Marina Berlusconi: “Non daremo nemmeno un euro”. E’ la fine del gruppo Mondadori?

Marina Berlusconi: “Non daremo nemmeno un euro”

E’ la fine del gruppo Mondadori?

a cura di Iannozzi Giuseppe

“E’ da ritenere, incidenter tantum e ai soli fini civilistici del presente giudizio, che Silvio Berlusconi sia corresponsabile della vicenda corruttiva per cui si procede… La corresponsabilità del premier, come logica conseguenza, comporta, per il principio della responsabilità civile delle società di capitali per il fatto illecito del loro legale rappresentante o amministratore commesso nell’attività gestoria della società medesima, la responsabilità della stessa Fininvest”. I giudici della seconda sezione civile del tribunale di Milano hanno così condannato la Fininvest a risarcire la Cir di Carlo De Benedetti per il Lodo Mondadori.

Il presidente della Fininvest Marina Berlusconi commenta il verdetto con cui la Corte d’Appello di Milano 1, giudicando sul Lodo Mondadori, ha confermato il risarcimento che l’azienda del premier dovrà versare alla Cir, seppur ridotto da 750 a 560 milioni di euro: “E’ una sentenza che sgomenta e lascia senza parole. E che rappresenta l’ennesimo scandaloso episodio di una forsennata aggressione che viene portata avanti da anni contro mio padre, con tutti i mezzi e su tutti i fronti, compreso quello imprenditoriale ed economico. E’ una somma addirittura doppia rispetto al valore della nostra partecipazione in Mondadori. La Fininvest, che ha sempre operato nella più assoluta correttezza, viene colpita in modo inaudito, strumentale e totalmente ingiusto. E il parzialissimo ridimensionamento della sanzione rispetto al giudizio di primo grado nulla naturalmente toglie alla incredibile gravità del verdetto. Neppure un euro è dovuto da parte nostra, siamo di fronte a un esproprio che non trova alcun fondamento nella realtà dei fatti né nelle regole del diritto. La sentenza suona come un’amara sconfitta per la giustizia, per quanti continuano a credere che esista, che debba esistere, una giustizia imparziale e giusta. E’ indiscutibile che questo attacco abbia come principali protagonisti una parte della magistratura, e della magistratura milanese in particolare, e il gruppo editoriale che fa capo a Carlo De Benedetti. E adesso con un verdetto che nega l’evidenza emesso dalla magistratura milanese, la Fininvest viene condannata a versare una somma spropositata proprio al gruppo De Benedetti. Una somma addirittura doppia rispetto al valore della nostra partecipazione in Mondadori. Anche di fronte a un quadro così paradossale e inquietante non ci lasciamo intimorire. Già in queste ore i nostri legali cominceranno a studiare il ricorso in Cassazione. Siamo certi di essere assolutamente nel giusto, dobbiamo credere che le nostre ragioni verranno alla fine riconosciute. Verità e giustizia non potranno continuare a essere calpestate e piegate a logiche inaccettabili e indegne di un Paese civile”.

La nota del Cir: “Si è riconosciuto il diritto di Cir a un congruo risarcimento per il danno sofferto tale danno, enorme già in origine, si è poi notevolmente incrementato per rivalutazione e interessi in considerazione del lungo tempo trascorso dai fatti. Con particolare soddisfazione si registra il passaggio della sentenza dove si riconosce che, corrompendo il giudice Vittorio Metta, Fininvest tolse a Cir non la semplice chance di vincere nel 1991 la causa sul controllo del gruppo Mondadori-Espresso, ma la privò senz’altro di una vittoria che senza la corruzione giudiziaria sarebbe stata certa”.

Antonio Di Pietro (Idv): “Le sentenze si rispettano e i danni si risarciscono. Se è vero, com’è vero, che Berlusconi è stato condannato in appello per danni causati a un altro gruppo imprenditoriale, significa che lui ci ha guadagnato illecitamente e l’altro ci ha rimesso. E’ inutile che Berlusconi e i suoi tentino di buttarla in politica, qui siamo solo di fronte a comportamenti truffaldini gravissimi”.

Il Partito democratico per voce di Ettore Rosato, esponente dell’ufficio di presidenza del gruppo del Pd alla Camera: “Preoccupano molto le dichiarazioni della famiglia Berlusconi, che sfiorano l’eversione e si pongono pericolosamente fuori dalla legalità”
E Carmelo Briguglio, vicepresidente vicario dei deputati di Fli: “Non è un fatto politico, ma dimostra che il nostro è ancora uno Stato di diritto e che il governo con la norma salva-Fininvest aveva un obiettivo preciso: evitare gli effetti di questa sentenza”. E ancora, Giuseppe Giulietti, deputato del gruppo misto e portavoce di Articolo 21: “Marina Berlusconi si è detta sconcertata per aver scippato a colpi di mazzette la Mondadori a De Benedetti. Purtroppo per loro, i giudici dell’appello non sono stati disponibili a farsi inserire nella sentenza un ‘emendamento ammazza multa’, né a farsi intimidire dalle tante minacce di queste ore”.

E’ la fine del gruppo Mondadori? Parrebbe proprio di sì. Se non oggi, in ogni caso a brevissimo.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in cronaca, giustizia, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, NOTIZIE, notizie italia, politica, politici e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.