Le BR inventate a Milano per sostenere Berlusconi e le sue offese alla ANM sono anche opera di Roberto Lassini ex Dc e oggi nel Pdl

Le BR inventate a Milano per sostenere Berlusconi
e le sue offese alla Anm sono anche opera
di Roberto Lassini ex Dc e oggi nel Pdl

di Iannozzi Giuseppe

Intervistato da Il Giornale parla Roberto Lassini che spiegherebbe l’apparizione a Milano di quei sudici manifesti a favore delle Brigate Rosse: “Quei manifesti sulla giustizia non volevano essere offensivi verso i magistrati, né mancare di rispetto alle istituzioni. Sono stati una provocazione. Non è mia la paternità ma sono il presidente onorario dell’associazione ‘Dalla parte della democrazia’ che li ha fatti realizzare e allora eccomi, ci metto la faccia”.

Lassini spiega che “l’associazione è regolarmente registrata, l’abbiamo creata apposta per dar manforte a Silvio Berlusconi. Credo che i militanti abbiano fatto una sintesi dell’espressione” del premier che ha parlato di brigatismo giudiziario. Continua Lassini: “…ripeto, è stata una provocazione. Esagerata, ma tale. Sono certo che l’obiettivo non fosse mancare di rispetto alle vittime del terrorismo, io per primo provengo dalla Dc, che fu duramente colpita dalle Br, con la perdita del suo presidente. […] Il punto è che ieri come oggi c’è un giustizialismo squadrista. Il punto sono i cinque anni e mezzo che ho trascorso ad aspettare un giudizio, con 42 giorni di ingiusta detenzione preventiva a San Vittore”.

Roberto Lassini si è poi candidato per il Pdl a Milano, e spiega: “Era il 2006 quando ho trovato il coraggio di ripresentarmi con una lista a Turbigo. Sono stato eletto consigliere. Oggi spero solo di poter dare un contributo a palazzo Marino”.

Complimenti a Roberto Lassini e al Pdl che si circonda di simili personaggi e sostenitori. Un ex democristiano, oggi  ben incamiciato nel Pdl, promuove le Brigate Rosse, a sua detta a titolo di provocazione, fa proprio una figura ma una figura di quelle che non si dimenticano e che non si perdonano soprattutto.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in controinformazione, editoriale, Iannozzi Giuseppe, NOTIZIE, notizie italia, opinionismo, politica, politici, riflessioni e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Le BR inventate a Milano per sostenere Berlusconi e le sue offese alla ANM sono anche opera di Roberto Lassini ex Dc e oggi nel Pdl

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    onestamente Beppe non capisco perchè a favore delle BR? a me sembra il contrario..in ogni caso manifesti assolutamente vergognosi nonstante io non abbia simpatia per certi magistrati e non per berlusconi
    cinzia

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Perché ‘sto tizio paragona l’Anm alle Br. Il premier continua a dire che c’è in atto un piano eversivo da parte della magistratura per scalzarlo etc. etc.

    A Lassini il Pdl non ha comminatto un caz*o, anzi lo ha lasciato libero di correre per le elezioni.

    Direi che è tutto detto.

    L’atto è gravissimo, d’una gravità che non si può tollerare. Ma qualcuno tollera e forse sotto sotto approva pure. Posso essere schifato o no?

    beppe

    "Mi piace"

  3. cinzia stregaccia ha detto:

    ti ho detto forse che non devi esserlo?
    cinzia

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    No. Non capisco però perché mi poni la domanda.

    Napolitano è incazzato di brutto, un simile atto è una offesa gravissima alle vittime delle Br, ai magistrati e non. E’ una offesa che non si cancella e che non si può perdonare. La schifezza che ha fatto ‘sto Lassini mi ha disgustato in maniera indicibile. Spero lo sbattino in galera, perché per un atto così grave è il minimo che si merita.

    beppe

    "Mi piace"

  5. cinzia stregaccia ha detto:

    perchè tu me l’hai posta per primo “posso essere schifato o no?”
    ciao
    cinzia

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Era una domanda retorica, non c’era dunque bisogno di rispondere. 😉

    Bacio

    beppaccio

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.