Avvenente minorenne incoraggia Papi Silvio con una lacrimevole lettera di incoraggiamento

Avvenente minorenne incoraggia Papi Silvio
con una lacrimevole lettera di incoraggiamento

Non fate la bua al mio Papi, è un nanetto buono e caritatevole. Mi invita sempre a tutte le feste ad Arcore. E’ più generoso della Croce Rossa. E’ più santo di Padre Pio. E’ quel che si dice un uomo di spirito, non perde mai l’occasione per sparare le sue battute che, puntualmente, fanno morire tutti dal mal di pancia.

Papi è un ometto buono, siete voi brutti comunisti che lo dipingete cattivo. Io vi odio per questo. Avete speso tanto tanto veleno contro di lui. Adesso vorreste sfilargli gli stivali con il tacco rinforzato dai piedi, ed è ancora vivo e vegeto… fosse morto stecchito potrei pure capire il desiderio di appropriarsi d’un ricordo, d’avere un souvenir da consegnare alla Storia d’Italia. Però è ancora in piedi, come un vero cowboy, e quello che vorreste fargli è a dir poco immorale… gli stivali se li è fatti fare su misura dal suo ciabattino di fiducia, sono una parte importante delle sue gambe oramai. Privarlo dei suoi stivaloni così di punto in bianco è un atto immorale e basta.

Non vi illudete, maledetti comunisti. Il Papi non si farà scalzare con tanta facilità. Combatterà fino all’ultimo. E quand’anche i traditori riuscissero a promuovere la sfiducia nei suoi confronti e in Parlamento e in Senato, il Papi non si arrenderà. Io lo so com’è fatto, è un ometto tutto d’un pezzo, scenderà in piazza, chiamerà a raccolta il popolo che lo ha eletto e con l’aiuto dell’amichetto Umberto Bossi e delle sue camicie verdi inaugurerà una vera e propria sollevazione popolare. Una stagione di sangue più rosso del rosso.

Papi Silvio è l’Obama italiano e chi non lo ha capito è perché ha il cervellino piccolo piccolo.

Forza Papi, Forza Italia!!! Non ti arrendere, fallo per me che ti voglio tanto tanto bene. Non ti arrendere perché senza di te l’Italia è spacciata. Non ti arrendere perché se non sarai più Presidente del Consiglio non potrai più fare le leggi che ti servono né dare feste pazzesche ad Arcore, e forse nemmeno intrattenere rapporti troppi stretti con l’amichetto Putin.

Papi, ricordati che ti voglio bene, tanto tanto bene e che Veronica è oramai fuori dalle palle. Sono convinta che la spunterai anche questa volta. Prego il buon Gesù perché ti dia la forza necessaria di mandare all’inferno i comunisti che vorrebbero farti la pelle.

Ti abbraccio forte forte con un bacetto, Papino Silvio.

Giuseppina Iannozzi

Giuseppina Iannozzi è la sig.na a destra, quella pelata con la barba

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in Iannozzi Giuseppe, politica, politici, satira e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Avvenente minorenne incoraggia Papi Silvio con una lacrimevole lettera di incoraggiamento

  1. vanessa ha detto:

    Ahahahah, Ke cattivone sei 😉
    Forse Silvio se ti leggesse riderebbe 😛

    Ciao, ♥ vany

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Sì, riderebbbe se mi leggesse, ma solo dopo avermi fatto sbattere in galera, dietro le sbarre come una scimmia. 😦

    In ogni caso non ho mai pensato che il governo potesse cadere. Ha ottenuto la fiducia per tre voti. Non mi aspettavo niente di diverso. Di fatto è l’ingovernabilità.
    Ma quand’anche avesse vinto la sedicente sinistra, l’Italia sarebbe ancora ingovernabile. Troppi voltagabbana a destra a sinistra al centro. Un giorno sono rossi, quello appresso neri e viceversa. Un vero troiaio. Non si fa politica con gente che cambia bandiera nel giro di 12 ore almeno quattro o cinque volte.

    Per me che Berlusconi stia pure al Colle. Se ci riesce a governarla questa Italia. Ma a giudicare dalla guerriglia che c’è direi che nessuno può governarla, perché nessuno ha la maggioranza. Tre voti raccattati non fanno una maggioranza assoluta. Per governare, qualsiasi governo ha bisogno di una maggioranza assoluta e non di tre voti piovuti chissà come.

    Bacione, Cuoricino ♥ ♥ ♥

    E mi raccomando: se sbattono il tuo orsetto in una gabbia, tu portagli le arance, mi raccomando. 😀

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

  3. vanessa ha detto:

    E’ una cosa vergognosa,molte persone che occupano il parlamento sono offensive e maleducate, dovrebbero cercare di dialogare dentro la camera anzicché essere ospiti delle rubriche televisive.
    E’sconfortante vedere che non c’è più il minimo
    senso del rispetto ed ogni parola emessa sembra un sopruso a noi che li ascoltiamo.Non è per niente educativo, io cmq. non ho mai sentito Berlusconi emettere
    verbali offese come fa Di Pietro, Casini, e tutti i tuoi amici tipo Bersani e Franceschini.Stasera ho guardato il tg. e ti dirò che quelli che ho sopracitati mi sembrava ragliassero anzicché parlassero;)
    C’è poco da stare allegri sono esempi poco edificanti.Buonanotte King!! ♥ vany

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Vuoi che te la dica tutta?
    Non mi piace nessuno. La sinistra, o perlomeno quella cosa strana che si fa chiamare opposizione bercia e insulta. La destra di male in peggio, si scaglia contro studenti, insulta con barzellette da osteria e nemmeno le donne e gli omosessuali, etc. etc.

    Con questa classe politica, che è buona solo per Sodoma e Gomorra, non si andrà mai da nessuna parte. Mi fanno schifo tutti, i voltagabbana più di chiunque altro.

    Siamo un paese di pavidi come ebbe a dire il grande Mario Monicelli e per questo non saremo mai un grande paese democratico e civile.

    ♥ beppe orsetto

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.