inutile accessorio’. A breve i maschi verranno sol più utilizzati per strappar loro un po’ di sperma da congelare in una più che mai anonima banca del seme.

Non vi nego che sono preoccupato e non poco: è sì vero che il tempo non m’ha addomesticato, però proprio oggi m’è capitato di salutare un vecchio amico sull’altro lato della strada e sono finito abbracciato a un palo della luce. Qualcuno lassù forse mi vuole bene perché non sono finito kappaò come quand’ero un adolescente brufoloso. E questo è quanto, fate un po’ voi.

Colonna sonora: In the Navy, Village People

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in attualità, diario, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, opinionismo, riflessioni, satira, sessualità e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Il ruolo del maschio è di finire in una banca del seme

  1. vanessa ha detto:

    Ma non è così,da un episodio tu ne fai uno status vivendi, leggi troppo e tutto questo ti porta lontano dalla realtà.
    Credo ci sia ciò che tu hai scritto ma solo in piccola parte.
    Ci sono anche cose belle .. ..come quando ti rapisce 1 dolce persona e ti addormenta l’anima e ti semina dentro un’immagine, o un odore, o un suono che poi non riesci più ad estirpare, ha radici profonde. Ma quello fa parte della felicità e troppo spesso lo scopri solo dopo, quand’è troppo tardi, perché dovevi apprezzarlo prima. Non dovremmo mai dimenticare che siamo le preziose tacche sulla linea del nostro tempo.In questo racconto sei troppo di parte che ti frega la donna di dx o sn,una donna è sempre una donna nel suo istinto gentile e materno, quelle di cui parlano i giornali sono appunto donne che vogliono fare soldi e notizia.
    La maggior parte di noi vive normalmente lontano da quello che scrivi.
    Buongiornooooooooooooooooo!!
    ♥ vany

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ma io non faccio proprio niente. ^_^
    E’ tutto inventato di sana pianta. Beh, quasi tutto. ^__^

    Ci sono le cose belle, è vero, ce ne sono. E Tu, Nocciolina Vany, sei la più BELLA. Che dici? Non sei bionda. Echissenefrega, sei più bella brunetta col faccino acqua e sapone frescofresco allegroallegro come una giornata di sole.

    Non dico che il mio ritratto sulle donne sia veritiero perché non lo è affatto. E’ una esagerazione. Una provocazione, dove io mi calo in una veste tipicamente grottesca alla Fantozzi.

    Volevo vedere un po’ le reazioni delle donne e la tua l’ho appena ricevuta.

    Ma io sono soprattutto il tuo orsetto e tanto fa. ♥ ♥ ♥

    Voglioo la leKKatina VANYtosa, piccola bimba mia BUONA BELLA BRAVA

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

  3. cinzia stregaccia ha detto:

    non sono d’accordo con Vany (ciao Vany :)))) ) sempre generalizzando naturalmente per me è proprio il contrario donne che siano donne ve ne son sempre meno e onestamente voi uomini cominciate a farmi un pò pena…pochissima però perchè in fondo male non vi sta…Non avete saputo apprezzare anzi….e ora godetevi il risultato..Ai miei tempi veramente gli uomini andavano contro i pali e non solo da adolescenti..ora..ma figurati…..e non perchè non via siano tante belle ragazze ma perchè…….
    bacione ragazzi
    cinzia

    "Mi piace"

  4. vanessa ha detto:

    Cara Cinzia,
    ciao, bentrovata.Si lo so tu vedi sempre l’opposto di quello che vedo io.
    Io gli uomini non li vedo così penosi come dici te sarà che appena pochi attimi fa uno mi ha fatto delle avance chiedendomi chiaro e tondo di fare l’amore con lui.
    Io penso che ci siano uomini e uomini e donne e donne..nel senso che esiste il bene ed il male in
    tutti noi. Poi dal dire al fare come sempre ci passa di mezzo il mare.
    Buon pomeriggio
    ♥ vany

    "Mi piace"

  5. cinzia stregaccia ha detto:

    ma io non vedo penosi gli uomini cara Vany vedo penose le donne…sempre che per penosi intendiamo la stessa cosa .oh beh ai miei tempi c’era anche una cosa migliore di oggi gli uomini avevano più classe anche chiedendo la stessa cosa di cui tu parli. forse perchè sapevano che se no si sarebbero presi una sberla da ricordare a vita.. se così non fosse stato probabilmente ora sarei senza mano destra a furia di darne ahahahah
    ciao bacione
    cinzia

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Bene, vedo che c’è in atto una bella discussione.
    Non so a chi dare ragione, anche perché penso che entrambe abbiate in parte ragione.

