testamento contro, XXXIII (invidia) | di Iannozzi Giuseppe aka King Lear

Testamento contro XXXIII

di iannozzi giuseppe aka king lear

XXXIII.

invidiaCosì ora so chi sincero e chi no, chi nell’invidia s’è pasciuto stringendomi forte la mano, fra sé e sé pensando “tanto è un coglione… per il tornaconto mio val però la pena di spremerlo per un po’”.

Gran numero davvero di persone così superficiali, tutte intimamente illuse ch’io nulla sospettassi, quando pure i sassi a me pari avevan già sul momento compreso quanto forte la bile a ingrassargli il fegato.

Seppur di Folle il mio Nome, niente ignoravo, come da tempo immemore vero è che anche i muri hanno occhi e orecchi.

Adesso che scoperte ho le mie carte una a una, adesso che faccia adotterete mai per farvi a me incontro?

Informazioni su Giuseppe Iannozzi

Iannozzi Giuseppe, detto Beppe Iannozzi o anche King Lear. Chi è Giuseppe Iannozzi? Un giornalista, uno scrittore e un critico letterario Ma nessuno sconto a nessuno: la critica ha bisogno di severità e non di mafiosa elasticità.
Questa voce è stata pubblicata in arte e cultura, cultura, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe o King Lear, poesia, prosa poetica, società e costume, testamento contro e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a testamento contro, XXXIII (invidia) | di Iannozzi Giuseppe aka King Lear

  1. cinzia stregaccia ha detto:

    quella di sempre. non hanno alcun pudore.
    cinzia

I commenti sono chiusi.