Sarah Scazzi ennesima vittima di un pazzo. Pena di morte per gli assassini. Siete d’accordo?

Sarah Scazzi, ennesima vittima innocente di un assassino, di un pazzo,
di un pedofilo, di un mostro che nulla ha di umano.
E’ stata ammazzata a sangue freddo, violentata, gettata in fondo
a un pozzo artesiano dallo zio Michele Misseri.

il mostro Michele Misseri

Negli USA per chi compie gravi delitti è prevista la pena di morte.
In Italia no. In Italia gli assassini fanno sì e no pochi mesi di carcere.
In molti casi non fanno un solo giorno di prigione.
In Italia assassini, pedofili, mafiosi, brigatisti, camorristi, terroristi,
fanno la bella vita in carcere e proprio dal carcere gestiscono
i loro sporchi traffici.
Tutto questo non è più accettabile.

Chi uccide a sangue freddo è mostro inferiore al più abietto Caino.

La “mia” proposta è: pena di morte per gli assassini.
L’uomo giudica l’assassino e Dio mai! Siete d’accordo?

iannozzi giuseppe

pena di morte per lo zio animale

Il mostro Michele Misseri, 57 anni, è stato rinchiuso nel carcere di Taranto. Insultato dagli altri detenuti, Misseri è al sicuro in una stanza del reparto infermeria che funge da “isolamento sanitario e giudiziario”.

I detenuti lo hanno accolto battendo oggetti vicino alle sbarre e gridandogli: «bastardo», «devi morire», «ammazzatelo», «datelo a noi».

I ragazzi di Avetrana sotto casa di Michele Misseri: «lo zio assassino, la bestia, che ci fa schifo e che deve avere l’ergastolo». E: «Pena di morte per lo zio animale».

Il fratello Claudio Scazzi a La vita in diretta: «L’unica cosa che dovrebbe fare è suicidarsi. In qualunque modo, basta che la faccia finita. Se si suicida fa l’unica cosa giusta della sua vita si mette a pari col disastro che ha combinato. Non deve più esistere». (ultimo aggiornamento 8 ottobre 2010)

Sarah Scazzi

Lasciate la vostra opinione nel box commenti. Grazie.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in attualità, cronaca, cronaca nera, Iannozzi Giuseppe, opinionismo, società e costume e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Sarah Scazzi ennesima vittima di un pazzo. Pena di morte per gli assassini. Siete d’accordo?

  1. vany ha detto:

    Sono d’accordo dovrebbe morire … in croce sodomizzato da un grosso palo incandescente. Povera, tenera bimba dover desistere dai propri sogni e morire in quel modo così brutale e incomprensibile.
    Stanotte l’ho pensata, penso che tutti oggi siamo turbati da questa ingiusta e tremenda fine.
    Ciao vany

    "Mi piace"

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Non accetterò mai che un pazzo assassino uccida. E non accetterò mai e poi mai che un pazzo assassino uccida ragazze, donne, bambini. Sono reati troppo immondi. Troppo. Per tutti i mostri come Michele Misseri è giusta una sola cosa: LA PENA DI MORTE. Ed è anche fargli un piacere dargli la morte. Simili mostri non hanno niente di umano.

    Sono contro la pena di morte, ma contro quella applicata contro vittime del sistema: vedi il fondamentalismo islamico, ad esempio, che ammazza le donne per lapidazione se solo osano mostrare il volo. Questa pena di morte è intollerabile. E’ ABOMINEVOLE.

    Ma contro un mostro che si è macchiato di crimini contro la società uccidendo centinaia di persone come Erich Priebke la pena di morte deve essere e basta. Invece adesso quel mostro è libero.

    Per un mostro come Michele Misseri, per tutti i mostri come lui, la pena di morte. Così per i brigatisti, per i mafiosi, per i camorristi, per i serial killer, per i pedofili. Questi mostri non hanno niente di umano. Mostri che ammazzano centinaia di persone e che lo Stato deve mantenere in carcere e che dal carcere portano avanti i loro sporchi traffici arricchendosi. Per chi ha ammazzato Dalla Chiesa, Borsellino, Falcone, etc. etc.; per chi ha violentato e ucciso anime innocenti come Sarah, la sola e giusta punizione è la pena di morte.

    Sarah è purtroppo solo una delle tantissime vittime dei mostri. I mostri non hanno niente di umano.

    beppe

    "Mi piace"

  3. Chi chiede la pena di morte non è in nulla diverso dagli assassini di cui chiede l’esecuzione, se non per la viltà di demandare al boia la responsabilità di eseguire ciò che si chiede. Che squallore, ricorrere a questi bassi mezzi pur di avere qualche clic in più sul proprio sito. E una volta che ha avuto una decina di aspiranti boia come lettori, che cosa se ne fa, signor Iannozzi?

    "Mi piace"

  4. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Negli USA la pena di morte c’è e ci sarà un perché. La civiltà si costruisce levando di torno anche le mele marce. Lei pensi a Benito Mussolini: lei lo avrebbe salvato, coccolato, allattato? O è invece giusto che ha fatto la fine che ha fatto? Stia però attento a come risponde, perché se decide di salvare Mussolini decide di condannare l’umanità intera.

