Elisabetta Tulliani avrebbe chiesto 10milioni di Euro al Giornale, a Libero e al settimanale Panorama

Elisabetta Tulliani avrebbe chiesto 10milioni di Euro
al Giornale, a Libero e al settimanale Panorama

a cura di Iannozzi Giuseppe

Elisabetta Tulliani, compagna di Gianfranco Fini, avrebbe chiesto 10 milioni di Euro di danni al Giornale di Vittorio Feltri, a Libero di Maurizio Belpietro e al settimanale Panorama di Giorgio Mulè a seguito degli articoli pubblicati nel corso dell’estate in merito alla querelle con Gaucci e sulle case della sua famiglia.

Il tutto sarebbe adesso in mano al tribunale civile di Roma. L’atto di citazione contesterebbe i pezzi sulla vincita al superenalotto della Tulliani. Fu lei la fortunata o Gaucci? Libero di Belpietro dedica ampio spazio alla sottolineando che sull’atto di citazione non si legge mai (se non sbagliano) la parola beneficenza: “Dieci milioni. Gesù, peggio della Sisal”. E sul sito online non disdegna di scrivere: “Di certo, la Tulliani è abituata a spillare quattrini da chi la circonda, quasi si trattassero di bancomat ambulanti… Chiedere per conferma all’ex patron del Perugia Luciano Gaucci e al presidente della Camera Gianfranco Fini”.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in Iannozzi Giuseppe, politica, querelle e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Elisabetta Tulliani avrebbe chiesto 10milioni di Euro al Giornale, a Libero e al settimanale Panorama

  1. Pingback: Elisabetta Tulliani avrebbe chiesto 10milioni di Euro al Giornale, a Libero e al settimanale … | Politica Italiana

I commenti sono chiusi.