    "Mi piace"

  7. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Bene, vedo che c’è in atto una bella discussione.
    Non so a chi dare ragione, anche perché penso che entrambe abbiate in parte ragione.

    Io lo termino a quello lì e poi spargo le sue ceneri nello spazio. Te lo giuro, Agnellina. ♥ ♥ ♥

    TERMINATOR DI VANY

    "Mi piace"

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    D’accordo, un po’ pena, solo un pochissima però.

    Perché ai tuoi tempi gli uomini andavano contro i pali? Vuoi concludere il discorso?

    Voglio capire dove vuoi arrivare

    beppaccio

    "Mi piace"

  9. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    In pratica c’era il corteggiamento, quello che oggi la maggior parte degli uomini ha dimenticato e che non sa più cosa sia.

    Io corteggio, con molto tatto anche, forse fin troppo, ma sempre male mi dice. Perché? Puoi tu illuminarmi?

    Bacione

    beppe

    "Mi piace"

  10. cinzia stregaccia ha detto:

    no non parlo di corteggiamento.. riferendomi a quello che ha raccontato Vany parlo di uomini che ti chiedevano di andare a letto senza tanti preamboli ma anche se lo facevano lo facevano con stile come dirti non potevi sentirti offesa perchè lo facevano come se ti stessero regalando una rosa ahahahahah difficile da speigare.:)))) ora cosa vuoi (non parlo di vany sia chiaro super chiaro chiarissimo!!!!!!) max mi racconta delle cose…sulle ragazze di oggi…mah…diciamo che manca anche a loro la classe..ai miei tempi le donne “dicevano” come oggi ad un uomo che era di loro gradimento ..ma lo facevano capire con gesti eleganti con sguardi che in fondo in fondo la certezza all’uomo non davano mai ahahahaha che bei tempi… era un bellissimo gioco fatto di seduzione…ecco anche perchè ora gli uomini non vanno più contro i pali………Onestamente Beppaccio non so perchè ti vada sempre male cose che peraltro non credo proprio :))) forse perchè sei un pò vecchi tempi e per quel che mi riguarda è un enorme complimento che ti sto facendo lo so purtroppo non sono una bella e giovane ragazza mi spiace ahahaa
    ciao 🙂
    cinzia

    "Mi piace"

  11. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    In effetti se è difficile da spiegare per te, pensa un po’ quanto è difficile da capire per me. 😉 Comunque ho capito il senso, ragionando con il cuore. 😉 Io invece amo corteggiare, non sono di quelli che fanno proposte simili al primo incontro.

    Vero, manca tantissimo il gioco della seduzione, che a me piace un casino: senza è tutto molto più animalesco, privo di una autentica passione. Ma io contro i pali ci vado a finire… quand’ero più giovane m’è capitato proprio con una bionda d’andare contro un palo, una testata micidiale che non ti dico. Nel racconto ho esagerato: io non avevo i brufoli, solo due o tre, ma non una faccia bukowskiana tutta acne. 😉

    A me con le donne va male, sono sincero. Faccio simpatia, mi dicono tante carinerie, non lo nego, ma nonostante il mio corteggiamento alle volte non poco romantico e spietato in tal senso, finisco male. 😦 Boh, forse hai ragione tu, è che sono un tipo alla vecchia maniera nei miei rapporti con le donne, non sono di quelli che una donna la trattano come un giocattolo; ma forse è vero che molte vogliono essere trattate così, per una botta e via e poi chi si è visto si è visto. Ma a me non interessa un rapporto non-rapporto e così finisco in bianco.

    Grazie, Cinzietta Mamma Orsa.

    Chissà, posso sperare che Vany mi faccia un complimento uguale o simile al tuo. Ma temo di no. 😀

    Bacione

    beppe

    P.S.: Leggi anche gli altri racconti? Ce la fai nonostante il caldo? Tu pensa a me che li scrivo. ^__^

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.