    Un serial killer che ammazza 10, 20, 30 persone è un uomo? E’ un corpo. Null’altro che un corpo che ammazza per il piacere di ammazzare. Che diritto ha un serial killer di essere tenuto in vita? Per quale ragione?

    Non mi si venga a fare la predica ipocrita delle cicale che chiedendo la pena di morte per gli assassini ci si mette al loro stesso livello. Forse che lei se sapesse dove si trova Osama Bin Laden non lo direbbe per paura che lo impicchino? Forse che lei se lo porterebbe in casa sua? Mi risponda: lei se lo porterebbe in casa sua Osama Bin Laden per non consegnarlo alla gogna invece di consegnarlo agli USA e dunque alla giustizia? Ha idea di quante persone ha massacrato Osama Bin Laden? E lei vorrebbe salvare un simile mostro!

    Non sia ipocrita, per cortesia: lei non si porterebbe a casa nessun Mussolini e nessun Bin Laden e men che meno Misseri. Tranne nel caso sia lei della loro stessa pasta. Ma io non credo affatto che lei sia come loro. Lei parla perché le piace parlare; perché è facile aprire bocca e fare la parte esecranda di quello che è politicamente corretto, anzi no, di più, di quello che è santo in terra.

    Ci sono mostri che non hanno niente di umano e nemmeno di disumano, che sono peggio di qualsiasi Caino: Hitler, Mussolini, Stalin, Ceauşescu, Erich Priebke… e centinaia, centinaia ancora. Vuole tutti adottarli lei? Vuol forse sostenere l’assurdità che questi mostri valessero almeno l’unghia incarnita di un Caino? Sono essi dei mostri. Le spiego, in caso non lo sapesse: mostro viene dal latino mònstrum, ovvero cosa vivente o no che va contro natura, ovvero contro gli uomini. I mostri non hanno bisogno di essere difesi in quanto sono contro natura, né uomini né Caino.

    "Mi piace"

  5. cinzia stregaccia ha detto:

    è da troppo che si difendono i diritti di assassini ,stupratori dimenticando le vittime degli stessi.La vittima e i suoi familiari avranno la vita finita o rovinata per sempre nessuno gli potrà dare un’altra possibilità il responsabile dell’atto ignobile l’avrà anzi ci assicureremo che in cella stia bene,che ci si occupi del suo recupero e che presto grazie ad un magistrato dall’animo sensibile…..abbia prima la libertà vigilata e poi la libertà di iniziare una nuova vita Quanto impegno.. siamo proprio bravi e civili…..poi magari grazie a tutto ciò il “recuperato” appena libero uccide nuovamente..non credo di dover fare nessun esempio per avvalorare ciò che ho detto….spero almeno. L’unica considerazione che mi ha sempre fermata a dichiarare un SI rispetto alla pena di morte è stata sempre la paura che si possa giustiziare qualcuno che poi alla fine risulti innocente è accaduto.non certo i motivi portati da “nessuno tocchi Caino, che oltre ad affermare concetti triti e ritriti conditi di convinta alta moralità (vorrei vedere se Sara fosse stata figlia di chi scrive) si permette di usare toni ben poco beh ben poco…
    cinzia

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Preciso, altrimenti si potrebbe pensare che sia a favore della pena di morte con leggerezza. Preciso soprattutto per l’associazione Nessuno Tocchi Caino. Dunque, nei casi accertati dove c’è la sicurezza provata e comprovata che l’assassino ha agito per uccidere, allora a mio avviso è giusta la pena di morte. Nel caso del mostro che ha ammazzato e violentato poi Sarah, siamo di fronte a un mostro, senza ombra di dubbio alcuno. Non c’è dubbio alcuno che Mussolini, Stalin, Hitler, ad esempio, sono stati dei mostri, sì tanto mostri che non è nemmeno possibili paragonarli a degli anticristi: quanti milioni di persone hanno massacrato e ucciso? Non mi si dica che simili mostri hanno dei diritti. Ha la società il diritto di levarli di mezzo. Per fortuna la Storia, grazie agli Alleati anche, ci ha aiutati a fargli fare la fine che meritavano. Purtroppo di mostri così il mondo è ancora pieno. Io sono stato favorevole alla pena di morte data a Saddam Hussein. Sono stato rimproverato ieri. La civiltà non ha bisogno di mostri e Saddam era un mostro.

    Dunque…. quando è accertato che il mostro è tale è solamente un pericolo per la società: il solo fatto che continui a respirare è un cattivo esempio e un pericolo per la società civile. La civiltà elimina i mostri. Il Che Guevara che era il Che i traditori li giustiziava. E tu sai quanto io amo il Che, una delle pochissime figure del comunismo che rispetto e amo: lo rispetto e lo amo perché era un idealista, un romantico se vuoi. Era un uomo giusto.

    Il politicamente corretto è un abominio, spesse volte. Ha forse diritto di continuare a esistere un Saddam Hussein? Hanno forse diritto di esistere gli assassini di Dalla Chiesa, Borsellino, Falcone? Io gli comminerei la pena di morte se fossi lo Stato italiano.

    In quanto a RaiTre e a Chi l’ha visto: non ravviso alcuna colpa nei giornalisti. Hanno chiesto alla madre di Sarah. Non fosse stato per la trasmissione probabilmente il caso sarebbe rimasto ancora insoluto.

    Beppaccio

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.