Michele Misseri e la figlia Sabrina orco e orchessa ad Avetrana. Sia loro comminata la pena massima

Michele Misseri e la figlia Sabrina
orco e orchessa ad Avetrana
Sia loro comminata la pena massima

di Iannozzi Giuseppe

Il procuratore della Repubblica presso il tribunale ionico, Franco Sebastio ha confermato che Sabrina Misseri è accusata di concorso in omicidio e sequestro di persona. Sebastio spiega: “Nelle stesse ore abbiamo avviato la richiesta al gip di convalida del fermo nei confronti di Sabrina e di incidente probatorio con l’altro coimputato, Michele Misseri, affinché siano cristallizzate le sue dichiarazioni. Crediamo che a questo punto l’indagine possa ritenersi quasi conclusa”. Gli inquirenti precisano inoltre che “si procede ancora anche per vilipendio di cadavere, accusa questa, contestata solo ed esclusivamente a Michele Misseri”.

L’avvocato Emilia Velletri, che difende l’orchessa Sabrina: “Sta molto male per tutto quel che le è accaduto nelle ultime ore”. E l’altro avvocato della famiglia Misseri, Vito Russo: “La ragazza non ha confessato, assolutamente no. Il movente sessuale dell’omicidio di Sarah non credo che riguardi Sabrina, a prescindere dal fatto che finora non è emerso alcun movente da parte di Sabrina, e questa è secondo me la carenza investigativa. Ho chiesto alla Procura di formalizzare un incidente probatorio per mettere a confronto le lacunose versioni che Michele Misseri ha dato…. (Sabrina) non ha nulla da nascondere. Per me è innocente”. Oggi 16 ottobre 2010 gli avvocati Russo e Velletri proveranno a incontrare l’orchessa Sabrina che è già stata tradotta in carcere: “Sabrina non sta bene, è anche una vittima di questa vicenda. E’ stata parecchio dentro la caserma perché c’erano delle formalità da sbrigare, ma l’interrogatorio è durato solo due ore”.

“Movente intrafamiliare”: così il procuratore della Repubblica Franco Sebastio ha definito le ragioni che hanno spinto Michele Misseri e la figlia Sabrina all’omicidio di Sarah, la quindicenne di Avetrana scomparsa il 26 agosto e rinvenuta cadavere in un pozzo una quarantina di giorni dopo. Secondo quanto si apprende da fonti investigative, gli inquirenti sono arrivati alla conclusione che Sarah è stata costretta con la forza a scendere nella rimessa. Sabrina Misseri non avrebbe dunque indotto con qualche scusa la cugina a scendere, ma avrebbe bensì collaborato in maniera attiva con il padre orco trascinando  giù con la violenza Sarah Scazzi. L’accusa sostiene che il ruolo dell’orchessa Sabrina Misseri nell’omicidio è stato attivo: avrebbe difatti tenuto immobilizzata la cuginetta mentre l’uomo la strangolava con la corda. Il movente: le molestie sessuali di Michele Misseri nei confronti di Sarah, di cui la figlia orchessa era venuta a conoscenza dalla stessa cuginetta Sarah.

Sarah Scazzi

Nessun raptus omicida.
Impossibile oramai per i difensori dell’orco e dell’orchessa sostenere che Michele Misseri sarebbe affetto da pazzia.
Impossibile anche trovare una qualsiasi attenuante per la figlia, l’orchessa Sabrina Misseri: è essa uguale al padre, della stessa maledetta pasta. Sull’orchessa Sabrina le pesantissime accuse di omicidio e sequestro di persona.
Michele Misseri passerà il resto degli anni che gli rimangono da vivere in una cella buia. La galera non gliela leverà nessuno, né Dio né il Diavolo. E’ giusto dire che se mai uscirà di prigione sarà in orizzontale.

Per l’orco Michele Misseri e per la figlia orchessa Sabrina Misseri la società chiede che sia loro inflitta il massimo della pena, una pena esemplare che non servirà comunque a lavare via l’orrore immondo che questi due orchi hanno portato ad Avetrana ammazzando la giovane Sarah Scazzi.
Sarah
è stata sequestrata, ammazzata e violentata. E non da ultimo il suo corpo vilipeso è stato gettato in fondo a un pozzo artesiano, nell’acqua a marcire.

