Supposte

Supposte

di Iannozzi Giuseppe

preferibile la volgare sincerità
di quei nemici che in faccia
ti sputano pallottole e catarro;
un uomo che sia un uomo rifiuta
quegli amici col cucchiaio pronto
sempre colmo di olio di ricino
che a forza in bocca te lo cacciano
prima che tu possa loro esporre
le tue ragioni, la tua supposta verità


promo culturale

Racconti di Giganti e Nani di Iannozzi Giuseppe

clicca sulla copertina e acquista la tua copia

Iannozzi Giuseppe's storefront

http://stores.lulu.com/iannozzi

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in cultura, Iannozzi Giuseppe, promo culturale, segnalazioni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Supposte

  1. Angelika ha detto:

    La verità è che tu sei e sempre sarai il più bel tesoro e non posso far altro che ringraziarti così…tu che sei così profondamente e splendidamente blues:-)))
    Per te, solo baci rossi, come le tue rose..

    Ascolta qui, for you my love^_^

    “I’m a fool to want you
    Pity me, I need you
    I know it’s wrong, it must be wrong
    But right or wrong I can’t get along
    Without you”

    I can’t get along
    Without you…

    tua karamellina:-*********

    "Mi piace"

  2. vany ha detto:

    Bleahhhhhh
    😉 vany

    "Mi piace"

  3. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Chi la tira, la strappa

    Fatto Adamo padron de l'animali,
    Incominciò addrittura a arzà l'ariaccia.
    Nun zalutava, nun guardava in faccia…
    Come fussino llà ttutti stivali.

    Nun c'er'antro pe llui che ccan da caccia,
    Caval da sella, scampaggnate, ssciali,
    Priscissione coll'archi trionfali,
    Musiche, e ccianerie pe la mojjaccia.

    E l'animali, a ttutte ste molestie,
    De la nescessità, ccome noi dimo,
    Fasceveno vertù, ppovere bbestie.

    Nun ce fu cch'er zerpente, che, vvedute
    Tante tirannerìe, disse p'er primo:
    "Mó vve bbuggero io, creste futtute."

    Gioacchino Belli, 16 aprile 1834

    Dolce notte

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

  4. vany ha detto:

    Ultimamente sei tragico, scrivi tutto agli estremi, a volte sei demenziale, a volte sei pericolosamente provocatorio e distruttivo, nonchè volgare sei avvolto da qualcosa che è indefinibile,quando ti leggo così mi si formicolano i piedi.
    Debbo pensare che hai vissuto male fin’ora la tua vita? O sei stato abbandonato dagli angeli custodi e
    sei posseduto dai demoni?
    Posso capire che la morte, l’indifferenza e la ribellione costituiscono gli elementi fondamentali del tuo maledettissimo maledettismo.
    Sisisisi lo so alcuni grandi luminari scrivevano peggio di te!!;)
    Ma ti prego però un pò di tregua.
    Buonanotte!
    vany

    "Mi piace"

  5. Iannozzi Giuseppe ha detto:


    Vedi, magari io fossi bestialmente volgare e quindi geniale come il Belli che a nessuno risparmiava la sferza della sua lingua. 

    Io sono solamente io. Per fortuna mia non mi son mai detto poeta. E però scrivo, ben lo sai, con risultati diversi, adoprandomi ora per uno stile ora per un altro, sempre stando attento a non ripetermi per stile e contenuti.

    Mi spiace davvero di non esser all'altezza di Belli o di un Bukowski o ancor meglio di Miller. Eppur la letteratura, che tu lo voglia o no, adopera anche metafore che tu dici volgari. Ma volgari per chi? L'esser volgare è andare incontro al volgo, parlare con la parlata del popolo, usar immediate metafore. Poi certo tutto sta al talento dello scrittore saper suscitare sentimenti in chi lo legge. Usar parole su parole, siano esse bello o volgari come tu dici, ma non contestualizzate è del tutto inutile, spero tu ne convenga.

    Comprendo che non ti piaccio, perlomeno quando esco dagli schemi romantici. Tuttavia io, e non lo dico in mia difesa, non mi son mai spacciato per quello che non sono. Se ho di me data una impressione sbagliata ti assicuro che è accaduto in buona fede.

    Ora vengo a farti il solletico ai piedini, così vediamo se ti passa il prurito. 😀

    Sono volgare.
    Sono distruttivo. Nero. Provocatore. E anche peggio.
    Artista poeta scrittore?
    No.
    Solo un cazzone come tanti con la penna in mano e il vizio d'imbrattare vespasiani e pergamene alla stessa maniera. 😀

    Bacioni, PICCERELLA

    orsetto di VaNY

    P.S.: Però tu hai il potere di darmi un po' di buon umore anche quando sono nero nero nero ^___*

    "Mi piace"

  6. vany ha detto:

    A parte tutto …sai, che mi piace molto l’appellativo che ti sei dato!!
    Non perché l’hai voluto intendere come metafora, ma perché senza volerlo hai denunciato il tuo carico ormonale e se non hai quel coso proprio non si può fare nulla.

    Buonanotte!! ♥ vany

    "Mi piace"

  7. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Tu baci più non lasci sulla lavagna del mio cuore
    Mi sa che più non ti piaccio, proprio io ch'ero tuo,
    un cazzone sì, ma un cazzone grosso sul serio,
    di gran classe come si suol dire

    Certo mi mancano le leccatine e tante altre cose carine
    Son oramai ridotto a baciare il riflesso mio allo specchio
    e ogni volta son sette anni buoni di disgrazie immani
    Da quando più non mi hai in stima tutto va a rotoli,
    giù per le scale, a tener compagnia a certi gattacci neri
    neri più del culo dell'inferno; dovresti vederli, amor mio

    Ho un unico e solo difetto, uno solo,  ti voglio bene
    anche se nel tuo diario c'è posto solamente
    per un po' di disgusto
    e per un pizzico appena di rispetto,
    di quello che però si riserva ai vecchi rimbambiti

    Non cambierò, nemmeno per te, bambolina mia
    Continuerò a volerti bene anche quando un bel giorno
    mi manderai a prenderlo in quel sacro posto
    e me lo dirai senza girarci intorno, con parola giusta
    fino in fondo volgare

    Non cambierò, ancor ti dirò che ti voglio bene

    Bacione, Agnellina

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

  8. vany ha detto:

    Sei sempre paSSo paSSo e sei sempre nel mio cuore, 1 giorno mi hai scritto… we niente
    più appellativo,niente scherzi o lekkatine. Solo serietà.
    Ed io mi trovo così a non sapere mai che fare per farti felice.
    Ora cmq ti posto 1bel caffè per 1dolcissimagiornata.

    Bacio ♥ vany

    "Mi piace"

  9. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Senti, forse non mi sono spiegato bene in quella occasione: era solamente per quella e unica volta, per quel particolare post. Dunque torna SUBITISSIMO con lekkatine, carezzine, bacetti e dammi pure del paSSopaSSopaSSo, perché come me lo dici tu non me lo dice nessun'altra e davvero non posso farne a meno. Portami il caffè, ma prima assicurati che sia ben dolce con una leKKatina, scioglici dentro due o tre bacetti dei tuoi e grida sempre che sono paSSopaSSo.

    http://www.youtube.com/v/PjPsBTcS4Lk?fs=1&hl=it_IT&rel=0&color1=0x402061&color2=0x9461ca

    Avanti, Gattina Indifesa, corri subitissimo…

    SMAAACKKK ***

    orsetto di VaNY

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.