Processo di santificazione per il Card. Sepe. Nella chiesa di Sant’Onofrio dei Vecchi lagrime di sangue

Processo di santificazione per il Card. Sepe

Nella chiesa di Sant’Onofrio dei Vecchi lagrime di sangue

di Iannozzi Giuseppe

Alcune indiscrezioni danno il cardinale Crescenzio Sepe avviato verso la santificazione: pare che i suoi meriti siano tutti da ricercare nella Provvidenza, che però per la legge è quella brutta cosa che prende nome di corruzione.
Federico Lombardi, portavoce della Santa Sede, ha già sparato la sua assoluzione in favore del cardinale: “Collaborerà con la giustizia italiana ma bisognerà tenere anche conto degli aspetti procedurali e dei profili giurisdizionali impliciti nei corretti rapporti tra Santa Sede e Italia, che siano eventualmente connessi a questa vicenda”. Ha poi aggiunto: “Stima e solidarietà in questo momento difficile… Il card. Sepe ha lavorato e lavora per la Chiesa in modo intenso e generoso e ha diritto ad essere rispettato. Auspichiamo tutti e abbiamo fidiucia che la situazione venga chiarita rapidamente e eliminate le ombre”.

In pratica la legge se lo prenderà in quel posto per l’ennesima volta e il cardinale Sepe – non che ci fosse dubbio alcuno in merito – ha già sparato a canne mozze la sua omelia: “Quanti martiri ci sono, anche oggi, che in nome della verità e in nome di Cristo rimangono fedeli al suo Vangelo, che vengono torturati, che vengono umiliati e disprezzati. Ma noi che possediamo il Signore, noi che siamo coerenti con la nostra fede non dobbiamo aver paura. Perché, anche nel momento della sofferenza, dopo quel calvario ci sarà la luce della resurrezione”. Sentendo queste sante parole nel corso della messa nella chiesa di Sant’Onofrio dei Vecchi, pare che si sia verificato un miracolo, non nuovo in questo nostro tempo medioevale ma pur sempre d’un miracolo si tratta, difatti tutte le statuette sacre hanno preso a piangere lagrime di sangue; e anche i poster pubblicitari del Pdl affissi fuori, seppur strappati e scoloriti, non hanno mancato di tingersi di santità.

Il cardinale Sepe, che purtroppo ha un passaporto diplomatico vale a dire che ha tutte le porte dei paradisi fiscali aperte, ha minacciato di voler “parlare presto alla città”.

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe - giornalista, scrittore, critico letterario - racconti, poesie, recensioni, servizi editoriali. PUBBLICAZIONI; Il male peggiore. (Edizioni Il Foglio, 2017) Donne e parole (Edizioni il Foglio, 2017) Bukowski, racconta (Edizioni il Foglio, 2016) La lebbra (Edizioni Il Foglio, 2014) La cattiva strada (Cicorivolta, 2014) L'ultimo segreto di Nietzsche (Cicorivolta, 2013) Angeli caduti (Cicorivolta, 2012)
Questa voce è stata pubblicata in Iannozzi Giuseppe, NOTIZIE, politica, satira e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Processo di santificazione per il Card. Sepe. Nella chiesa di Sant’Onofrio dei Vecchi lagrime di sangue

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    ascolteremo…con la fede che ci distingue………
    cinzia

    "Mi piace"

I commenti sono chiusi.