L’orco Michele e l’orchessa Sabrina meritano l’ergastolo a vita, il carcere duro, l’isolamento totale dal mondo civile finché morte non sopravvenga. Meriterebbero entrambi la pena di morte immediata senza pensarci sù due volte. Purtroppo in Italia non ci sono né sedie elettriche né cappi né iniezioni letali per spazzar via dalla faccia della terra la feccia della società: assassini seriali, mafiosi, camorristi, brigatisti, fascisti rossi, fascisti bianchi, piduisti.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in cronaca, cronaca nera, Iannozzi Giuseppe, NOTIZIE, violenza, violenza sessuale e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Michele Misseri e la figlia Sabrina orco e orchessa ad Avetrana. Sia loro comminata la pena massima

  1. angek ha detto:

    Una sola domanda: perche’ attirare Sara con l’intento di ucciderla proprio quando stava per arrivare l’amica Mariangela e quindi essere scoperta? Non dimentichiamo che siamo di fronte veramente ad una manciata di minuti……. Ed e’ piu’ facile che Michele, essendo in garage, fosse il solo a non sapere dell’arrivo di Mariangela. Piu’ v0lte ho sentito Sabrina affermare come fosse impossibile che Sara si fosse recata di sua volonta’ in garage: mi sembra improbabile che la stessa incentrasse l’attenzione proprio su quell’elemento visto che, a detta dell’accusa, era stata proprio lei ad attirarla. Per me il colpevole ha solo un nome

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Preciso che faccio delle mere supposizioni, null’altro che questo nel risponderti.

    Sin dall’inizio si è supposto che Michele Misseri non potesse aver fatto tutto da solo.
    Perché?
    Siamo di fronte a un uomo di 57 anni per quanto la sua natura sia quella dell’orco famelico.
    Una persona come Michele poteva uccidere una ragazzina di 15 anni?
    Sicuramente sì.
    Tuttavia per ucciderla aveva bisogno di attirarla in una trappola. Gli serviva dunque una persona di cui Sarah si fidasse. Sarah si fidava di Sabrina.
    Stando alle ricostruzioni Sabrina ha trascinato con la forza nella rimessa di Michele Misseri la povera Sarah.
    Sarah era una ragazzina delicata. Altrettanto non si può dire di Sabrina che ha una possanza fisica non da poco per una femmina.
    Sabrina non ha mai convinto gli inquirenti.
    Senza un collaboratore attivo è probabile che Michele non sarebbe mai riuscito ad ammazzare Sarah.
    Michele e Sabrina hanno rischiato, nonostante Mariangela perché Sarah si fidava di Sabrina.
    Una volta nella rimessa, Mariangela avrebbe mai potuto immaginare la tragedia che si stava consumando nella rimessa della famiglia Misseri?
    No. Nemmeno Dio avrebbe potuto immaginare un dramma tale.
    Non si è trattato di un raptus omicida.
    Non si può parlare di un Michele orco affetto da pazzia.
    Era stato tutto programmato.
    Che dire poi dei pianti di Sabrina in tv? Pianti che non hanno convinto. Chi ne sa più di me parla di sfoghi d’ansia e non di dolore.
    Gli inquirenti lo hanno capito.
    Michele perché ha tirato dentro Sabrina, quella figlia che fino a qualche giorno fa aveva coperto?
    Posso solo ipotizzare che gli sia stato detto qualcosa del tipo: “O tiri fuori tutta la verità adesso, o ti sbattiamo insieme agli altri detenuti”. Anche un mostro di fronte a una cosa del genere se la fa sotto: finire insieme agli altri detenuti avrebbe significato il linciaggio. Ad un sicuro linciaggio ha preferito dunque parlare.
    Siamo di fronte a un uomo di 57 anni che per quanto in salute e forte non è di grossa corporatura. Un vecchio orco libidinoso, ma invalido, invalido perché vecchio: senza l’aiuto di un complice non avrebbe potuto attirare Sarah, farla scomparire nella rimessa, farla tacere etc. etc. il tutto in una manciata di pochi minuti.

    Queste sono delle mere supposizioni, così come altri ne stanno facendo in tv, sui giornali, e su tanti altri mezzi di informazione.
    Saranno gli inquirenti a stabilire la dinamica dei fatti e quello che è accaduto nei particolari. Per ora gli inquirenti sono certi che Sabrina ha avuto un ruolo attivo e determinante nella morte della povera Sarah Scazzi, e questo è un dato di fatto.

    "Mi piace"

  3. cinzia stregaccia ha detto:

    Inoltre pare che dai lividi trovati sul corpo della ragazza non fosse stata trattenuta da una persona sola. E’ una storia orribile…
    cinzia

    "Mi piace"

  4. vanessa ha detto:

    Povera Sarah, che tragico destino.

    "Mi piace"

  5. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non è colpa del destino.
    E’ colpa di due orchi, dei Misseri che di umano non hanno più nulla. Sono molto ma molto al di sotto di un qualunque Caino.
    Impossibile difenderli.
    Non so con che quale coraggio i loro avvocati difendono questi mostri. Per fortuna molti hanno rifiutato di difenderli questi mostri, è già un buon segno.
    Ciò non toglie che questi mostri non meritano più niente dalla nostra società. Negli USA sarebbero stati condannati alla sedia elettrica.
    Da noi purtroppo non c’è. Ciò nonostante auspico che per i colpevoli sia applicata la più severa delle pene che il nostro sistema giudiziario è in grado di comminare.

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Direi che a questo punto è chiaro che Sabrina è della stessa pasta del padre orco, una orchessa. Una delle più brutte degli ultimi 50 anni. 😦

    beppe

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.