Berlusconi dà in pasto le donne italiane all’islamismo buffonesco di Gheddafi

Berlusconi dà in pasto le donne italiane
all’islamismo buffonesco di Gheddafi

di Iannozzi Giuseppe

Gheddafi show

Gheddafi, di nuovo in Italia accompagnato dalle sue amazzoni “guardie del corpo”, appena posato piede sul territorio italiano la spara grossa: “L’Islam diventi la religione dell’Europa”. Dopodiché invita tutti a convertirsi all’Islamismo.

Che dire? Gheddafi è un buffone, nulla affatto folcloristico, pericolo sì invece. Molto pericoloso.
Tre ragazze si sarebbero subito convertite all’islamismo. Gheddafi le ha subito benedette con una cerimonia lampo da far invidia a Maometto in prima persona. Un vero miracolo clownesco quello del leader libico.
Un circo ridicolo più che imbarazzante. L’area cattolica scandalizzata.

Ma: le 500 hostess reclutate da un’agenzia di casting hanno ricevuto un misero gettone di presenza pari a 70 Euro, a patto di non rivelare dettagli sull’evento. Poi per tutte le partecipanti una copia del Corano. Due hostess pare non abbiano gradito, abbandonando più o meno subito le obbedienti scimmie al seguito di Gheddafi.

Alessandro Londero, presidente di Hostessweb, l’agenzia di casting che ha reclutato i partecipanti all’incontro, spiega: “La richiesta dei libici era stata di circa 500 persone, ma probabilmente se ne aspettavano di meno, perché la sala prevista per l’incontro non le conteneva tutte. Ecco perché abbiamo dovuto fare due sessioni, e nonostante questo un’ottantina di ragazze sono rimaste fuori. Inoltre, il colonnello avrebbe dovuto impartire una terza lezione di Corano esclusivamente agli ospiti uomini, ma abbiamo fatto tardi e non ce n’è stato il tempo. Lui poi ha detto: sono stanco, e abbiamo finito”. Alessandro Londero ha inoltre precisato che per le ragazze era previsto un “rimborso spese” di 100 euri per chi veniva dal Lazio, e di 150 euri per chi veniva da un’altra regione e che il pagamento sarebbe avvenuto solo dopo l’evento.

La vicepresidente della Camera Rosy Bindi: “Berlusconi finisce per rendersi complice non solo della sorte dei tanti disperati ricacciati nel deserto libico ma di una nuova umiliante violazione della dignità delle donne italiane. Solo nell’Italietta berlusconiana che si compiace di barzellette e battute misogine e che ha incoraggiato una nuova forma di mercificazione del corpo della donna è possibile assistere alla celebrazione così imbarazzante e subalterna di un personaggio come Gheddafi. Purtroppo non c’è da stupirsi per lo spettacolo offerto agli italiani con l’avallo del nostro governo. Invece di chiedere ragione delle condizioni di vita di migliaia di migranti, il governo Berlusconi si presta ad offrire un palcoscenico a chi per fare la sua propaganda pretende di circondarsi di belle ragazze”.

Perché 500 ragazze?
Un numero sproposito anche per un freak show. Le ragazze hanno preso parte allo show di Gheddafi per 70 euri e basta? No. Chissà cosa sarà stato loro promesso, magari la possibilità di farsi notare e di entrare così, in un modo o nell’altro, nel mondo dello spettacolo. Cinquecento ragazze: quante delle reclutate si possono dire delle bellezze? Forse una decina, le altre sono delle persone più che normali che sono servite a fare numero, delle comparse utili alla scenografia. Il problema è che una comparsa non sa di essere tale, non accetta questo triste ruolo, per cui si illude di essere lei e soltanto lei la protagonista assoluta.

hostess per Gheddafi

hostess per Gheddafi

ragazza italiana convertita!

Berlusconi invita a “non alzare polveroni”: “Le cose serie sono altre, lasciamo perdere il folklore”. Berlusconi però non si è fatto trovare a Roma, ha evitato Gheddafi come la peste bubbonica.
I cattolici, ai quali Berlusconi è già diventato parecchio inviso per i suoi attacchi fascistoidi contro il presidente della Camera Gianfranco Fini, dopo questa ennesima buffonata lasceranno finalmente marcire il Cavaliere nel suo personale inferno di veline e di squadristi? Noi tutti si prega Dio perché così sia.

