Francesca De André partecipa all’Isola dei Famosi e un gruppo di fanatici le dà addosso nel nome di Faber… questo è il pericolo!

Francesca De André partecipa all’Isola dei Famosi
e un gruppo di fanatici le dà addosso
nel nome di Faber… questo è il pericolo!

di Iannozzi Giuseppe

Fabrizio avrebbe detto. Fabrizio avrebbe fatto. Fabrizio non avrebbe etc. etc.
Fabrizio cantava e cantava incazzato, “Potevo chiedervi come si chiama il vostro cane, il mio è un po’ di tempo che si chiama Libero”.
Oggi la nipote di Fabrizio De André partecipa all’Isola dei Famosi.
I fan di Faber si ribellano.
I fan di Faber dimenticano che Francesca non è Fabrizio. Porta il suo cognome, punto e basta.
Sù i social network c’è addirittura chi parla di una “scelta choc”. E’ invece scioccante che chi oggi si definisce fan di Faber dia addosso a sua nipote.

La sorella Fabrizia replica: “Secondo me no. Francesca ha 21 anni e il nonno avrebbe sospeso il giudizio. Si sarebbe forse preoccupato, ma non avrebbe ostacolato le scelte di nessuno di noi nipoti almeno per come l’ho conosciuto io. La scelta di partecipare all’Isola dei Famosi non è per Francesca una scorciatoia ma una vera e propria esperienza avventurosa. Le sue doti di cantante le coltiva, ma in sala prove e non certo sulle spiagge dell’Honduras. Questa rimane veramente per lei un’occasione per provarsi in situazioni estreme. Francesca si sente coinvolta in un divertente gioco”.

E’ un gioco l’Isola. Un gioco che può piacere o no. A me non piace, ma non metto di certo alla gogna chi ci partecipa. Non guardo l’Isola, cambio canale o spengo la tv e morta lì. Basta un clic sul telecomando e la televisione si spegne.

Fabrizia De André, che oggi lavora nel mondo della moda e dello spettacolo, ha dovuto purtroppo fare i conti con quelli che oggi si dichiarano fan di Fabrizio e che, non poche volte, lo santificano in maniera untuosa: “Chiamarsi De André è sicuramente un onore, ma quello che credo sia importante è che ciascuno di noi nipoti si senta libero di fare il proprio percorso di vita, perché qualunque cosa noi si decida di fare sono certa che le nostre scelte non saranno mai offensive o irrispettose rispetto alle persone a cui vogliamo bene… Lo dico per me, ma vale sicuramente anche per i miei fratelli”.

Il fanatismo spicciolo di certi fan fa paura.
Oggi il fan è spesse volte fuori, proprio come Gil Renard, il personaggio nato dalla fantasia di Peter Abrahams per il suo romanzo “The Fan”, da cui è stato tratto anche un fortunato film per la regia di Tony Scott con Robert De Niro.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in gossip, Iannozzi Giuseppe, opinionismo, spettacoli, televisione, TV e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Francesca De André partecipa all’Isola dei Famosi e un gruppo di fanatici le dà addosso nel nome di Faber… questo è il pericolo!

  1. vanessa ha detto:

    Forse ignorare è la soluzione migliore, perché
    le persone possano essere false e calpestare gli altri, ci sono persone che non hanno veramente nulla dentro e dalle quali è bene allontanarsi mantenendo intatta la propria personalità.
    Buonanotte Orsetto di vany , le stelle brillino solo per te!

    "Mi piace"

  2. cinzia stregaccia ha detto:

    la gente a volte mi terrorizza per la sua idiozia immensa…
    cinzia

    "Mi piace"

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    A me mi terrorizza sempre la gente. I fan ancor di più.

    beppaccio

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Giusto, sottoscrivo in pieno, Bimba mia bella.
    Francesca De André ha la sua personalità e in primis non deve tradire la sua propria identità.
    Purtroppo sono in tanti a pensare che perché ha cognome De André debba fare le stesse cose del nonno Fabrizio. Pensare in siffatto modo porta al fanatismo ed è inutile dire quanto esso sia brutto.
    Ho amato e amo Fabrizio De André, ma nessuno può vivere nella sua ombra annullando sé stesso. Questo temo non si sia capito. Eppure proprio Fabrizio voleva la libertà delle persone, di tutte le persone, affinché non rinnegassero la propria identità. Temo che i sedicenti fan di Fabrizio non abbiano capito affatto il messaggio di uno dei suoi dischi più belli e liberi, “La buona novella”.

    Dolcissima notte, Bambina Bambolina Vany ♥ ♥ ♥

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.