L’Italia dei fascisti, o la riorganizzazione del disciolto partito fascista

L’Italia dei fascisti

di Iannozzi Giuseppe

La chiamano Italia unita
questa cosa verde bianca e rossa
che condanna gl’innocenti a mille anni di galera,
che stralcia la Costituzione per veline e puttane,
che sventola dei Fasci mussoliniani la rinascita

La chiamano bandiera
questa cosa anticristiana
che il collo ti lega in una cella a tarda sera,
che per sbaglio ti fa secco in un corridoio d’ospedale,
che in culo te lo sbatte senza lasciarti manco gridare
quanto cazzo fa male, quanto cazzo fa male il tricolore

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in attualità, Iannozzi Giuseppe, opinionismo, poesia, politica e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a L’Italia dei fascisti, o la riorganizzazione del disciolto partito fascista

  1. vanessa ha detto:

    Mahhhhh, che sia come hai scritto non ci sono dubbi, aggiungi poi che può capitare:
    come a Fukushima devasta dalle radiazioni ,dal terremoto e dal violento tsunami.

    Buongiorno!! ♥ vany

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Dici che sono forse un po' egoista a pensare alla situazione italiana mentre, come hai giustamente evidenziato, in Giappone c'è stato un violento terremoto che ha prodotto ahinoi molte vittime e che ancora ne produrrà per via delle radiazioni? Mi sa che non hai tutti i torti. Però non si può pensare di vivere in un mondo idealmente felice se si accetta a capo chino che l'apologia di fascismo non sia più considerata reato. Credo tu sappia bene quanti milioni di innocenti sono morti per colpa dell'Olocausto.

    ♥ ♥ ♥ bacione, Piccolina

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

  3. vanessa ha detto:

    Il mondo è pieno di teste che hanno le loro idee, ma a volte uno ha le sue idee e se le tiene confrontandole con le sue, certo che nella mia testa sono rimaste traccie di foto, di film, e di libri di storia dell’Olocausto.
    E’ passato tanto tempo non dimenticheremo mai, cmq sei tu che vedi sempre nero e torbido non c’è più il fascismo almeno credo, in teoria ci sono solo politicanti che parlano male sempre e non si rispettano.. Chi ha il potere dovrebbe esercitarlo con meno attacchi in parlamento e sempre saggiamente .
    Abbiamo esempi di sinistra tipo ieri sera ho sentito un attimo Veltroni che ogni parola era caustica , Finigianfrego pure, e Bersani e di Pietro sanno solo tirare Massi e Pietre.
    Io non penso che Il presidente Berluscono sia un Santo e nemmeno il Signore che moltiplicava il pane e i pesci ma perdinci ci vuole un pò di moderazione e di unità tra le persone se si vogliono risolvere i problemi, e non cercare di crearne sempre di nuovi, sollevando ed incitando le masse in cortei a distruggere e a creare danni.Ci vuole educazione e dialogo… dice il professore di rianimazione che alla fine piano piano e dolcemente si può mettere nel bip alle persone quindi se hai capito qualcosa di questo mio scritto sei grande.
    Ciao ♥ vany

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non sono nero e torbido. Sono contro il fascismo, sia esso di destra di sinistra o di centro. E sono anche contro il fascismo degli anarchici. Uffa.

    Io non aggiungo niente, ti lascio questo link a una video intervista dove qualcuno parla di ritirare il reato di apologia di fascismo. Giudica da sola:

    http://video.excite.it/video-intervista-francesco-bevilacqua-V70300.html

    ♥ ♥ ♥ Credo d’aver capito, almeno lo spero. ^__^

    Dormi Piccolina, dormi dormi dormi, gli occhietti ti si chiudono piano piano, hai tanto tanto sonno… ^___^

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.