Il povero ministro Franco Frattini è stato costretto a sorbirsi Gheddafi. Di Berlusconi manco l’ombra. Solo la voce.

Palazzo Chigi minimizza e la butta sul diplomatico: “Le commesse che il governo ha concordato con i libici hanno aiutato le imprese italiane a fronteggiare la crisi. Gli italiani questo lo capiscono benissimo”. Non è però vero: la crisi in Italia è più forte che mai, i disoccupati aumentano ogni giorno che passa, la povertà diventa più forte a ogni minuto, la delinquenza per le strade è a ogni secondo più letale.

Il vicepresidente della Camera, Maurizio Lupi è pieno di veleno e non ci tiene affatto a nasconderlo: “Quello che più mi preoccupa è che ci stiamo abituando a questi show di Gheddafi, tanto che queste stupidaggini sull’Islam passano quasi in secondo piano. Bisognerebbe ricordargli che proprio la generosa accoglienza nei suoi confronti testimonia tutta la grandezza della cultura cristiana che è alla base dell’identità europea. Gheddafi può dire quello che vuole, il governo non è in imbarazzo. Ma noi però possiamo anche giudicarlo e sarebbe bene che le sue prediche le andasse a fare da un’altra parte”.

NO OTBerlusconi e il suo amichetto Gheddafi stanno umiliando pesantemente l’Italia, le donne italiane, il popolo italiano tutto. Non è tollerabile che il nostro amatissimo premier dia in pasto le donne italiane all’islamismo buffonesco del leader libico Gheddafi.

Qui, su OkNotizie, c’è una lunga discussione che sta andando avanti in merito a questo post e alle questioni sollevate.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in cronaca, Iannozzi Giuseppe, notizie italia, politica, politici, querelle, violenza sessuale e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Berlusconi dà in pasto le donne italiane all’islamismo buffonesco di Gheddafi

  1. Markus Antico ha detto:

    I miracoli di San Silvio Berlusconi…E la sinistra, filoislamica e multiculturalista, mi diventa improvvisamente anti-islamica.

    Mi piace

  2. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Scimmiottare, vendere la dignità umana all’islamismo o al cattolicesimo, all’induismo, al buddismo etc. etc. questo è squallido, da qualsiasi rappresentanza politica venga.

    Qui è chiaro che lo spettacolo scimmiesco portato avanti è una sorta di Grande Fratello: ed ecco che tre figone, tra 500 persone più che normali, si sarebbero convertite e oggi sono su tutti i giornali a mostrare il loro bel faccino.

    Non facciamo ridere i polli.

    Mi piace

  3. Piero Testi ha detto:

    Perchè non ha mandato anche le sue figliole in omaggio a Gheddafi?

    Mi piace

  4. vany ha detto:

    E’ tutto uno squallido gioco di pessimo gusto.
    Bye vany

    Mi piace

  5. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Si potrebbe provare a chiederglielo ma ho l’impressione che se ci provassimo ci farebbe linciare con delle miniature della Mecca. 😦

    Mi piace

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Messo in piedi da Berlusconi, che s’inchina a Gheddafi.

    Mi piace

  7. cybermax ha detto:

    Gheddafi è tra gli uomini più potenti al mondo e tra i più pericolosi e Berlusconi lo sa bene.

    Mi piace

  8. vany ha detto:


    😉 vany

    Mi piace

  9. cinzia stregaccia ha detto:

    Bene..vediamo…prima di parlare cerchiamo di essere sicuri d ciò che si dice..Parliamo delle ragazze…queste ragazze non mi rano a nessuna notorietà è il loro lavoro,vengono chiamate a vari tipi di eventi dalle agenzie a questo preposte. …stop sei tu che stai umiliando delle ragazze che solo lavorano niente di più niente di meno Il fatto che tre si siano convertite.. cavoli loro forse non sai quanto questo fenomeno sia in aumento. .. La frase di gheddafi…mi meraviglio…ha espresso unicamente un pensiero,io credo sia libero di farlo o no??????????? o nel suo caso la libertà di parola che tanto difendi non vale??? In fondo è quello che pensano tantissimi cristiani sulla loro religione…… che ora urlano allo scandalo…….e allora??? Per lui la sua religione è la migliore ,sti cavoli..Io mi son sentita molto più offesa quando è stato accolto con un tappeto rosso un terrorista o qualcuno ha ritenuto opportuno andare a braccetto con il capo dei talebani…Ora dirai allora il perchè del tuo post qual’è??? Non era una contestazione sulla sua frase,ripeto per me tutti possono dire la loro…ma che il suo concetto di libertà di espressione cambi a seconda di dove si trova…Volevamo impedirglielo???ah……..come loro insomma….
    Buon pomeriggio beppaccio
    cinzia

    Mi piace

  10. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Cinzietta, no su tutta la linea.
    Se io venissi chiamato a scrivere un articolo su Gheddafi e dirne bene, dovrei dunque farlo perché è il mio lavoro. Ma dove siamo di casa?
    Questa è una porcata organizzata, che Berlusconi ha lasciato fare e che adesso gli si è rivolta contro con effetti devastanti per il suo “politicare”. Dio l’ha punito.

    L’Islam che oggi grida a morte Carla Bruni, che la chiama la put***a italiana, che rischia di portarci sull’orlo d’una nuova guerra, forsea colpi di bomba atomica? L’Islam che lapida le donne è una buona religione?
    Io mi sono sentito offeso sempre da quando c’è Berlusconi. Ogni benedetto giorno. Non manca mai di offendere l’Italia e gli italiani, con la sua misoginia e il suo sessismo. Questa buffonata è solo l’ultima di una lunga sequela per cui non c’è nessuna scusa che possa avanzare per difendersi.

    Prova ad andare da Gheddafi a dire che l’ateismo è meglio di tutte le religioni e ti fanno saltare in aria con tutto l’aereo prima che tu possa mettere piede a terra. Poco ma sicuro.

    Berlusconi non doveva, ripeto non doveva fornirgli 700 ragazze per 70 euri perché lui facesse quello spettacolo che ha offeso l’Italia. L’Italia. L’Italia, porca la miseria. LA DIGNITA’ UMANA.

    Colpevole Berlusconi.
    Colpevole Gheddafi.
    Due schifosi a braccetto.

    Tre cretine che si sono convertite??? Certo, e io sono vergine. Quella è una schifezza programmata. Tutto lo spettacolo era programmato dagli uomini del premier.

    Voleva frammentare il già frammentato Pdl?
    C’è riuscito. Se l’è messo in culo, su per il culo da solo, cioè grazie a Gheddafi.

    E adesso chi gli da 5 miliardi di euro, forse tu?
    Io non sono di destra.
    Non sono di sinistra.
    Non sono di centro.
    E nemmeno anarchico.
    Per cui io non gli do un centesimo. Pagala tu quella che chiami libertà di espressione del leader libico, io no. Ma ricordati che se non glieli date i 5 miliardi di euro, vi riempie di libici, così tanti che a trovare un italiano ci vorrà la lente d’ingrandimento. Non vorrei essere un abitante di Lampedusa, se capisci cosa intendo.

    Bella la libertà di espressione che Berlusconi ha lasciato a Gheddafi. Si è rivelato per l’ennesima volta per quel che è, un incapace e un braccio debole capace a fare il forte solo con i deboli. E difatti adesso spinge per il processo breve, lui, il più grande ladrone che l’Italia abbia mai avuto, già entrato nella Storia italiana accanto a Mussolini.

    Avevi voglia di litigare?
    Bene, ci sei riuscita a farmi girar le balle.

    beppaccio

    Mi piace

  11. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Berlusconi sa di aver a che fare con un uomo pericoloso prima che potente. Direi di sì, anche uno come Berlusconi lo capisce.

    Ciò non toglie che si è piegato a novanta di fronte alle richieste di Gheddafi. Poi ci si chiede perché non è amato.

    beppe

    Mi piace

I commenti sono chiusi.