Bin Laden si faceva di Viagra, questa l’ultima verità sul capo di Al Qaeda

Bin Laden si faceva di Viagra

questa l’ultima verità sul capo di Al Qaeda

di Iannozzi Giuseppe

Osama Bin Laden si sparava generose dosi di Viagra alle erbe. Evidentemente aveva dei non poco seri problemi di virilità.

Il terrorista di Al Qaeda era impotente. Il Viagra è stato trovato nel covo del leader maximo del terrore, ad Abbottabad.

La stampa pachistana, sulla base di diverse rivelazioni emerse dalla perquisizione della camera da letto e dagli interrogatori della vedova di origine yemenita detenuta dalla polizia, non ha dubbi: Osama Bin Laden soffriva d’un imperante stato di impotenza. Ed è forse questa la ragione precipua per cui alcuni italioti oggi parlano di Bin come d’una vittima dello Stato.

La 27enne che doveva purtroppo dividere il letto con l’ultracinquantenne capo di Al Qaeda dichiara che “non era in cattiva salute ma preferiva curarsi con rimedi naturali”. Cioè con il Viagra. Ecco dunque spiegato com’è riuscito ad avere cinque mogli e a far loro partorire un imprecisato numero di figli, più di 20 poco ma sicuro.  La giovane (inconsolabile) vedova citata dal network americano Nbc, su Bin mette a nudo anche un’altra verità tutta da verificare però: pare che Bin Laden soffrisse di reni e che per questo sia finito per ben due volte sotto i ferri dei chirurghi. La vedova inconsolabile dichiara che il suo Bin “non è mai stato debole né fragile e che si curava da solo”.

Nel covo del capo di Al Qaeda sono stati rinvenuti altri medicinali oltre al Viagra, in particolare medicinali per la pressione alta, l’herpes e le infiammazioni nervose, oltre a generose dosi di sciroppo di avena usato per lo stomaco ma anche ottimo afrodisiaco.

A ben vedere Bin Laden non era poi così tanto in buona salute, ma questo non ce lo rende affatto più simpatico o umano.


promo culturale


Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in i miei romanzi su Lulu, Iannozzi Giuseppe, NOTIZIE, politica, segnalazioni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Bin Laden si faceva di Viagra, questa l’ultima verità sul capo di Al Qaeda

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    ok ma a noi? non usciràmai da me un oh poverino..
    cinzia

    "Mi piace"

  2. vanessa ha detto:

    Bin Laden se è vero che non c’è più, era una persona cattiva forse ci voleva come rimedio quintali di acutil per formattare il suo cervello, non oso pensare alle donne che si sono accoppiate a lui, quale disgusto perenne…poverine, ma forse non ci voleva nulla lui è stato il Nerone di oggi ed io voglio davvero sperare che non esista più.
    Bonjour
    ♥ vany

    "Mi piace"

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E’ più che mai vero. Bin è morto e sepolto, confermato da più parti, mogli di Bin comprese oltre che da parte americana e da Al Qaeda.

    Bin Laden aveva perso la coscienza molti molti anni fa, per cui non era più un uomo, era solo più un involucro di carne infarcità di una malvagità inaudita pari solo a quella di Hitler, Stalin, Mussolini.

    Bin Laden è morto ma Al Qaeda ancora no. Bisogna sconfiggere il terrorismo e il fondamentalismo perché questo mondo possa conoscere una briciola di pace in più.

    Bacioni, Agnellina ♥ ♥ ♥

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    A parte qualche italiota, gli altri non sprecano un solo “se” o “ma” per quel mostro di crudeltà assoluta che è stato Bin.

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.