Berlusconi cartoon made in fa di Angela Merkel, Hillary Clinton e Yulia Timoshenko delle prostitute

Berlusconi cartoon

fa di Angela Merkel, Hillary Clinton
e Yulia Timoshenko delle prostitute

di Iannozzi Giuseppe

NB: Trattasi di un vecchio pezzo risalente al gennaio 2010, ma purtroppo più che mai attuale. [ g.i. ]

Berlusconi diventa un cartoon. La televisione russa, nel programma dedicato al Capodanno, su Channel One, ha mandato in onda il cartoon che dovrebbe parodiare in maniera simpatica – secondo le intenzioni dei creatori della satira – il premier italiano. La parodia con Silvio Berlusconi protagonista in effetti è simpatica; si vede Berlusconi impegnato ad interpretare, alla sua maniera, una canzone, mentre delle donne compiacenti e libidinose fanno per lui balletti e coreografie. Berlusconi si intrattiene anche in una limousine con Angela Merkel, Hillary Clinton e Yulia Timoshenko in una versione molto sexy e molto lontana dalla realtà.

Il problema della parodia è uno solo: è simpatica, troppo simpatica, e così rischia di diventare popolare anche tra i detrattori del premier italiano – che la giudicheranno innocua. Invece così non è: Berlusconi nel cartoon russo è investito di una aura di simpatia che nella realtà quotidiana non ha affatto. L’immagine che viene offerta del presidente del Consiglio, a ben guardare, è positiva in pieno, fin troppo: è esagerata.



Perché questo cartoon su Berlusconi nella notte di Capodanno, sul primo canale russo?
Non dimentichiamoci che Berlusconi è amico di Putin, che per il 2010 “gli ha augurato tutto il bene possibile”. Putin si è addirittura scomodato di far diffondere dal governo russo un messaggio che sottolinea lo “scandaloso incidente di Milano” – perché se Berlusconi in Italia fa finta di perdonare nel nome dell’amore in Russia l’amico Vladimir Putin non perdona -, per ribadire “l’impegno” del capo di governo italiano per lo sviluppo dinamico del partenariato strategico tra i due Paesi: “Stiamo iniziando nuovi progetti promettenti nel commercio, nel settore economico, in quello del carburante, dell’energia, della scienza, tecnologia, cultura, relazioni umanitarie e altri settori”.

Vladimir Putin con questo cartoon sull’amico Berlusconi gli fa pubblicità politica, una carineria esagerata, melensa, del tutto falsa.

Il cartoon com’è ovvio che accadesse è finito subito su YouTube raccogliendo i consensi entusiasti del gregge, che ride senza accorgersi che glielo stanno mettendo proprio in quel posto, mentre Berlusconi canta: “tocco tutte le donne italiane/ tutti i paparazzi mi cercano/ quando mi trovano insieme a modelle e prostitute e con mia cugina anche/ e mi vedono tutto nudo/ i miei settanta anni li porto bene/ e sono davvero molto bravo/ sono ancora in gamba/ e Milano è tutta mia”. Così mentre il gregge appecorato crede di ridere di Berlusconi, in realtà viene ammansito alla vecchia maniera con un bell’atto di sodomizzazione celebrale.

Questo cartoon russo non è una parodia. Non è una satira gentile. E’ invece una spudorata quanto vergognosa pubblicità alla destra italiana. Una gravissima offesa al popolo italiano.
E non da ultimo è una immonda offesa nei confronti di Angela Merkel, Hillary Clinton e Yulia Timoshenko, che vengono costrette nel ruolo di escort del presidente del Consiglio italiano.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in critica, Iannozzi Giuseppe, politica, politici e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.