Tiziano Scarpa e Cesare Battisti. Una solidarietà di palle e pallottole

Tiziano Scarpa e Cesare Battisti
Una solidarietà di palle e pallottole

di Iannozzi Giuseppe

Forse qualcuno non lo sa, ma Tiziano Scarpa, lo scrittorucolo che dovrebbe essere il vincitore del 63mo premio Strega con un romanzetto di niuno valore a cui ha fatto seguito un lavoretto di mano che manco la locandiera del Goldoni se l’è filato, se la fa da tempo con Cesare Battisti. La riflessione viene dunque spontanea: (1) per vincere lo Strega oggigiorno bisogna essere amico d’un terrorista rosso, (2) frequentare i compagni di merende di Battisti e strombazzare ai quattro venti che son buoni santi e immacolati, e ovviamente (3) pubblicare per Einaudi (che è nelle mani del nostro sempre benamato premier Silvio Berlusconi).

E’ evidente, Scarpa e Battisti vivono una solidarietà di palle e pallottole. Se solo fosse ancor vivo il Goldoni avrebbe come minimo materiale a sufficienza per ridar vita a quell’Arlecchino servitore di due padroni.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, critica letteraria, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, politica, riflessioni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.