Wojtyla e Pinochet e t-shirts!

Wojtyla e Pinochet

Wojtyla e Pinochet e t-shirts!

di Iannozzi Giuseppe

linguaggio esplicitoHo visto un negro ciccione
C’era giù in strada un ciccione negro
Ho forse battuto due persone?

Un nano e uno spilungone mano nella mano
venditori porta a porta di bibbie rilegate in pelle;
mi è riuscito di stampare sulle palle del più basso
il marchio di Caino, li ho poi spediti a fare in culo

I marinai sono tutti gay
Nemmeno Iddio sa quanti cazzi sono clandestini
Da Lampedusa a Bari, da Napoli a Milano fin su a Torino
portano in giro pidocchi e preservativi bucati
Tutto questo perché i gay amano imbarcare gentaglia

Tanti sono in giro a piede libero
e nessuno si cura della montagna franata addosso a Maometto
Colpo di Stato dicono giù al gabinetto
Pance gonfie d’aria e cervelli in acqua
Dov’è quel mostro d’un supereroe? Chi tirerà lo sciacquone?

Il matrimonio è la tomba del sesso, così dicono gli esperti
Madre Teresa di Calcutta invece la faranno Santa insieme a Wojtyla
Per fortuna non mancano le candid camera e i seni al silicone
Chi vorrebbe mai venire al mondo in questo manicomio di scoppiati!

Ho visto una gran cicciona con il pancione
Era giù in strada che arringava i vicini di casa,
presto ci sarà una nuova caccia alle streghe
I luridi verranno di sicuro pestati a sangue
Quando accadrà
voglio essere lontano lontano, più di Tenco

Quando scoppierà il finimondo non basteranno le ostie
Avremo tutti le bave alla bocca e Pinochet a strapparcele
I giovani però hanno le idee chiare, sulle t-shirts Wojtyla
I vecchi ce le hanno ancor più chiare, Pinochet e così sia
Gli stronzi pacifisti solamente Madre Teresa e la Ciccone

Dov’è quello stronzo d’un supereroe? Chi tirerà lo sciacquone?

Non c’è più un cane giù in strada
Li hanno tutti nascosti nelle fosse comuni al chiar di Luna
Andava fatto dicono alla radio, il gabinetto non ha dubbi

Un castrato canta a gola spiegata
Un etero ha tirato giù uno stronzo che manco sua madre
Quando cesserà questa tortura nessuno lo sa
Il guaio più grosso però è che tengo il mal de panza
e nessun fermento lattico vivo

Wojtyla e Pinochet ci sono, ci sono, per Dio!
Ma io ho forse offeso qualche figlio d’un cane?

Dove sono gli spacciatori di carta igienica?
Qualcuno sa dirmi con questa febbre del sabato sera
dove si sono cacciati quei figli di buona donna?

Dove sono gli spacciatori di carta igienica?
E’ forse perché ho offeso qualcuno che mi fate questo?
E’ forse perché faccio uso di un linguaggio esplicito
e non lo dico, è per questo? E’ per questo?

NO OT

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, explicit content, Iannozzi Giuseppe, poesia, satira e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Wojtyla e Pinochet e t-shirts!

  1. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    SU QUESTO POST NON VOGLIO NESSUN TIPO DI OT. SIAMO D’ACCORDO?

    GRAZIE

    "Mi piace"

  2. vany ha detto:

    Questa poesia è tristissima ma è verissima.
    Purtroppo il mondo è popolato da tutto ciò che hai scritto tu, e c’è proprio da temere il peggio.
    Voto 10 stelline.
    Bacio ♥ vany

    "Mi piace"

  3. vany ha detto:

    Opsssssss dimenticavo:
    “Oggi va male, domani speriamo bene”.
    Prendiamo così il mondo come viene.
    Bacino ♥ vany

    "Mi piace"

  4. cinzia stregaccia ha detto:

    “Buenos Aires 23 febbraio 1999
    Signor Giovanni Paolo II,
    Molti giorni abbiamo impiegato per assimilare la richiesta di perdono che Lei, Giovanni Paolo II, ha reclamato per il genocida Pinochet.
    Ci rivolgiamo a lei come ad un cittadino comune perché ci sembra aberrante che dalla sua poltrona di papa nel Vaticano, senza conoscere né aver sofferto in carne propria il pungolo elettrico (picana), le mutilazioni, lo stupro, si animi in nome di Gesù Cristo a chiedere clemenza per l’assassino.
    Gesù fu crocifisso e le sue carni furono straziate dai giuda che come lei oggi difende un assassino.

