Recensioni e critiche su questo blog. Appunti da tenere in considerazione prima di…

Recensioni e critiche su questo blog

Appunti da tenere in considerazione prima di…

A partire da oggi 26 aprile 2011 le recensioni (critiche) verranno eseguite sol più applicando un contributo a forfait, affinché si possa continuare a far fronte ai costi del server e quindi all’evasione delle sempre più numerose richieste di pareri, critiche, consigli et varie.

  • Gli scrittori si fanno pagare dall’editore, incassano i diritti sul libro quando ci sono; e alcuni sedicenti scrittori pretendono persino di essere ‘stipendiati o quasi’ per fare la promozione del loro libro. Del loro libro pubblicato, è bene sottolinearlo.
    Gli editori prendono sempre e in ogni caso. E quando sono piccolissime realtà indipendenti vanno pari con le spese, perlomeno questo ed è più che mai giusto.

  • Le agenzie letterarie prendono manate di soldi sempre anche quando si girano i pollici…
  • I quotidiani prendono fior di quattrini per una segnalazione, dico per una semplicissima segnalazione, sulle loro pagine. E non per un critica o una recensione.
  • Molti, moltissimi sottobanco intascano in moneta sonante o in altra forma. Però in pubblico si dipingono francescani e santi scalzi. Li vedi poi ai Parioli a Roma, nella Milano bene, nei salottini sabaudi, tra le gondole veneziane e le forme di parmigiano da Parma in giù… vitto e alloggio pagati a far la bella vita… al ristorante sempre pronti a sganasciarsi le mascelle per una battuta del cazzo sparata da un Giuda qualunque, un Giuda che i soldi ce li ha e che si compra chi diavolo gli pare e piace. E non contento se qualcuno osa fargli notare “questo e quello”, il Giuda di turno non esita a prenderlo a randellate sulle gengive, a spezzargli le ginocchia, e solo in rari casi si limita a mandarlo a quel paese con un ghigno e uno sputo in faccia.
  • Gli scrittori, o sedicenti tali, si recensiscono l’un l’altro e, ovviamente, tutti parlano sempre benissimo di tutti cioè di sé stessi… la ciofeca non rientra mai nel loro metro di giudizio… parzialissimo ed interessato ovviamente.
  • Scrivere una vera recensione critica è un dannato lavoro, un lavoro che porta via tempo e soldi. Chiunque faccia il critico sul serio lo sa, sa che la vista si consuma; sa che tenere in vita un proprio sito libero costa; sa che il computer con il quale sta scrivendo costa l’ira di dio e che quando si rompe so’ cazzi…

Chi ha capito bene. Chi non ha capito bene lo stesso.

Comunque tranquilli, gli impegni sino a oggi contratti verranno evasi secondo la vecchia formula “tutto gratis”.

NOTA BENE: I commenti al post sono chiusi e tali rimarranno.

E’ fatto divieto assoluto a chiunque di riprodurre in parte o in toto sul proprio sito o blog o attraverso qualsiasi altro mezzo (compresi Facebook, Twitter, forum, mailing list pubbliche o private “su invito”) il presente comunicato. Chi lo desiderasse può segnalare il post con un link o un trackback. Spero d’esser stato chiaro.

iannozzi giuseppe

colonna sonora, Fabrizio De André, un ottico

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, attualità, comunicati stampa, critica, critica letteraria, editoriale, Iannozzi Giuseppe, riflessioni, segnalazioni e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.