Principe Nero

Principe Nero

di Iannozzi Giuseppe

Quand’ero adolescente – ormai molti ma molti ma molti lustri fa – attendevo la mia Cenerentola, ed ero convinto assai che ce ne fosse una anche per me. Poi sono continuato ad essere adolescente e Cenerentola non l’ho trovata. Dovrei dirmi deluso. E forse un po’ lo sono, in fondo al cuore. Con gli occhi spruzzati di polvere d’angelo, come tu ben dici, cara Amica. E io, io mi son pensato non un Principe Azzurro, però credevo almeno d’essere a pieno titolo Principe Nero, per dio!

Ed allora, io – diavolo e belzebù! – mi chiedo perché mai non ci si possa accontentare d’un Principe Nero come me, con le pezze al culo, la testa pelata, la barba, un principio di pànza e un gran nasone! Cioè meglio restare zitella? No, domanda retorica: e poi credo d’immaginare quale la risposta. Queste situazioni mi mettono addosso tutta quell’angoscia esistenziale che è nei film di Woody Allen. Ecco, credo che sposerò mia figlia: devo solo adottarne una, in tenera età, poi quando lei sarà maggiorenne e io vecchio abbastanza per lei, convoleremo a giuste nozze. Non vedo altra alternativa. La vita è un film su una sedia a rotelle e la bombola d’ossigeno attaccata alla bocca: strani baci ci riserva la vita, questa cosa che ci ostiniamo a dirla tale e quale a noi, ai nostri sogni e vizi.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, letteratura, narrativa, racconti, racconti brevi e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Principe Nero

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    non esistono principi neri o azzurri che siano come non esistono principesse solo buffoni e buffone ….vince chi sa ridere meglio della vita
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Anche in questo racconto non c’è niente che mi riguardi in prima persona, seppur il racconto è scritto in 1ma persona. E’ solo finzione, per far riflettere anche. Ma io credo che i principi neri esistano.

    beppe

    P.S.: E’ la terza volta che ripropongo il racconto su Hemingway, ma perché nessuno lo commenta? E’ brutto forse? Eppure è tra i racconti che più amo e che meno successo hanno incontrato. Un vero peccato.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.