Lo spazio sfinito di Tommaso Pincio

Lo spazio sfinito di Tommaso Pincio

di Iannozzi Giuseppe

[ Torna in libreria Lo spazio sfinito, uno dei primi romanzi di Tommaso Pincio. La prima edizione è del 2000, per Fanucci editore nella collana AvantPop, 180 pagine.

La presente recensione critica si basa sull’edizione edita da Fanucci.

g.i. ]

Tommaso Pincio vive a Roma. Il suo primo romanzo, M., è stato pubblicato per i tipi  Cronopio. Successivamente: Un amore dell’altro mondo (Einaudi, 2000), La ragazza che non era lei (Einaudi, 2005), Gli alieni. Dove si racconta come e perché sono giunti tra noi (Fazi, 2006).

Uno scrittore americano si prepara a passare nove settimane nello spazio per conto della Coca-Cola Enterprise. Un’attrice famosissima fa la commessa in una libreria. Un drammaturgo si è comprato la casa sulla cascata…

Negli anni Cinquanta immaginati dallo scrittore italiano Tommaso Pincio il senso del meraviglioso si è impossessato della vita quotidiana. Personaggi come Jack Kerouac, Marylin Monroe, Arthur Miller e Neal Cassady vivono in un mondo terribilmente bello, ed è la malinconia a renderlo tale e al tempo stesso incredibilmente vuoto. E’ un mondo che può esistere solo nella fantasia; eppure ha la consistenza della scheggia di Storia, del frammento di verità, perché racconta un sogno che tutti hanno fatto, e da cui tutti, purtroppo, si sono risvegliati.

Lo spazio sfinito tratteggia il lento orbitare dei miti popolari nello spazio della vita e della Storia, osserva le costellazioni delle merci quotidiane, delle icone di massa, e il modo in cui queste ci attraversano come atomi nella materia, lasciando giusto un segno un calore un vuoto.

I personaggi di Tommaso Pincio, i Kerouac e le Marylin, umanissimi e artefatti, famosi ma insoliti, attraversano i generi letterari, il romanzo storico, la fantascienza, il romance sentimentale, per entrare a forza nella nostra memoria passando per l’immagine che già abbiamo di loro, conservata nei nostri affetti, nel nostro passato. E intorno a loro c’è lo Spazio pieno di misteri, e la casa sulla cascata è sull’orlo della sparizione e New York è vuota e notturna…

Lo spazio sfinito è il primo romanzo italiano della collana AvantPop Fanucci, e costituisce un caso unico nel nostro panorama letterario per la maturità con cui Tommaso Pincio si immerge nell’immaginario contemporaneo dando vita a un linguaggio struggente e singolare, che scandisce una storia dove l’eccentricità della visione diventa narrazione squisita ed emozionante.

Lo spazio sfinito – Tommaso Pincio – Collana nichel – Minimum Fax – Euro 13,50

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, casi letterari, critica letteraria, cultura, editoria, Iannozzi Giuseppe, libri, recensioni, romanzi e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.