Fiat, vincono i sì col 54,7%

Fiat, vincono i sì col 54,7%

Il voto, iniziato col turno delle 22.00 di giovedì 13 (gennaio 2011), ha visto la partecipazione di 5.119 lavoratori, oltre il 94,2% degli aventi diritto.
I hanno vinto con 2.735 voti, pari al 54,05%.
I no hanno perso con 2.325 (45,95%).
Le schede nulle e bianche 59.
Decisivo per il il seggio il seggio 5, quello dei 449 impiegati.
Nel conteggio complessivo dei soli operai, il ha prevalso per 9 voti.

Alla fine, pur senza un plebiscito che comunque nessuno credeva possibile, ha prevalso il buonsenso e questo è un grande risultato per l’economia, per Torino oramai ridotta da diversi anni al collasso. (iannozzi giuseppe)

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in economia, Iannozzi Giuseppe, NOTIZIE, politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Fiat, vincono i sì col 54,7%

  1. vanessa ha detto:

    Meno male che ha prevalso il buonsenso, è ora che ci sia un pò di buonsenso.
    Bye ♥ vany

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Ha prevalso, sì, questa volta. L’alternativa sarebbe stata quella per operai e impiegati di sbaraccare. Per fortuna qualcuno ragiona ancora e ragiona con la sua testa al di là degli “estremismi”.

    ♥ orsetto bastardiSSimo

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.