Amedeo Minghi. Musica e parole, la poesia

Amedeo Minghi

Quando musica e parole diventano brividi di poesia.

iannozzi giuseppe

Amedeo Minghi Jukebox

Un uomo venuto da lontano (canzone per Papa Wojtyla)

Gerusalemme

Decenni

1950

Nenè

Cantare è d’amore

Ricordi del cuore (Edera)

La vita mia

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte, arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe consiglia, musica, poesia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Amedeo Minghi. Musica e parole, la poesia

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    non è proprio la ia passione ma sul fatto che le sue canzoni siano poesia non possso proprio dir nulla
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Io adoro Amedeo Minghi. Ci sono canzoni che a distanza d’anni mi fanno venire ancora la pelle d’oca, per cui non puo’ che essere poesia questa.

    beppaccio

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.