Umberto Bossi fascista leghista dichiara: “I milanesi non daranno la città in mano agli estremisti di sinistra”. E una foto satirica

Umberto Bossi fascista leghista dichiara:

“I milanesi non daranno la città in mano agli estremisti di sinistra”

di Iannozzi Giuseppe

Bossi attacca il candidato del centrosinistra Giuliano Pisapia: “I milanesi non daranno la città in mano agli estremisti di sinistra. La Lega si impegnerà. Non la lasciamo in mano a un matto, Pisapia, che vuole riempirla di clandestini, moschee e vuole trasformarla in una zingaropoli. Non abbandoniamo Milano nelle mani di questa gente”. Dopo questa dichiarazione choc, ennesimo tragico scivolone politico per la Lega Nord di Umberto Bossi, il leader del Carroccio cerca di spiegarsi meglio, ma ormai il danno è bell’e fatto: “Non ho detto che è matto ma il suo progetto non è compatibile con una Milano decente. Vuole costruire una zingaropoli e la più grande moschea d’Europa. Sono cose incompatibili con Milano”. (19 maggio 2011)


Umberto Bossi e Berlusconi sfilano in mezzo ai fascisti leghisti –

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in dichiarazioni, Iannozzi Giuseppe, NOTIZIE, politica, politici, satira e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Umberto Bossi fascista leghista dichiara: “I milanesi non daranno la città in mano agli estremisti di sinistra”. E una foto satirica

  1. paolo ha detto:

    La cosa bella è che queste sono vignette e fanno ridere, il programma di pisapia fa piangere, è una totale perdita dell’identità nazionale a spese dei cittadini leggere il programma elettorale delle persone che tanto difendete può aiutarvi a non sembrare tante piccole pecore

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Piacere che la satira faccia ridere, il suo compito è anche questo.

    L’attacco di Bossi a Pisapia è quello che è: gli ha dato del matto, cosa che nessun avversario politico dovrebbe mai fare foss’anche e solo per non scomparire davanti ai suoi sostenitori. Il linguaggio di Bossi è purtroppo per lui sin troppo chiaro, gli elettori se ne ricorderanno così come ricorderanno l’esposizione del programma leghista che è di intolleranza e che ahinoi riflette gli ideali del fascimo. La Lega vuole forse affondare chttps://iannozzigiuseppe.wordpress.com/wp-admin/edit-comments.php#comments-formon il Pdl? Parrebbe di sì. Fortuna che si sarebbero dovuti cambiare i toni, ma è proprio vero che il lupo perde il pelo ma non il vizio.

    Mi piace

  3. mauri ha detto:

    Due pazzoidi che simboleggiano altri due pazzoidi andati!

    Mi piace

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    La storia si ripete né più né meno.

    Mi piace

  5. cinzia stregaccia ha detto:

    lasciamo stare Bossi e il suo modo di esprimersi..Beh Pisapia nel suo programma che sicuramente avrai letto integralmente e lo avrà fatto anche chi ti commenta come ho fatto io vi è la casa ai rom (i nostri senza tetto o le tante famiglie che non arrivano a fine mese no meglio i rom…) e tu sai e puoi confermare che io sono tutto tranne razzista…moschee voto agli immigrati…in realtà nessuna nuova sotto il sole il solito buonismo che fa tanto brava persona …A me sinceramente se sale Pisapia non me ne frega nulla mica ci vivo io a Milano ma più leggo e mi informo meno mi piace……per me stanno cadendo dalla padella alla brace comunque contenti loro contenti tutti…..ah una cosa e scusa OT ma il caro Fassino non ti sembra un pò cattocomunista? bye bye beppaccio
    un bacione e buona serata
    cinzia

    Mi piace

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Purtroppo il modo di esprimersi di Bossi ha una pesante valenza politica. Comunque…

