Vecchio sporcaccione | Giuseppe Iannozzi | + promo Angeli caduti di Beppe Iannozzi

Vecchio sporcaccione

Beppe Iannozzi

Beppe (Giuseppe) Iannozzi

Beppe (Giuseppe) Iannozzi

clicca sull’immagine per vedere
meglio il Vecchio Sporcaccione

Sono vecchio e sono uno sporcaccione. Guardo sempre il culo delle donne, e sputo quando mi trovo faccia a faccia con un culo basso grasso e sformato dalla cellulite.
Passo le mie giornate lungo le strade a fissare i culi delle femmine e a farmelo venire duro.
Non è una bella vita la mia: per gran parte del giorno sono costretto a fare i conti con culi bassi che mi danno il voltastomaco. Capita di rado di poter ammirare un bel culetto a mandolino, a forma di cuore che mi faccia innamorare, che mi ispiri carnale tenerezza e un po’ di commozione anche. Quando ho la fortuna di adocchiare un bel sederino a cuore bello sodo sono quasi tentato di credere che Dio esiste nonostante tutto il brutto che c’è in questo diavolo di mondo a gambe all’aria.
Nessuno fa caso a me, sono solo un vecchio, un vecchio innocuo. Hanno ragione a non preoccuparsi, mi limito ad ammirare la perfezione d’un bel culetto e lo benedico con gli occhi.
Quand’ero giovane non ero bello, ero piuttosto brutto a dir la verità, ma avevo un certo fascino animale che le femmine le attirava. Oggi come oggi non mi si fila più manco una vecchia baldracca col culo basso, e di questo ma solo di questo ringrazio il cielo.
Le ragazze che si accorgono del mio sguardo goduto appiccicato alle loro chiappe ridono e io scoppio a ridere insieme a loro: mi chiamano nonno se vogliono essere un po’ gentili, ma nella maggior parte dei casi dicono che sono un vecchio sporcaccione. Io rispondo loro che è vero e questo basta a placarle e a ridere di me e insieme a me.
Le donne mi hanno posseduto solo e sempre per la mia animalità a letto, nessuna però si è mai innamorata di me, nessuna ha mai avuto il coraggio di guardare in fondo alla mia anima.

Su Virgilio Notizie, qui, il racconto qui postato sta sollevando un po’ di commenti e di polemiche anche. – g.i.


Angeli Caduti - Beppe Iannozzi - Cicorivolta edizioniAngeli caduti
Beppe Iannozzi
Cicorivolta edizioni
ISBN 978-88- 97424-56-7
pagine: 230
© 2012
prezzo: € 13,00

Cicorivolta librerie di fiducia


ordina i libri Cicorivolta nelle librerie Feltrinelli


IBS INTERNET BOOKSHOP LIBRERIAUNIVERSITARIA

amazon.it

Deastore.com WEBSTER.IT



guarda il booktrailer

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, detto Beppe Iannozzi o anche King Lear. Chi è Giuseppe Iannozzi? Un giornalista, uno scrittore e un critico letterario Ma nessuno sconto a nessuno: la critica ha bisogno di severità e non di mafiosa elasticità.
Questa voce è stata pubblicata in ANGELI CADUTI, arte e cultura, attualità, Beppe Iannozzi, consigli letterari, cultura, editoria, explicit content, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, letteratura, libri, narrativa, promo culturale, racconti, racconti brevi, romanzi, segnalazioni, sesso, sessualità e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Vecchio sporcaccione | Giuseppe Iannozzi | + promo Angeli caduti di Beppe Iannozzi

  1. vanessa ha detto:

    Guarda io non capisco questa cosa dei vecchi sporcaccioni…mi viene da pensare che la loro sia una generazione molto, molto perversa.
    Buonanotte e dolci sogni.
    ♥ vany

    • Iannozzi Giuseppe ha detto:

      E’ solo finzione, GattYna IndYfesa.
      Esistono di certo personaggi così, ma credo faccia parte della natura umana, dell’istinto di sopravvivenza. L’importante è che non stiano nei limiti, che non diventino violenti, che non molestino sul serio. Quando sei in strada, ma anche altrove, in società, sta’ pur certa che ci sono tanti occhi che ti guardano. E lo stesso accade per me, nonostante sia brutto come la fame: per me, poco ma sicuro, si sprecheranno valanghe di commenti negativi. Ed è un problema? No, non per me.

      VanY GattYna IndYfesa, dài, portami un bacetto con un caffettino ♥ ♥ ♥

      orsetto di VaNY

  2. blanchettebianca ha detto:

    Ciao kinglear,
    ti scrivo qui perché su ok-no non ho trovato il tuo indirizzo email. Può essere che la notizia ti sia stata nascosta arbitrariamente da qualche PU, quindi potresti provare eventualmente a chiedere. Anche se mi viene da credere più facile che siano stati gli amministratori.
    Sinceramente, mi spiacerebbe se davvero andassi via. Ti sei mai accorto se in precedenza erano stati bannati altri tuoi post? Che ogni volta che qualcuno sa scrivere venga tacciato, e quindi costretto ad allontanarsi… viene da vomitare, almeno a me.
    Io resisto, fino a che ne avrò voglia ovviamente, a suon di 1 nick al giorno. Non sapevo neppure che significasse la parola fake venendo da tutt’altro mondo, e dagli ammin sono stata indicata come tale. I ban su di me si sprecano al minimo respiro. Se all’inizio la cosa mi faceva male, ora me ne frego altamente rilevando l’alta idiozia di certi personaggi la cui arroganza si dimostra tutta. Mi piacerebbe che te ne fregassi a tua volta.
    Ad ogni modo, ti giungerà la mia mail (che ti farà tanto, tanto ridere suppongo ahhahahaha). Se vuoi scrivermi, mi farà piacere.
    Un abbraccio ;)

