Letizia Moratti è una travestita sulla linea 90-91. Accade a Milano e voi non lo sapevate!

Letizia Moratti è una travestita sulla linea 90-91
Accade a Milano e voi non lo sapevate!

a cura di Iannozzi Giuseppe

“Basta con questa mia immagine di donna fredda e perfettina. Non corrisponde alla realtà. E’ chiaro che bisogna distinguere fra il mondo del lavoro e quello privato. Ho sempre avuto ruoli di responsabilità e dovevo, devo mantenere un certo atteggiamento. Sono esigente: con me stessa e con i collaboratori. Ma in privato sono un’altra donna: allegra, espansiva, solare. E poi… ho aspetti che uno non immagina. Sa quante volte mi sono travestita e con mio figlio Gabriele, travestito pure lui, ce ne siamo andati di notte in giro per le vie a rischio di Milano, dove c’è droga, prostituzione, delinquenza, per capire che cosa succede veramente e poi prendere provvedimenti?”.
Il sindaco di Milano Letizia Moratti asserisce convinta di essere una travestita, cioè una che va in giro con il figlio Gabriele travestito, cioè insieme madre e figlio entrambi travestiti… insomma i due camufferebbero il loro vero aspetto per addentrarsi in incognito nelle zone più malfamate della città meneghina e carpirne così i segreti più scabrosi.

La dichiarazione il sindaco la fa al settimanale “Oggi”, in mezzo a cani e gatti.

La giornalista che ha raccolto l’intervista alla Moratti è sbalordita: “Lei, Letizia Moratti, sindaco Pdl di Milano, travestita di notte per la città? Ma come si traveste?”. Mai più Maria Celeste Crucillà avrebbe immaginato che una donna del Pdl potesse essere (anche) una travestita! La Moratti, bella bella, spiega: “Non glielo dico. Se no la prossima volta mi riconoscono. Ho intenzione, infatti, dopo l’estate, di ritornare negli stessi quartieri per vedere se sono stato presi i provvedimenti, se qualcosa è cambiato”.

Dunque la Moratti si traveste. Sembra la trama scalcagnata di un raccontaccio di Scerbanenko. Parrebbe comunque che la Moratti indossi pesanti berretti e giacconi di modo da sembrare una barbona: “Faccio controlli anche sugli autobus, sulle linee a rischio”. La giornalista rimane a bocca aperta e le domanda più sbalordita che mai “Cioè va di notte sulla 90-91, il filobus di furti e risse?”. E la Moratti, sempre bella bella, le risponde: “No, di notte no. Ci vado di giorno. E poi faccio visite a sorpresa nelle mense scolastiche”.

Conclusioni: Rissaioli e borsaioli possono dunque tirare un bel sospiro di sollievo, non avranno mai la sventura di incontrare la Moratti travestita sul loro cammino. I bambini no, loro non possono stare tranquilli: possono soltanto decidere se ingurgitare la minestra  milanese o se buttarsi dalla finestra.

NO OT

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in dichiarazioni, gossip, Iannozzi Giuseppe, politica, politici, rassegna stampa, satira e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.