    Conosco il programma di Pisapia e lo approvo.
    Sono d’accordo che i musulmani debbano avere la loro moschea: ci sono le sinagoghe, ci sono le chiese cattoliche e non, e perché la moschea no? In Italia c’è la libertà di culto. Negare la moschea a chi di diversa confessione può solo creare attriti e disordini sociali. Sono d’accordo che essendo in Italia si parli in italiano nei luoghi di culto. Tanto per mettere i puntini sulle “i”, Ratzinger vorrebbe tornare alla messa in latino. Questo non va affatto bene, un ritorno al medioevalismo non è ciò di cui un popolo civile ha bisogno. Per tutte le confessioni vale che nei luoghi di culto si celebri e si osanni il proprio dio in lingua italiana.

    E perché no, gli immigrati non sono forse uomini in carne e ossa come noi? Non sentono forse dolore, non sentono forse fame, non hanno forse dei sentimenti? Non vedo motivo alcuno per negare il voto agli immigrati. La società è formata da tutti i cittadini che la vivono quindi anche dagli immigrati.

    Il programma di Pisapia non parla solo di questo. Milano è una città multietnica, più di altre in Italia. Pisapia non ho letto nel suo programma che non farà niente per gli italiani.

    Il programma integrale è qui:

    http://www.pisapiaxmilano.com/wp-content/uploads/2011/04/programma-coalizione.pdf

    Lo condivido in pieno.

    Sì, credo che il cambiamento sia possibile solo con una ventata di civiltà.

    Fassino a me piace. L’ho votato. Nel suo programma non ho letto che avrebbe sterminato gli agnostici come me, per cui credo di non dovermi mettere le mani nei capelli.

    Bacione a te, Stregaccia ^__^

    beppaccio

    P.S.: Se avessi avuto modo di finire “La lebbra” qui online avresti capito dove stavo andando a parare. Ma visto che quei post sembrano esere adatti a tutt’altro, allora per il momento ho smesso di pubblicare i capitoli. Non mi piace spegnere la voce a qualcuno, però esigo un minimo di rispetto e giacché non c’è da parte di qualcuno preferisco così. 😉

    Mi piace

  7. cinzia stregaccia ha detto:

    infatti ..i senza tetto manco vengono nominati…non se ne parla proprio ma dei rom si e sempre gli si vuol dare una casa…ci sono liste lunghe non so quanto per le case popolari gente che muore aspettando…ma per loro si trovano sempre e scavalcano gli altri dopo che han vissuto per anni parassiti sulle nostre spalle…perchè questo è…come in ogni programma dei sindaci di sinistra….deve esserci un feeling particolare…il voto..che caspita c’entra che provono dolore come noi????????????????????? stiamo parlando di voto allora a quali immigrati diamo diritto al voto a tutti o solo a chi dopo parecchi ripeto parecchi anni ha contribuito effettivamente ,si è integrato perfettamente e conisce la nostra realtà? se solo a questi si può fare ma non credo sarà così..Fassino no non li sterminerà ahahahah ma fa parte di quegli uomini di sinistra che tu hai sempre detestato…molto credenti e legati alla chiesa….un cattocomunista…conoscendomi sai che ho il massimo rispetto per e opinioni altrui ma in questo caso mi hai deluso vecchio politico,vecchia tiritera facente parte della categoria di coloro che in tutti questi anni hanno distrutto l’Italia insomma un polpettone già andato a male. Comunque vedremo spero di ricredermi per voi..
    bacione Beppaccio
    cinzia
    p.s. tanto ormai mi ero disamorata…poco ma sicuro non leggerò mai più cose tue a puntate è un pò come quando si blocca un programma perchè piace a troppo pochi..beh almeno a te non ho pagato il canone…aribacione