    Signor Giovanni Paolo, nessuna madre del terzo mondo che ha dato alla luce un figlio che ha amato, coperto e curato con amore e che poi è stato mutilato e ucciso dalla dittatura di Pinochet, di Videla, di Banzer o di Stroessner accetterà rassegnatamente la sua richiesta di clemenza.

    Noi la incontrammo in tre occasioni, però lei non ha impedito il massacro, non ha alzato la sua voce per le nostre migliaia di figli in quegli anni di orrore.
    Adesso non ci rimangono dubbi da che parte lei stia, però sappia che sebbene il suo potere sia immenso non arriva fino a Dio, fino a Gesù.

    Molti dei nostri figli si ispirarono a Gesù Cristo, nel donarsi al popolo.
    Noi, la Associazione “Madres de Plaza de Mayo” supplichiamo, chiediamo a Dio in una immensa preghiera che si estenderà per il mondo, che non perdoni lei signor Giovanni Paolo II, che denigra la Chiesa del popolo che soffre, ed in nome dei milioni di esseri umani che muoiono e continuano a morire oggi nel mondo nelle mani dei responsabili di genocidio che lei difende e sostiene.

    Diciamo: NO LO PERDONE SEÑOR A JUAN PABLO II°.
    Asociación Madres de Plaza de Mayo Associazione Madri di Plaza de Mayo”

    Cinzia

         

    "Mi piace"

  5. cinzia stregaccia ha detto:

    Io credo che prendere come viene ciò che “vive” in questa poesia e tutto ciò che accade in questo mondo sia uno dei motivi per cui nulla mai cambierà anzi..ma questa naturalmente è solo una mia opinione personale.Le denunce come questa poesia che è anche “un agire contro” aiutano ,a chi lo desidera, a capire meglio e magari ad approfondire un argomento importante e anche,di conseguenza, a “porsi davanti ad uno specchio”..Un esempio sapevo di P. e W .ma per esempio non sapevo di questa lettera…
    Spero non sia un O.T.
    buona giornata ad entrambi
    cinzia

    "Mi piace"

  6. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    E’ una poesia dissacrante, o meglio ancora è un testo. Non ci vedo della poesia in tutto quello che ho scritto. Dissacrante perché politicamente scorretta, perché con la correttezza non si arriva solo a dar nuovo corpo ai luoghi comuni. Il linguaggio è crudo e alla fine lo dico chiaro e tondo: perché uso un linguaggio esplicito devo dunque subire tutte le porcherie che voialtri fate?

    Non ci sono buoni. Ci sono solamente cattivi.
    Non salvo nessuno.

    C’è da temere il peggio.
    Io vedo che solo pochissimi se la passano bene. Prova un po’ ad aprire un paio di giornali, basta la prima pagina: mai come in questo momento storico il mondo è stato così a soqquadro.

    Domani sarà un giorno migliore se gli uomini lo vorranno. Per il momento io vedo che day after day diventano più cattivi ed egoisti.

    bacioni, Gattina indifesa ♥

    orsetto di Vany

    "Mi piace"

  7. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Lo sai che Luca Persico (dei 99 Posse) ha dedicato una canzone a le Madres de Plaza de Mayo?

    Ti prego di ascoltarla, se vuoi… forse ti piacerà.

    beppaccio

    "Mi piace"

  8. Iannozzi Giuseppe ha detto:

    Io credo che non cambierà. O meglio, cambierà ma ci vorranno decenni e decenni se non secoli.
    Quello che non posso dire e se cambierà in meglio o in peggio. Per come è oggi lo scacchiere internazionale direi che si è avviati verso un netto peggioramento.

    Non è assolutamente un OT.
    Ti devo invece ringraziare. E’ un documento importante, molto: se devo avere una chiesa allora sia quella del popolo che soffre e non lo sfarzo e la cattiva indifferenza del Vaticano.

    buondì

    beppaccio

    "Mi piace"

  9. cinzia stregaccia ha detto:

    conosco i 99posse e lui ,conosco quale è il loro pensiero ma non sono mai prevenuta “per principio” e quesra canzone mi è piaciuta.
    ciao 🙂
    cinzia

    "Mi piace"

  10. Iannozzi Giuseppe ha detto:


    Questo è un avvenimento storico, ti è piaciuta una canzone di Luca Zulù 'O Persico. Segno sul calendario l'evento. 😉

    Ma allora sei proprio la madre di Max e la mia mamma orsa adottiva. ^__^ Ti stiamo portando dalla nostra parte, è così. ^___*

    smaaackkk

    orsetto di Mamma Orsa Adottiva :-)))

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.