Tiziano Scarpa ordina che lo si ami. Volete davvero buttare i vostri soldi nel cesso?

Tiziano Scarpa ordina che lo si ami
Volete davvero buttare i vostri soldi nel cesso?

di Iannozzi Giuseppe

E’ bello vedere come Tiziano Scarpa si lamenta della letteratura, delle Melissa P., per poi finire molto ma moltissimo peggio, meno d’una Liala, meno di chiunque, meno di Cesare Battisti, meno di chiunque oggi scriva: che cosa dovrebbe mai essere “Amami”? Non è scurrile, non è provocazione: è solo volgarità fine a sé stessa, scevra di qualsivoglia contenuto, tranne nel caso si voglia considerare l’inutilità esasperata, in maniera avvilente, un contenuto.

Una galleria di personaggi avvilenti, imbarazzanti tanto sono fuori del mondo, fintamente ballardiani e/o sadiani: non sono né carne né pesce, non sono una mostra delle atrocità, non sono indicazioni per una precoce apocalittica fine del mondo. A dirla tutta, non avete davvero bisogno dei sessanta ritratti che sono in “Amami”: nessuno di essi ha qualcosa da dire, tutti dicono “amami” con la stessa faccia balorda con cui si va in un’agenzia di Pompe Funebri per contrattare sul prezzo della propria bara.

Se proprio volete buttare dei soldi nel cesso e poi tirare l’acqua, bene, “Amami” di Tiziano Scarpa e Massimo Giacon è il libro adatto a voi.

Se invece preferite farvi una bella sega, e non buttare i soldi nel cesso, accattatevi un qualsiasi numero di PlayBoy: ne trarrete sicuro beneficio per l’anima, per il corpo anche, e vi terrete in allenamento con le mani per giunta. Però attenti a non esagerare: la tendinite è una malattia professionale che si presenta soprattutto in soggetti sani quando uno me se lo aspetta.

A Tiziano Scarpa, credetemi, mille volte meglio la scrittura di Melissa P o di Federico Moccia: perlomeno loro un contenuto, contestabile, ce l’hanno.

Poi ci si lamenta che la Letteratura è morta: è finita così, nel finto sadismo ballardiano d’un kamikaze. E il problema è che di roba così a iosa in libreria. No, non proprio, ho parzialmente mentito: questa roba ha superato il concetto stesso di trash, si è andati ben oltre Ed Wood, si è andati oltre “tutto”… Sembrano quegli impossibili graffiti che qualche teppistello – me compreso – disegnava sulle pareti dei cessi, a scuola durante il cambio d’insegnante, quando ancora tutti i brufoli da spremere; eppure noi tutti, noi maschietti, come del resto pure tutte le compagne di brufoli e punti neri, ci ostinavamo a schiacciare nonostante non fossero ancora con la punta bella gialla di pus.

Tiziano Scarpa – Massimo Giacon – Amami – Mondadori – Collana: Oscar – Piccola Biblioteca – n. 520 – Pagine 136 – Isbn 8804563931 – € 8.40

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in critica letteraria, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, libri, non letteratura, recensioni, stroncature e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Tiziano Scarpa ordina che lo si ami. Volete davvero buttare i vostri soldi nel cesso?

  1. Pingback: Uno stregonesco Tiziano ciarla d’un Caruso stucchevole | Iannozzi Giuseppe aka King Lear

I commenti sono chiusi.