    Mi piace

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non mi sembra che il governo di destra abbia parlato di case per i senzatetto. La lista di chi attende una casa è lunghissima fra italiani e immigrati.
    Anche noi italiani abbiamo vissuto come parassiti alle spalle di… vediamo se conosci la nostra Storia, di noi italiani all’estero.
    Non concedere il voto è di fatto non volere che gli immigrati entrino nella disciplina della società: vietare il diritto elementare di voto è a mio avviso un atto barbaro. Siamo in una Italia, che ti piaccia o meno, multietnica molto più di ieri, per cui la società se vuole andare avanti in democrazia deve agire in maniera democratica, e non come Berlusconi che ha monopolizzato di fatto tutte le reti televisive con la sua faccia e con i suoi insulti. Adesso basta a questa destra che destra non è, ma che è berlusconismo sporco e becero per neofascisti. Il berlusconismo è una brutta cosa neofascista, la destra è altra cosa.

    Io non detesto nessuno. Non amo i cattocomunisti ma sta pur certa che se devo scegliere fra un cattocomunista e un berlusconiano la mia preferenza politica e sociale va al cattocomunista, su questo non ci piove. Posso non condividere tutto il programma cattocomunista ed è una cosa, ma del berlusconismo non condivido una emerita acca e non dico della Lega che è il fascismo in camicia verde, e che spero con il cuore con l’anima con la mente che a Milano venga messo al bando da una vittoria stracciante di Pisapia. Non amo tutto della sinistra, io mi sono tratto fuori da tempo dalle posizioni politiche, ma se devo scegliere come in queste amministrative voterò sempre a sinistra che è diverso dall’essere di sinistra. Il berlusconismo e la lega fascista non avranno mai il mio voto, manco se mi mettono al muro minacciandomi di fucilarmi all’istante, cosa che temo sarebbero ben capaci di fare. Spero d’esser stato chiaro. Non sono di sinistra, non sono di destra, non sono di centro, non ha appartenenze politiche, ma non voterò mai per Berlusconi e Bossi che hanno ammazzato letteralmente l’Italia e la sua bellezza. Io c’ho il fegato marcio per quello che è successo a Pompei, per i crolli, per l’ignoranza della destra che mette ministri che non sanno neanche qual è il nostro patrimonio artistico e si permettono pure di fare spot sulle tv di Stato.

    Non sono di sinistra ma se devo scegliere fra berlusconismo e sinistra vecchio stile o cattocomunista, ebbene, la mia coscienza mi porta a votare per la sinistra senza ombra di dubbio, perché il male peggiore e temibilissimo oggi è la destra, anzi il berlusconismo e il leghismo.

    bacione

    beppaccio

    Non è per colpa tua. Io mi sono rotto, e spero che questa persona l’abbia capito, di trovare i miei post pieni di considerazioni fuori luogo. Mi fa incazzare scrivere per gente che non vuole leggere ma parolare a vanvera. Mi sono proprio rotto il cazzo.

    Mi scuso con te e con quanti hanno seguito il romanzo online puntata dopo puntata con assoluta fedeltà criticaò. Sono davvero rammaricato. E’ stata una tristissima decisione decidere di interrompere il progetto, ma prova a guardare i commenti a La Lebbra e dimmi che cosa ci leggi? Preferisco che chi non è interessato all’argomento non intervenga. Mi sta benissimo chi è interessato e legge e non ha però voglia di lasciare commenti. Il romanzo andava bene, veniva letto da parecchie persone in silenzio senza commenti… io non desidero il commento a tutti i costi, figurati.

    Non ti preoccupare però, il romanzo sarà finito e pubblicato, non so in che formula, per cui avrai, se vorrai, la possibilità di leggere il romanzo in formato cartaceo completo e in tutta tranquillità. In caso non riuscissi a pubblicarlo, per Voi che mi avete seguito disporrò un download gratuito del romanzo in formato pdf. E’ il minimo che possa fare per Voi che con così tanta pazienza e amore avete seguito le vicende di Lino. E soprattutto lo devo a me stesso, scrivere è un mestiere anche quando non paga e in alcuni casi è arte. 😉

    Mi piace

I commenti sono chiusi.