Alessio Burtone in carcere. L’assassino di Maricica Hahaianu che marcisca pure in galera

Alessio Burtone in carcere
L’assassino di Maricica Hahaianu
che marcisca pure in galera

di Iannozzi Giuseppe

leggi anche: “Er Bamba e gli altri ventenni. La banda che sta con Alessio” a firma di Alessandro Capponi su Il Corriere della Sera

Il Comune di Roma si occuperà delle esequie e dell’allestimento della camera ardente per Maricica Hahaianu vittima della violenza xenofoba (!) di Alessio Burtone, che con un pugno l’ha sbattuta a terra di fatto uccidendola.

Ai microfoni di Radio Città Futura Ramona Badescu, consigliere del Comune per i rapporti con la comunità rumena: “E’ stato il sindaco a proporlo tramite me al marito c’è tanta gente che vuole salutarla, farle un omaggio, portarle dei fiori, e con Adrian (il marito della Hahaianu, ndr) abbiamo pensato di accontentarli, quando avremo il nulla osta dopo l’autopsia”. Ramona Badescu invita a superare la questione della nazionalità della vittima: “Questo gesto, il fatto che il Comune si sia preso carico di tutte le spese del funerale, l’annuncio di Alemanno che si costituirà parte civile dimostrano il suo coraggio, la sua grandezza umana e fanno capire alla gente che il sindaco sta dalla parte di chi ha subìto un torto”.


Sempre dai microfoni di Radio Città Futura, Jean Leonard Touadì, deputato del Pd ed ex assessore alla Sicurezza del Comune di Roma ha spiegato che “i fatti sono gravissimi, stiamo parlando di una donna di 32 anni, madre di due figli, che svolgeva un lavoro delicato, e di un ragazzo maggiorenne incolpato di omicidio preterintenzionale aggravato dalla futilità dei motivi. Di fronte a questo, secondo me il magistrato deve applicare una pena esemplare”. Ed ancora: “A vent’anni si ha una responsabilità penale totale e in questo caso abbiamo assistito a un ragazzo che fa pugilato assestando un colpo di questa durezza in faccia a una donna”. E parlando degli amici di Alessio che lo difendono a oltranza su Facebook: “non hanno ancora preso la giusta misura della gravità di ciò che è successo, gli striscioni allo stadio e al quartiere don Bosco che inneggiano alla sua libertà, per questo ci vuole una punizione esemplare”.

Che l’assassino Alessio Burtone marcisca pure in galera per il resto dei suoi giorni. Un assassino non merita né solidarietà né pietà. Violenza e omicidio non possono e non devono essere tollerati da una società che si dice democratica e civile.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in cronaca, cronaca nera, giustizia, Iannozzi Giuseppe, NOTIZIE e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Alessio Burtone in carcere. L’assassino di Maricica Hahaianu che marcisca pure in galera

  1. Gentile Vincenzo ha detto:

    ma che dire si tiene in carcere il palestrato serbo che in confronto a questo episodio ha fatto una carezza ad un gatto e ci si ostina a difendere l’indifendibile assassino di una donna

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Chi delinque, sia esso serbo sia esso italiano islamico maghrebino… non può attendersi sconti di alcun genere.

    "Mi piace"

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Senta Luigi, vada a farsi una passeggiata da qualche altra parte. Bertone assassino è ed assassino rimane.

    Dov’è adesso Alessio Burtone? In cella di isolamento. Ne avrà per anni e anni e anni.

    Qui i suoi deliri non passano. Spero le sia chiaro. Ed ora se ne vada.

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    No, lei persona informata sui fatti, sarà contattato dalla Polizia Postale.

    "Mi piace"

  5. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Lei peraltro non legge e non conosce la lingua italiana così come ci si aspetterebbe da una persona che osa firmarsi “persona informata sui fatti”.

    1. Che l’assassino Alessio Burtone marcisca pure in galera… Si esprime il desiderio che venga fatta giustizia e mi pare che Burtone Alessio sia ancora in galera, così com’è giusto che debba essere per chi ha ammazza.

    2. “Violenza e omicidio non possono e non devono essere tollerati da una società che si dice democratica e civile”. – Lei crede che non siamo in democrazia forse?

    3. Io non ho mai parlato di qualcuno che fa pugilato. Si rilegga il pezzo. Le calunnie le sta facendo lei e in maniera pesante.

    4. Non esisste alcun articolo con il titolo da lei indicato. Chissà che cosa ha letto e dove.

    Lei ha tirato fuori un sacco di falsità.

    Le ricordo che il suo IP è monitorato, per cui veda lei se le conviene continuare a sputare fesserie. Io fossi in lei tacerei e per sempre.

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non si fa menzione di Alessio Burtone Assassino.
    Capisco.
    Chissà come mai il Secolo parla di assassino:

    http://www.ilsecoloxix.it/p/mondo/2010/10/19/AMrgUDAE-scandalo_assassino_applausi.shtml

    Si guardi poi la rassegna stampa. Tutti parlano di assassino.

    http://www.google.it/#hl=it&biw=1280&bih=535&q=alessio+burtone+assassino&aq=f&aqi=&aql=&oq=&gs_rfai=&fp=e8a523108e0202cf

    Addio

    "Mi piace"

  7. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Mi tolga una curiosità, com’è il tempo lì da lei a Roma? Bello o brutto? Piove o tira vento?

    "Mi piace"

  8. Persona informata sui fatti (un pochino meglio di Lei sembrerebbe) ha detto:

    è già stato fatto. ancora una volta non è informato. quante altre figure di cacca ha intenzione di fare?

    "Mi piace"

  9. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non intendo lasciarmi insultare da lei ulteriormente.
    I suoi commenti non vengono pubblicati perché inutili, diffamatori, calunniosi etc. etc.

    Costituiscono inoltre e soprattutto contro la di Lei persona.
    Forse non lo sa, l’IP è come la targa delle auto: non si scappa.

    Lei non ha niente di meglio da fare, è evidente. Ma io sì, per cui chiudo e le tolgo il gioco, chiudo i commenti.

    P.S.: Non le serve a niente cambiare PC. Sempre da Roma rompe le scatole.

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.