Quantomeno imbarazzante | Giuseppe Iannozzi

Quantomeno imbarazzante

Giuseppe Iannozzi

Giulio Mozzi, giustamente, finì al macero. Accadeva proprio ieri, giugno 2012.

Oggi su Vibrisse bollettino, felice come una pasqua, Mozzi stesso annuncia:

uasDopo l’estate l’editore Laurana, che già ha ripubblicato Il male naturale e La felicità terrena, pubblicherà un’edizione digitale di Sono l’ultimo a scendere. Stiamo cercando un’immagine per la copertina, e abbiamo pensato di indire un concorso. Chi volesse proporre una propria immagine può inviarla entro il 31 agosto a Gabriele Dadati, presso l’editore. Il premio consisterà in una paccata di libri di carta e, ovviamente, in una copia dell’edizione digitale di Sono l’ultimo a scendere.

Il libro di Mozzi vendette, con Mondadori, qualcosa come 4000 copie, vendette così tanto poco che l’editore non l’ha nemmeno accolto nella collana piccola biblioteca Oscar Mondadori (e come dargli torto?). Fu un flop madornale.

Oggi, che il libro è al macero, Laurana editore (Gabriele Dadati), ha pensato bene di ripubblicare l’amico Giulio in formato eBook. Con quello che è, a mio avviso, uno specchietto per le allodole: indire un concorso per realizzare una nuova copertina a Sono l’ultimo a scendere (e altre storie credibili).

Tutto ciò è quantomeno imbarazzante. O no?

Informazioni su Iannozzi Giuseppe

Iannozzi Giuseppe, detto Beppe Iannozzi o anche King Lear. Chi è Giuseppe Iannozzi? Un giornalista, uno scrittore e un critico letterario Ma nessuno sconto a nessuno: la critica ha bisogno di severità e non di mafiosa elasticità.
Questa voce è stata pubblicata in editoria, Iannozzi Giuseppe, Iannozzi Giuseppe sconsiglia, non letteratura, rassegna stampa, recensioni, società e costume, stroncature e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Quantomeno imbarazzante | Giuseppe Iannozzi

  1. Pingback: Da dimenticare. 10 cattivi libri di cui possiamo fare a meno | Iannozzi Giuseppe aka King Lear

I commenti sono chiusi.