Napolitano su Battisti in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Dal carcere il terrorista sbotta con violenza inaudita

Napolitano su Battisti in occasione

dei 150 anni dell’Unità d’Italia

Dal carcere Battisti reagisce con violenza inaudita

di Iannozzi Giuseppe

Napolitano torna a parlare di Cesare Battisti. Lo fa da Ravenna dove ha aperto le celebrazioni ufficiali per i 150 dell’Unità d’Italia: “Non siamo riusciti a far comprendere anche a paesi amici vicini e lontani cosa hanno significato”. Il capo dello Stato ha sottolineato: “In questa vicenda è mancato qualcosa alla nostra cultura e alla nostra politica per trasmettere, e far capire davvero, il senso di ciò che accadde in quegli anni tormentosi del terrorismo”.

Condanna severa, anzi severissima quella di Napolitano nei confronti del terrorismo armato ma anche un rimprovero contro la politica italiana, la quale, forse, non è stata capace di far comprendere appieno a “paesi amici e lontani” la pesante gravità che il terrorismo rosso ha rappresentato per l’Italia in quegli anni che oggi la Storia ricorda per essere stati di “piombo”.

Dal carcere dove è ancora detenuto, Cesare Battisti, dopo aver appreso del ricorso italiano, è andato su tutte le furie reagendo con inaudita violenza, lasciando cadere quella sua maschera gommosa sempre pronta a ridicolizzare con smorfie clownesche persone e accadimenti. Per Peluso è difatti chiaro che “c’è un’assenza assoluta, oggi, di prove di rischio di persecuzione politica”, per cui l’estradizione in Italia di Battisti sarebbe più che mai fattibile.

Il ministro degli Esteri Franco Frattini specifica che la ratifica dell’accordo tra Italia e Brasile “verrà sospesa, non cancellata”. Frattini è intervenuto a Che tempo che fa (trasmissione in onda su Rai3 e condotta da Fabio Fazio): “Si è trattato di una brutta fine del mandato di un bravissimo presidente dettata da motivazioni ideologiche. L’accordo militare era calendarizzato ma il clima non è propizio a votarlo. Certo il Parlamento è sovrano, ma credo che l’atmosfera richieda di aspettare a febbraio la decisione del Supremo tribunale federale. Se la decisione sarà contraria rispetto a quella presa dall’ex presidente brasiliano, in quel caso saremo più che lieti di ratificare l’accordo”.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in cronaca, Iannozzi Giuseppe, NOTIZIE, notizie italia, politica, politici, violenza e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.