Gianfranco Fini come Ponzio Pilato non vota la sfiducia a Calderoli – fotogallery

Gianfranco Fini come Ponzio Pilato
non vota la sfiducia a Calderoli

di Iannozzi Giuseppe

Il portavoce dell’Italia dei Valori, Leoluca Orlando, porta un duro e più che giustificato affondo al neonato Terzo Polo: “Dopo aver condiviso tutte le nostre censure si è pilatescamente e contraddittoriamente astenuto. E’ veramente deplorevole la subalternità dei rutelliani, dell’Udc e dei finiani alle menzogne del ministro del Carroccio, nell’esercizio della delicatissima funzione legislativa esercitata dal governo per delega”.

A favore hanno votato Pd e Idv. Fli, Api e Udc si sono invece astenuti. In totale 293 voti contrari, 188 favorevoli e 64 astenuti. Il ministro leghista Roberto Calderoli rimane incollato alla sua poltrona. Su di lui l’accusa di aver fatto abrogare il reato di associazione militare di stampo politico per evitare il processo a 36 camicie verdi.

Il Terzo Polo, con a capo Gianfranco Fini, ahinoi si cala perfettamente nel ruolo che fu di Ponzio Pilato.

Gianfranco Fini come Ponzio Pilato
dall’archivio personale di Iannozzi Giuseppe

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in Iannozzi Giuseppe, politica, politici, querelle, satira e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.