Il coraggio d’un Re

Il coraggio d’un Re

di Iannozzi Giuseppe

Perdere,
perdere l’appoggio
d’un Re, del suo coraggio

Perdere
le briglie sciolte
del regal suo cavallo

Perdere
il senno e il sonno
per orgoglio,
per smania di protagonismo

Grave,
sì grave
perdere il filo della spada
e il pugno duro d’un Re

Per quanto invaso dalla pazzia,
il nobil suo sangue mai
si piegherà al ferro oppressore;
dovreste voi ben saperlo!

Perdere,
perdere il favore del Re
Meglio per voi sarebbe stato
se in campo aperto,
in un faccia a faccia,
aveste persa la vita,
cani che non siete altro!
Che mai ve ne farete ora
di tutto quel fiato puzzolente
nelle budella conchiuso?

Chi perde
del Re il favore
tutto perde,
in un sol colpo:
la stima et l’amistà

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe, poesia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Il coraggio d’un Re

  1. Emma Saponaro ha detto:

    Ecco perchè bisogna sempre fare affidamento alle proprie forze: essere autonomi e indipendenti. Purtroppo, però, la professione – ad esempio – ci piega e ci allontana dalla nostra coerenza. Questo mi è venuto da pensare! La poesia mi è piaciuta molto e mi ha insegnato un nuovo termine: amistà!

    PS Sono felice e onorata di esser stata linkata e, se non ti dispiace, faccio altrettanto con te.

    "Mi piace"

  2. vanessa ha detto:

    Il soggetto a cui ti riferisci è forse lo stato confusionale del nostro mondo politico quel malessere che viene e ci attanaglia il cuore in una morsa provocando un profondo desiderio di rivoluzione,ho sentito la radio poco fa, anche la tomba del povero Mike hanno profanato, ho provato tanto sgomento..

    Tieniamoci calmi…chi vivrà vedrà speriamo bene.

    Dolce serata ♥ vany

    "Mi piace"

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    No, questa volta non ci sei andata vicino nemmeno un pochino. ^___^

    Più semplicemente è una dichiarazione in stile narcisistico, ovvero che io sono il Re, l’unico e il solo Re ed è per questo che è meglio non tentare di mettermi i bastoni fra le ruote. 😉

    Se a me resterai accanto mai nulla avrai da temere. La mia spada è qui pronta per mozzare lo capo a tondo a tutti li bravacci che ci volessero provare a toccarti anche solo con un dito, mia nobile Damigella.

    ♥ orsetto di VaNY

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Si può scegliere se piegarsi, come purtroppo in molti fanno svendendosi, calpestando tutto e tutti. E si può scegliere di non piegarsi. Chi sceglie di non piegarsi, per nessuna ragione al mondo, di non essere un leccaculo per dirla papale papale non avrà forse tutto e subito e forse non avrà niente. Ma a che serve avere un po’ di macabra fama oggi tradendo la propria dignità se poi tanto domani, sicuro come la morte, che i posteri se mai si ricorderanno di te sarà per dirti mostro o peggio? Pensiamo a Cesare Battisti ad esempio. Sino al 2004 solo in pochi sapevano di lui per via dei suoi crimini. Oggi di lui si parla e si parla tanto, è diventato famoso, molto famoso, ma per i suoi crimini, per essere un mostro e un vigliacco e non di certo per i suoi noir – che avranno letto sì e no un pugno di mosche e di cui non si parla se non per dirne male, perché tra le altre cose Battisti è ignorante più d’una capra.

    La lingua italiana è una lingua ricchissima di sfumature semiologiche ed è un vero peccato che gli italiani non conoscano la loro propria lingua. Amistà è un temine un po’ desueto, diciamo pure poetico, ed indica un sentimento di amicizia.

    "Mi piace"

  5. vanessa ha detto:

    Ogni desiderio si potrà avverrare se lo si desidera col cuore.
    Io non avevo proprio capito quello che ora mi hai spiegato, credevo che tu fossi arrabbiato per gli accadimenti di questo ultimo periodo; voglio urlarti il mio pensiero affinché anche tu come me se hai dei sogni possa proteggerli e farli avverrare.

    Buonanotte! morsetti ♥ vany

    "Mi piace"

  6. vanessa ha detto:

    leKKatine;) vany

    "Mi piace"

  7. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Fa’ la brava, Pomodorino 😉

    ♥ ♥ ♥ Dolci sogni, agnellino dell’Orsetto tuo

    "Mi piace"

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Con il cuore e con la mente, con l’intelligenza direi. Ma non è detto, tanti elementi si frappongono fra il desiderio e la sua realizzazione.

    In ogni modo sì, eri proprio fuori strada.

    Cerco di non arrabbiarmi, non più di tanto.
    In fondo io perseguo la serenità d’animo, quindi perché angosciarmi pure per i fattacci di cronaca? I tombaroli sono più vecchi della nascita del mondo, non è la prima salma che viene trafugata. Sono migliaia di anni che simili cose accadono.

    Se devo indignarmi e mi indigno fortemente lo faccio per cause come l’Olocausto che ha visto milioni di uomini vivi morire bruciati nei forni per colpa di tre pazzi, Hitler, Mussolini e Stalin.

    Buonanotte, Piccola

    ♥ ♥ ♥ orsetto di VaNY

    "Mi piace"

  9. vanessa ha detto:

    Bacetti!! ♥ vany

    "Mi piace"

  10. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    La mia Pomodorina che fa oggi pomeriggio? Arrossisci, vero? 😉

    ♥ ♥ ♥ LeKKatine VaNYtose ^__*

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.