    • Iannozzi Giuseppe ha detto:

      Ciao, mi fa davvero molto piacere trovarti qui. ♥

      Immagino proprio che sia stata volontà degli amministratori, per cui ho levato le tende: non val proprio la pena, non per così poco, con così tanti aggregatori di notizie che ci sono.

      Ho ripulito la cache, come mi hai saggiamente consigliato, e sì, sono stati oscurati altri post e per di più del tutto innocui, dove segnalavo nella categoria arte e cultura l’uscita del mio romanzo. E’ dunque un atto deliberato di oscurarmi per le notizie che postavo. Visto che mi conosci, saprai che ho pestato un po’ di calli a qualcuno: è la stessa cosa che successe a suo tempo su splinder, per cui non vale la pena. Quando una barca decide per la censura sistematica, la si abbandona e la si lascia naufragare.

      Non ho voglia di cambiare nick ogni volta, una volta al giorno. Farei il loro gioco, gli farei pubblicità gratuita, ingrasserei le loro pulegge. E su questo loro ci campano. Non scompaio mica, sono dappertutto. ^__* Chissenefrega. A perderci sono loro. La gente si stufa delle censure e abbandona poco a poco. E’ già successo su tanti altri canali. Qualcuno pensa che la censura possa aiutare. Sì, aiuta a naufragare, solo a questo aiuta.

      La mia email è semplice:
      giuseppe.iannozzi[at]gmail.com

      Dici che riderò quando riceverò la tua email? Può darsi. ;-) Poco ma sicuro che ti rispondo chiunque tu sia. ;-) Un’idea ce l’ho, ma rispetto la tua privacy e non voglio sparare in pubblico il tuo nome, nel caso l’avessi indovinato. Non sarebbe giusto.

      Un caro abbraccio e un semplice bacio,

      beppe

      • blanchettebianca ha detto:

        Ciao Giuseppe, ti ho poi scritto alla mail che mi hai indicato. Spero soltanto che tu l’abbia ricevuta.
        Ribadisco comunque che mi dispiace tu abbia deciso di non postare più su ok-no. Come te, reputo la censura il segno più becero dell’ignoranza ed intolleranza, e proprio per questo sarei insistente.

        Un abbraccio,

        Bianca

        • Iannozzi Giuseppe ha detto:

          Ciao cara Bianca, non l’ho ricevuta la tua email. :-((( Altrimenti ti avrei già risposto.

          Il fatto è che dovrei cambiare nick. Gli ci vorrà poco o niente per capire che sono sempre io ed allora sarò da punto e da capo, censurato. Contro i censori non c’è molto da fare. C’è solo da star da loro lontani e guardare ad altri orizzonti.

          In vita mia non ho mai visto un censore lasciar da parte la sua smodata smania di Potere. E neanche nella Storia dell’umanità.

          Un bacio e un abbraccio.

          beppe

          P.S.: Prova a inviare nuovamente l’email. O provo a scriverti io. ;-)

  3. cinzia stregaccia ha detto:

    mi son sempre chiesta cosa c’è in fondo a questi uomini…forse tanta povertà d’animo forse tanta solitudine forse un passato per loro insostenibile o forse solo tanta schifezza chissà..certo che la tua ultima frase del post fa pensare…
    cinzia
    p.s. mica ho capito che è successo ai post?

    • Iannozzi Giuseppe ha detto:

      Qui solo racconto di un uomo che ha avuto tante donne ma che da nessuna di loro è stato realmente amato. Arrivato alla vecchiaia continua a guardare le donne, che ridono di lui. E lui pur sapendo che ridono di lui e non con lui lo accetta e ride con loro. Racconto una solitudine che si è protratta per tutta la vita di questo uomo, perché mai ha incontrato una amante che sia andata oltre l’apparenza, mai una che abbia cercato di amare la sua anima. Il succo è poi nell’ultima frase di questo racconto brevissimo: “Le donne mi hanno posseduto solo e sempre per la mia animalità a letto, nessuna però si è mai innamorata di me, nessuna ha mai avuto il coraggio di guardare in fondo alla mia anima”. Non un maniaco dunque, bensì un uomo tanto tanto solo ma che non farebbe mai del male a una donna.

      beppe

      P.S.: Era stato segnalato su un canale di informazione, ma questo canale ha pensato di censurarlo. E non solo questo, ragion per cui ho portato via le chiappe da quel canale. La censura è per chi non ha palle e intelligenza, ma solo tanta ignoranza dalla sua, ignoranza voluta e coltivata per star dietro ai pregiudizi e al Potere.

I commenti sono chiusi.